Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il podcast a pagamento di Apple potrebbe essere troppo ricco per alcuni

Per anni, Apple ha gestito la directory di podcast più potente del mondo, ma il gigante della tecnologia non ha mai visto podcast e non ha mai cercato di fare soldi dall’intermediario, fino alla scorsa settimana.

Il produttore di iPhone ha ora introdotto un programma per consentire ai creatori di vendere abbonamenti premium agli ascoltatori, con Apple che fa un taglio obbligatorio. I proprietari di podcast possono scegliere il proprio prezzo di abbonamento e i vantaggi che ne derivano – episodi bonus, primi episodi, episodi senza pubblicità – ma si presume che il feed principale per la maggior parte degli spettacoli sarà ancora gratuito.

I servizi di abbonamento Podcast di Apple vengono forniti con una correzione visiva per la sua app Podcast.

È interessante notare che non è richiesto alcun blocco forzato o esclusivo mentre gli episodi bonus saranno disponibili solo tramite l’app podcast di Apple, i creatori sono liberi di offrire lo stesso materiale nei servizi di abbonamento e nelle app concorrenti.

La reazione delle emittenti agli annunci di Apple è stata mista. Mentre Malcolm Gladwell Revisionismo storico Sembrando totalmente agitati dalle probabilità mentre rilasciano fantastici video Apple, i podcast con profili più piccoli sembrano meno entusiasti.

Caricamento in corso

La quota di Apple di ogni abbonamento è del 30 percento nel primo anno, scendendo al 15 percento annuo per ogni abbonato ricorrente. Questo è simile a quello che Apple addebita agli sviluppatori di app con gli abbonamenti, ma molto più alto di quello che useranno i podcast e altri creatori. In confronto, le popolari piattaforme di finanziamento della comunità Patreon e Substack addebitano rispettivamente l’8% e il 10%.

READ  I giocatori hanno speso $ 59,5 miliardi in titoli mobili già nel 2021

Entrambe le società forniscono anche strumenti per costruire comunità, collegarsi a servizi popolari come Discord per chattare o offrire opzioni di swag redditizie. Ma ascoltare un podcast alimentato da Patreon o Substack è un’esperienza ingombrante e talvolta difficile, quindi Apple può giustificare una commissione più alta, poiché promette di essere priva di attriti nella sua esperienza. Apple porta milioni di potenziali nuovi clienti con i dettagli della loro carta di credito sulla sua piattaforma.

Con questo in mente, la commissione del 15% sembra giusta, ma il 30% sembra troppo alto per la stragrande maggioranza dei proprietari di podcast freelance. La categoria delle piccole imprese, che addebita un massimo del 15%, dovrebbe essere introdotta qui, in modo simile a ciò che Apple offre agli sviluppatori di app con meno di 1 milione di dollari di entrate nell’App Store.

La maggior parte dei proprietari di podcast che guadagna attualmente lo fa attraverso gli annunci. Il più grande concorrente di podcast di Apple, Spotify, lo rende semplice offrendo strumenti di inserimento di annunci per i creatori di podcast e carichi di denaro per le superstar.

Attraverso i suoi ultimi passaggi, Apple offre ai creatori di podcast e agli ascoltatori un modo più semplice per annullare l’iscrizione agli annunci, il che migliorerà l’esperienza di ascolto su Apple Podcast, potenzialmente danneggerà il modello supportato da pubblicità di Spotify e invierà più dollari come Apple.