Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il presidente della Federcalcio ha detto che bisogna frenare lo sforamento dei trasporti dopo i danni provocati dall’epidemia

Il capo del calcio italiano Gabriele Gravina ha affermato che la Federcalcio inglese ha approvato regolamenti che impedirebbero ai club di spendere troppo per i trasferimenti nel tentativo di invertire i profondi problemi finanziari esacerbati dalla pandemia di coronavirus.

In un’intervista all’AFP, Gravina ha affermato che la Federcalcio (FIGC) ha dato il via libera a un tetto di trasferimento sui club, impedendo loro di spendere più soldi rispetto al budget della stagione precedente e mirando ad affrontare il “continuo indebitamento dei club”.

“La federazione sta facendo la sua parte adottando regole che incoraggiano i club a essere più prudenti di quanto non siano stati in passato”, ha detto Gravina.

I suoi commenti arrivano dopo che la FIFA ha stimato la scorsa settimana che la pandemia di Covid-19 aveva causato un calo delle entrate del calcio professionistico italiano di 1 miliardo di euro (1,2 miliardi di dollari), mentre i tre più grandi club del paese – Juventus, Milan e Inter – erano coinvolti in un progetto L’inquietante European League sulla promessa di benefici finanziari.

“La Premier League è la risposta sbagliata a un problema reale: per rendere il calcio europeo più competitivo, dobbiamo creare più stabilità”, ha detto Gravina.

“Ma aumentare le entrate non è l’unica soluzione, dobbiamo anche contenere i costi. Spero di avere una discussione approfondita tra UEFA, club e federazioni nazionali per rendere il gioco più sostenibile”.

La pandemia ha messo in luce il divario tra i club della Premier League in Inghilterra e il Paris Saint-Germain di proprietà del Qatar in Francia e nel resto d’Europa.

La spesa dei migliori club italiani quest’estate è stata ragionevolmente modesta mentre cercano di far fronte alle loro finanze malconce, con gli esperti finanziari Deloitte che affermano che la spesa netta della Serie A è stata di 50 milioni di euro rispetto a mezzo miliardo di euro in Inghilterra.

READ  I leader del G7 concordano su vaccini, Cina, imposta sulle società | corporate Notizie, sport, lavoro

Il Milan ha speso 75 milioni di euro per 11 giocatori, l’ultimo dei quali – Junior Messias – è arrivato in prestito per una stagione con un’opzione di cinque milioni di euro per l’acquisto dal Crotone in Serie B, dopo una lunga ascesa attraverso il calcio dilettantistico. E il periodo di spostare i frigoriferi per guadagnarsi da vivere.

I campioni d’Italia dell’Inter hanno risposto a quasi 200 milioni di euro di vendite spendendo solo 36 milioni di euro nella finestra estiva, con la Juventus che si posiziona ancora meno, anche se entrambi i club hanno messo in scena esordienti importanti come Manuel Locatelli e Joaquin Correa in un modo che li fa pagare. La maggior parte del costo sarà nei prossimi anni fiscali.

– Esempio delle Azzorre –

Tuttavia, Gravina ha affermato che i club dovrebbero concentrarsi maggiormente sullo sviluppo di giocatori che possono giocare per la rivitalizzata nazionale italiana, che dopo aver vinto Euro 2020 è tornata negli stadi giovedì nel tentativo di qualificarsi per la Coppa del Mondo 2022 in Qatar.

“La crisi conseguente alla pandemia sarà un’opportunità per investire principalmente sulla formazione e sfruttare maggiormente i giovani che potranno essere selezionati per le nostre nazionali”, afferma Gravina.

“Sono partiti dei grandi giocatori, ma il calcio resta uno sport di squadra e alcuni allenatori si esprimono meglio quando non possono contare su singoli fuoriclasse.

“La Nazionale è un esempio calzante, con giocatori che si sono messi al servizio della partita e hanno dimostrato di saper giocare insieme”.

Gravina vuole che la squadra di Roberto Mancini rafforzi il successo ottenuto all’Europeo in Qatar dopo aver saltato i Mondiali 2018 in quello che Gravina definisce “il periodo più buio della nostra storia moderna”.

READ  Il brasiliano Bright passa in prestito al Torino

“Dobbiamo qualificarci – dice -. Vincere a Wembley non ci fa dimenticare che a fine 2017 abbiamo mancato quel traguardo”.

“Il progetto di ricostruzione ha già ottenuto grandi risultati, ma dobbiamo continuare questo lavoro perché vogliamo venire in Qatar tra i candidati”.

alu / ng / jld / td / gj