Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nuovo podcast di Hideo Kojima è un disastro, ma dannazione se non ascoltiamo

Hideo Kojima si siede dietro un microfono e guarda la telecamera nello studio di Spotify.

immagine: spotify

I giochi di Hideo Kojima sono sempre come un cubo di rubik cerebrale. La trama, il ritmo, i dialoghi e il gameplay tendono a fornire questo puzzle divertente, se non sfuggente, a cui probabilmente continuerai a pensare anche dopo aver finito di giocarci. Ci si aspetta il nuovo podcast esclusivo su Spotify, struttura cerebrale, per essere anche intelligenti e attraenti, soprattutto se teniamo conto del nome. Ma dopo aver ascoltato il primo episodio “Hideo Kojima’s Brain Dive”, mi sono ritrovato a pensare di più alle strane scelte di produzione e alla tristemente disordinata versione inglese. È un peccato, perché il podcast doveva riguardare l’apprendimento di curiosità e storia interessanti sui giochi Kojima acclamati dalla critica.

Noto per i giochi che sono riusciti a cavalcare il confine tra enormi punteggi AAA ed esperienze innovative e brillanti, Hideo Kojima è ampiamente considerato l’autore del gioco nell’industria dei giochi. Il mese scorso, il leggendario sviluppatore di giochi giapponese ha annunciato che la versione inglese e giapponese del nuovo podcast sarà distribuita esclusivamente su Spotify. intitolato struttura cerebraleOgni episodio esplorerà la storia e i suoi pensieri sulle sue opere più classiche.

Il primo episodio del nuovo podcast inizia drammaticamente con una voce tagliente che chiede: “Da dove prende le idee Hideo Kojima?” Tutto era sintonizzato sui suoni freddi dei poeti silenziosi, quindi ho alzato un po’ gli occhi al cielo.

Sfortunatamente, come alcune delle tante parti conclusive di filone della morte Cosa che ho appena rifiutato di continuare, c’era un sacco di preambolo. Mi ci sono voluti più di due minuti per arrivare ai dettagli dell’episodio, poiché ha iniziato a diventare strano. Ciò accade quando una voce robotica di un personaggio simile all’intelligenza artificiale chiamato Brains sembra chiedere il permesso a Kojima di spiegare l’argomento del podcast prima di chiedergli perché lo sta facendo in primo luogo.

Il problema più grande con la versione inglese è che puoi sentire Hideo Kojima parlare giapponese sotto il suo traduttore inglese in modo più che monotono – che in almeno un’occasione ha ripetuto la stessa frase due volte, non per effetto drammatico. Questo tipo di traduzione funziona bene per piccole interviste o per tenere un discorso a una cerimonia di premiazione. Ma su un podcast di 25 minuti, è dolorosamente distratto.

È brutto perché il contenuto è ciò che mi piace ascoltare. Kojima pensa alle sue decisioni quando prende la prima decisione attrezzature metalliche per MSX. Parla di come elementi di gioco unici lo mettano in contrasto con altre persone del settore che spesso vedevano le sue idee stravaganti come rischiose o inefficaci. C’è un po’ di divertimento nell’evoluzione di Solid Snake come personaggio. Adoro le curiosità come questa! Mi fa venire voglia di giocare di nuovo a questi giochi per la milionesima volta. Ma il problema è che faccio fatica a prestare attenzione o anche solo a ricordare cosa viene detto perché, beh, due persone contemporaneamente parlano letteralmente due lingue diverse da un lungo periodo di tempo. Certo, la voce di Kojima ha un volume un po’ più basso, ma ho ancora faticato a superarlo. E 25 Minutes è un podcast abbastanza breve!

struttura cerebrale Dev’essere un momento divertente, sai, sono un fan di questi giochi abbastanza per controllare i prossimi episodi, ma a un certo punto o dovranno cambiare il formato o dovrò farlo io impara il giapponese. E probabilmente perderò perché mi secca imparare nuove lingue.

Ad ogni modo, mi assicurerò di fare una pausa caffè durante il podcast “TGA The Geoff’s Answer” con “MC” Geoff Keighley che legge i titoli delle notizie di gioco alla fine.

READ  Per una vera dimostrazione di fortuna, metti l'inchiostro della tua stampante dietro le orecchie invece di Chanel No. 5 • The Register