Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nuovo CEO del Gruppo Davines in Nord America è Alejandro López – WWD

Milano – Davines Group, l’azienda di bellezza italiana proprietaria dei marchi professionali per la cura dei capelli e della pelle, rispettivamente Davines e Comfort Zone, ha trovato il suo uomo negli Stati Uniti.

Alejandro Lopez è stato nominato CEO di Davines North America, succedendo ad Anthony Mullet, promosso lo scorso anno a CEO dell’intero gruppo. La nomina di Mullet è entrata in vigore a maggio.

Lopez riporterà a Mollet in linee tratteggiate a Mark Gianandrea, direttore generale globale per il business Hair Care, e Arnaud Julien, direttore generale globale per Comfort Zone, tramite Brian Brazzo, amministratore delegato per Comfort Zone Nord America.

Mullet ha guidato la crescita esponenziale della filiale nordamericana dell’azienda, che durante i suoi 13 anni di mandato è diventata la top performer del gruppo. Oltre a New York, l’azienda è presente in più di 90 paesi con uffici a Londra. Parigi; Città del Messico; Hong Kong e Deventer, Paesi Bassi.

Dopo aver conseguito una formazione internazionale, tra cui una laurea in ingegneria chimica presso la Tufts University, e programmi esecutivi presso le università del MIT e di Harvard, nonché INSEAD a Fontainebleau, in Francia, Lopez ha continuato a guadagnare business-to-business e business-to-consumer esperienze nel settore della bellezza. .

Dopo essere entrato in L’Oréal del Venezuela nel 1992 e aver ricoperto diverse posizioni di marketing e direzione generale per l’azienda in Sud America ed Europa, López è stato promosso nel 2008 da L’Oréal Professionel a Vice President e General Manager degli Stati Uniti, dove ha anche ha supervisionato i marchi tra cui L’Oréal Professional e Kérastase. Nel 2011 è stato nominato Senior Vice President e General Manager di SalonCentric, la filiale di distribuzione di L’Oréal USA.

Alejandro Lopez
Per gentile concessione del Gruppo Davines

Mullet ha sottolineato che “la profonda conoscenza di Lopez del mercato nordamericano, unita alla sua esperienza all’estero, lo rende una risorsa importante per noi”.

“Ma soprattutto, vedo Alejandro come un’ottima soluzione per il nostro insieme di valori per le persone e il pianeta, che è sempre stato alla base della nostra strategia di crescita”, ha aggiunto Mollet.

Mentre la pandemia ha fermato la crescita a due cifre anno su anno del Gruppo Davines lo scorso anno, l’azienda è ancora in grado di limitare le perdite, un compito impegnativo dato che i suoi saloni di parrucchieri e le sue attività termali sono state duramente colpite dalle restrizioni COVID-19.

Nel 2020, il fatturato del gruppo è sceso del 6,2% a 153 milioni di euro, ma l’utile netto è cresciuto del 12% a 14,7 milioni di euro. Oltre il 78% del fatturato totale è stato generato al di fuori dell’Italia, con il Nord America che rappresenta il 35% del fatturato totale.

Nei primi quattro mesi del 2021, il Gruppo Davines ha registrato un fatturato di oltre 60 milioni di euro, con un incremento rispettivamente del 33% e del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del 2019.

Fondato nel 1983 dalla famiglia Bollati, Davines Group è un’azienda di ricerca che produce per conto terzi prodotti di alta gamma per la cura dei capelli e della pelle. Nel 1993, l’azienda ha fondato il marchio di prodotti per la cura dei capelli Davines. Tre anni dopo, Comfort Zone ha lanciato prodotti professionali per la cura della pelle destinati a spa, bagni termali e centri estetici. Tutte le procedure di formulazione e produzione avvengono nei laboratori all’interno del villaggio di Davines, sede dell’azienda a Parma – nella regione italiana dell’Emilia-Romagna – che ha aperto nel 2018.

READ  Il braccio indiano di Piaggio ha aperto il primo stabilimento per veicoli elettrici a Chennai