Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nuotatore ucraino Andrei Govorov chiede aiuto al mondo!

Andrei Govorov è un famoso nuotatore che attualmente gareggia con l’Ucraina. C’è molto successo dietro di lui, ed è uno dei nomi più famosi del suo paese. Ha deciso di parlare anche con i tempi di impegno. In un primo momento, Govorov ha affermato che il paese è attualmente allo sbando e che sta cercando di aiutare il suo paese con le parole.
“Mi sono allenato per andare a gareggiare nelle selezioni mondiali, ma 3 giorni prima delle gare hanno cancellato gli aerei per l’Ucraina: questa è stata la conferma che la guerra stava per iniziare, l’invasione russa”.

“Adesso il nuoto per me non è niente, un po’, mi alleno il minimo necessario, meno di un’ora e mezza al giorno, faccio degli sprint, solo perché ho la piscina a cinque minuti da casa”. “Poi ho usato la mia giornata per aiutare la mia famiglia, l’Ucraina, i valori di democrazia, libertà, ordine e pace nel mondo.

Sto attraversando una fase molto difficile, ma sto cercando di mettermi il più possibile a disposizione dei miei connazionali. “Non sono in Ucraina per combattere, non ero nell’esercito, ma voglio combattere con le parole, sono il portavoce di Kahrlan di tutti gli atleti e vogliamo raggiungere tutti”.

“Nel mio paese molti hanno perso la casa, anche gli atleti hanno perso la vita come il biatleta diciannovenne Evin Malyshev, come il calciatore Dmytro Martinenko con sua madre, un altro calciatore Vitaly Sapelo, aveva solo 21 anni, e alcuni di i miei amici si sono infortunati, anche 3 calciatori della nazionale ucraina.

famiglia Govorov

Ha anche rivelato dove si trovavano i suoi familiari. Govorov crede che come società dovremmo fare di più e cercare di fermare la guerra
“Dov’è la mia famiglia? Non voglio parlare di mia madre per motivi di sicurezza, ma sta bene”.

READ  Novak Djokovic sopravvive allo spavento del Roland Garros contro un adolescente italiano

“Mio figlio e mia moglie sono riusciti a convincerli a fuggire dall’Ucraina e portarli in Polonia, ma molti dei miei parenti sono ancora a Dnipro, la mia città, e si stanno tutti difendendo dagli attacchi dei russi”.

“Siamo una nazione unita e cerchiamo di aiutarci a vicenda il più possibile. Mio nonno era nell’esercito. Vengo dalla Germania e cerco di sostenere l’Ucraina contro l’aggressione russa attraverso i media”. “Sono un atleta, metà ucraino e metà russo, ho vissuto in entrambi i paesi, so cosa si prova ad essere ucraino o russo, fin dall’inizio la Russia è stata aggressiva, è stato nel 2014 per la Crimea e ora ci ha invaso per la seconda volta in modo devastante”.

“Dobbiamo esercitare quanta più pressione possibile e, si spera, imporre sanzioni alla comunità per fermare questo massacro”. “Noi atleti dobbiamo rimanere uniti e continuare a praticare ogni forma di condanna della guerra attraverso i media nel Comitato Olimpico e nelle Federazioni Russe anche se gli atleti non sono da biasimare”.

“Sento anche atleti russi che sono rimasti delusi dal comportamento del loro governo, sono stati critici e stanno combattendo per fermare la guerra. Lo stesso sta accadendo in altri settori della società: spero che le sanzioni economiche fermino l’invasione”.

Ha anche sottolineato l’influenza dei social network, ma ha anche ringraziato l’Italia, dove un tempo ha vissuto. “Attualmente alcuni mi scrivono commenti negativi sui social perché non la pensano come me, ci sono anche molti atleti russi che sostengono apertamente Putin”.

“Immagina un ascensore con dentro 6 persone: uno inizia a litigare con l’altro, tu inizi a litigare sulla guerra e non finirai mai più con una tale carneficina.” “Ora vorrei solo ringraziare in italiano la famiglia sportiva italiana per il supporto che ci ha dato: siamo per la pace e abbiamo bisogno di aiuti umanitari per i bambini e le mamme, abbiamo bisogno di cibo per i bambini e beni di prima necessità”.

READ  Artemest, il mercato online del lusso per l'artigianato italiano, raccoglie 15 milioni di euro di investimenti da IRIS Ventures e Olma Luxury Holdings

“Mi rivolgo a te: mi impegno a raccogliere donazioni sul sito https://andrii-govorov.com/, anche un euro può aiutare la nostra gente. Grazie di cuore”.