Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nuovo libro di Adam Toze documenta l’impatto economico della pandemia

Shutdown: come il Covid ha scosso l’economia globale. Scritto da Adam Toze. vichingo. 368 pagine $ 28. Allen Lane £ 25

Tè covid19. La pandemia può essere l’esempio più chiaro di globalizzazione che la storia abbia mai presentato. Non è che il virus si sia diffuso così rapidamente in tutto il mondo. Quando i governi hanno risposto imponendo blocchi, quasi il 95% delle economie mondiali ha registrato una contrazione simultanea in prodotto interno lordo per ogni capo.

Ascolta questa storia

Ascolta in movimento

Ottenere L’economista Candidati e gioca, ovunque tu sia

Gioca nell’app

Anche i milioni di lavoratori che hanno lasciato il lavoro faranno fatica a trovare il tempo per stare al passo con tutte le ricadute. Così Adam Toze, professore di storia alla Columbia University, ha assunto l’ambizioso compito di produrre una storia immediata delle ricadute economiche della pandemia. Come con il suo libro precedente “Crashed”, sulla crisi finanziaria del 2008 e 2009, Tooze mostra un’impressionante capacità di padroneggiare i dettagli. La sua gamma è molto ampia. Questo è un quadro fedele dell’impatto globale della crisi. Copre le turbolenze nei mercati finanziari, così come i dettagli della politica del governo.

Per i lettori toccati dalla notizia, un vantaggio di questa data spot è che il signor Tooze ricorda loro ciò che i personaggi pubblici hanno detto nelle primissime fasi della pandemia. Il 3 febbraio 2020, Boris Johnson, il primo ministro britannico, ha avvertito del rischio che “nuove malattie come il virus Corona potrebbero portare a uno stato di panico”, portando ad azioni “che vanno oltre ciò che è razionale dal punto di vista medico, fino alla punto di causare danni economici reali e inutili.” .”. Nel giro di due mesi, l’economia britannica si è fermata. Il 25 febbraio 2020, Larry Kudlow, consigliere del presidente Donald Trump, ha dichiarato: “L’abbiamo contenuto”, aggiungendo allegramente: “Non credo che sarà affatto una tragedia economica”.

Le banche centrali sono state più rapide nel comprendere le implicazioni della malattia. Come osserva Mr. Tooze, hanno agito non solo su una scala senza precedenti, ma molto rapidamente. Nel 2008 c’è stata una nota di esitazione riguardo agli interventi della banca centrale. Nel 2020 è andata”, ha scritto. I governi hanno finito per sostenere questo stimolo monetario con la politica fiscale. Il sostegno di 14 trilioni di dollari che hanno fornito entro la fine del 2020 è stato molto maggiore dello stimolo che hanno fornito sulla scia della crisi finanziaria globale.

Nel frattempo, i paesi in via di sviluppo hanno subito danni economici dalla pandemia molto meno di quanto previsto in precedenza. Dal 2000, i mercati emergenti hanno ampiamente evitato due rischi importanti e correlati, l’ancoraggio dei tassi di cambio al dollaro e l’indebitamento in valuta estera. Questo li ha salvati dalla situazione che molti hanno sperimentato negli anni ’90: addebitare alti tassi di interesse per difendere le loro valute o svalutare quelle società e banche che hanno preso in prestito in dollari e rischiano il fallimento. Di conseguenza, molte banche centrali dei mercati emergenti sono state in grado di tagliare i tassi di interesse in risposta al rallentamento causato dal coronavirus. I costi di indebitamento nei mercati obbligazionari internazionali sono aumentati solo per un breve periodo prima di tornare al punto in cui erano prima della pandemia.

I mercati finanziari hanno subito apprezzato questo contesto politico favorevole. Hanno iniziato a rimbalzare alla fine di marzo 2020, appena un mese dopo che le economie hanno iniziato a chiudere. Questo, a sua volta, ha perpetuato lo stallo che le autorità avevano sperimentato dal 1987, quando hanno tagliato i tassi di interesse in risposta a un grave crollo del mercato azionario: ogni volta che hanno salvato l’economia, hanno fornito un importante impulso ai mercati delle attività. L’autore osserva che “il 10% più ricco nelle società sviluppate che possedeva la maggiore ricchezza finanziaria ha ricevuto un incentivo a rendere nana qualsiasi cosa pubblicamente denunciata”.

Il libro di Mr. Tooze è un resoconto straordinariamente completo degli sviluppi economici degli ultimi diciotto mesi. Quando si tratta di interpretazione, i dubbi si insinuano. Toze descrive gli eventi del 2020 come “una crisi globale dell’era neoliberista”. Ma questo è vero? Il mercato umido cinese è “neoliberale”? I primi tentativi delle autorità cinesi di sopprimere le notizie sull’epidemia sono stati un esempio di neoliberismo o semplicemente illiberalismo?

Affrontare il virus si è rivelato una lotta per paesi con sistemi molto diversi come Iran, India e Perù. Anche nel mondo sviluppato, se Boris Johnson, Angela Merkel e Justin Trudeau sono definiti neoliberisti, il termine è troppo ampio per significare qualcosa.

I vantaggi del senno di poi

L’autore è più parsimonioso con i dati quando è al massimo. Ad esempio, parla degli “stati sociali fragili e vulnerabili” che la pandemia sta affrontando. Nel 1980, quando iniziò l’ascesa di Margaret Thatcher e Ronald Reagan, la media era Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Lo stato ha stanziato il 14,5% della sua superficie prodotto interno lordo per la spesa sociale; Nel 2019 la media era del 20%. In Gran Bretagna e in America, la spesa sociale è aumentata di cinque e sei punti percentuali da prodotto interno lordo rispettivamente nello stesso periodo.

Anche nell'”era dell’austerità” tra il 2007 e il 2017, la spesa pubblica reale pro capite è aumentata dell’1% all’anno in tutto il mondo. Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Si trova solo in Grecia e in Italia. E se l’austerità è la colpevole, perché, rispetto al resto del mondo sviluppato, la Grecia ha gestito così bene la pandemia? Proprio come per un uomo con un martello ogni problema sembra un chiodo, per un accademico con una visione del mondo di sinistra di Toz, ogni crisi è il risultato del neoliberismo.

La sfida della storia immediata è che i suoi giudizi possono essere superati dagli eventi. La crisi finanziaria del 2008 non è stata una manna per i partiti di sinistra come ci si potrebbe aspettare. Invece, ha portato all’ingresso di Trump e all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Tuttavia, il trattamento preferito di Tooze per più governo potrebbe essere in arrivo. La crisi ha indotto i paesi di tutto il mondo ad abbandonare l’idea di ridurre lo stato e invece li ha spinti ad espanderlo in modo significativo. È improbabile che ciò si dimostri uno sviluppo a breve termine, soprattutto perché le pressioni populiste tendono a incoraggiare i leader a intervenire di più, non di meno. Se è così, il sistema economico è pronto a sperimentare la propria forma di “coronavirus lungo”.

Questo articolo è apparso nella sezione Libri e arti dell’edizione cartacea con il titolo “Tosse che si sente in giro per il mondo”.

READ  Il G20 punta a un accordo globale sulla tassazione delle società entro luglio