Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il padre di Tramisu d’Italia è morto all’età di 93 anni | Italia

E’ morto all’età di 93 anni il ristorante italiano noto come “il padre di Tramisu”. Ado Campiol è morto sabato nella sua casa di Treviso, nel Venito.

Sebbene l’origine del dolce sia spesso controversa, la famiglia non ha mai confermato il copyright sulla ricetta e Campiol e sua moglie Alba, proprietari di un ristorante chiamato Al Becheri, sono ampiamente considerati i suoi inventori.

Secondo gli storici, questo piatto – tuorlo d’uovo sbattuto con mascarpone, a strati su un biscotto imbevuto di caffè e mescolato con cacao amaro in polvere – è stato inserito nel menu del loro ristorante nel 1972.

Quella parola Tromisù, Tradotto come “Sollevami”, dal dialetto trevigiano.pneumatico“E si diceva che avessero dolci effetti afrodisiaci.

Roberto Linguanoto, chef che ha lavorato ad Alle Becheri e da molti descritto come un co-inventore di dolci, ha detto che Tromisu è stato il risultato di un incidente.

Carlo, il figlio di Campiol, che ora gestisce il ristorante, ha dichiarato: “Quando Alpha mi ha allattato al seno alcuni anni fa, ha usato il mascarpone mescolato con zucchero e biscotti per mantenere la sua tradizionale energia a Traviso. Poi, con il suo cuoco, ha trasformato quegli ingredienti in un budino.

Nel 1939 Campbol ha lavorato con la sua famiglia Lee Becheri fin dalla tenera età. “Mio padre è una persona molto giusta, molto vicino alla sua famiglia, un serio professionista”, ha detto Carlo al quotidiano italiano Corriere della Sera. . “Era un’ispirazione per tutti noi”.

Luca Zaya, governatore del Veneto, ha scritto su Twitter: “La città ha perso un’altra stella della sua storia enogastronomica”. Nel 2013, Jaya si è offerta volontaria per ricevere la certificazione UE per il dessert, che avrebbe incastonato nella pietra gli esatti ingredienti utilizzati il ​​giorno in cui è stato scoperto a Campiols.

Ci sono molte varianti di Tromisu. Alcuni chef usano altri dolci come il panetone. La ricetta originale – certificata dall’Accademia Italiana della Cucina nel 2010 – sebbene analcolica, le varietà includono alcolici come rum o marsala.

“Ogni paese ha i suoi gusti”, disse una volta Linguanoto. “Finché ti eleva, è un bene per me.”

READ  Gli archeologi usano l'esclusivo veicolo rituale Pompei Archeologia