Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nostro pianeta è cambiato radicalmente: la ricerca di un luogo per celebrare l’inizio dell’Antropocene | si è evoluto

Tra poche settimane, i geologi selezioneranno un sito che mostrerà più chiaramente come gli esseri umani hanno cambiato la struttura della superficie del nostro pianeta. Sceglieranno un luogo che, secondo loro, meglio illustra la nascita di una nuova era, che hanno chiamato Antropocene, e la fine del suo predecessore, l’Olocene.

L’Olocene iniziò alla fine dell’ultima era glaciale 11.700 anni fa quando i grandi ghiacciai che un tempo ricoprivano la Terra iniziarono a ritirarsi. Sulla loro scia, gli umani moderni si sono diffusi inesorabilmente in tutto il pianeta.

Homo sapiens Ha prosperato durante l’Olocene, ma la nostra espansione ha avuto conseguenze geologiche. I minerali che abbiamo estratto, i gas che abbiamo rilasciato bruciando combustibili fossili e i materiali radioattivi che abbiamo prodotto hanno iniziato a produrli. Cambiamenti fondamentali nella geologia della Terra.

Di conseguenza, molti scienziati ritengono che l’Olocene sia ormai finito e hanno chiamato il suo sostituto Antropocene, una mossa che ha considerato per la prima volta che gli umani erano gli influenzatori del pianeta. Per quanto riguarda la storia di questo evento, la maggior parte si riferisce agli anni successivi alla seconda guerra mondiale, quando i paesi di tutto il mondo intrapresero una massiccia espansione economica e industriale nota come Grande Accelerazione. Si dice che questo abbia dato origine all’Antropocene.

Ma non è stato ancora deciso dove celebrare questo cambiamento. Un elenco di nove siti – comprese le barriere coralline in Australia, strati di limo dal Canada e un nucleo di ghiaccio dall’Antartide – è stato creato lo scorso anno da un gruppo di lavoro sull’antropocene chiamato i migliori candidati Nel fornire i segni, nei loro depositi, che meglio illustrano i cambiamenti che hanno portato la nuova età.

READ  L'Australia aumenta il debito a livelli negativi senza fine in vista

I voti dei membri vengono ora contati e verrà creata una lista ristretta per l’esame finale entro la fine dell’anno, avviando un processo che richiederà altri tre organi supremi per sostenere la proposta. Il vincitore sarà poi contrassegnato con una targa di rame che viene utilizzata per contrassegnare i luoghi che rivelano i cambiamenti negli strati che segnano l’inizio di una nuova era. Uno di questi dipinti, su una montagna a Monte San Nicola, Puglia, Italia, celebra l’inizio dell’era glaciale 2,6 milioni di anni fa, il precursore dell’Olocene.

“Non c’è dubbio che l’umanità ora gioca un ruolo importante nell’influenzare la geologia del nostro pianeta”, ha detto il geologo Jan Zalasiewicz dell’Università di Leicester. “La domanda è: quale posto riflette meglio questi cambiamenti?”

Zalasiewicz ha aggiunto che uno dei primi esempi dell’impatto che gli esseri umani hanno avuto sulla geologia del nostro pianeta è fornito dall’alluminio. “In natura, l’alluminio metallico puro è più raro dei denti di pollo. Esiste solo in tracce. Quasi tutto il nostro alluminio proviene da minerali in cui il metallo forma composti con altri elementi.

Una spiaggia inquinata a Taiwan. Foto: Wiktor Dąbkowski/Zuma Press Wire/Rex/Shutterstock

“Negli ultimi 100 anni, abbiamo estratto, lavorato ed estratto circa mezzo miliardo di tonnellate di alluminio metallico da questi ossidi, idrossidi e silicati e li abbiamo usati per realizzare qualsiasi cosa, dagli utensili agli aerei”.

Questi beni sono stati poi scaricati quando hanno cessato di essere utilizzati. Sebbene sia avvenuto un certo riciclaggio, l’alluminio metallico, un tempo molto raro, si è diffuso in tutto il pianeta. “Da solo, questo sarebbe un segno sicuro per gli alieni che atterrano in un lontano futuro che qualcosa di speciale sta accadendo sulla Terra in questo momento”, ha aggiunto.

Tuttavia, l’aspetto metallico dell’alluminio non è l’unico segno dell’era antropocenica. Un altro esempio è fornito dal plutonio. È molto, molto raro, o almeno lo era fino alla nascita dell’era atomica. Testate nell’atmosfera, le bombe nucleari hanno rilasciato plutonio, che si è depositato sulla Terra in quantità facilmente rilevabili.

“Se si guarda ad alcune misure dell’Antropocene, come l’alluminio, si vedrà una crescita costante delle quantità nell’ultimo secolo”, ha affermato il professor Colin Waters dell’Università di Leicester. Ma fino alla fine della seconda guerra mondiale, non era rimasto plutonio sulla Terra. Poi, all’improvviso, ce n’erano molti. Questo lo rende un ottimo indicatore dell’inizio dell’Antropocene e suggerisce una data per la sua nascita nei primi anni ’50.

Un altro chiaro segnale che siamo entrati in una nuova era geologica è fornito dalle specie che abbiamo aiutato a diffondere in tutto il mondo, omogeneizzando la biologia della Terra nel processo. Gli esempi includono ostriche del Pacifico e cozze zebra, quest’ultime diffuse dall’Eurasia attraverso l’acqua di zavorra scaricata da grandi navi, spostando le ostriche native su gran parte del pianeta, compreso il Nord America.

“Un altro indizio è fornito dalla plastica che è diventata popolare negli anni ’50, che la maggior parte di noi definisce l’alba dell’Antropocene”, ha aggiunto Waters. “La cosa principale che dobbiamo decidere ora è quali siti che abbiamo selezionato forniscono il segnale più chiaro tra le misure che abbiamo selezionato – plutonio, alluminio, plastica e altre variabili – che mostrano un cambiamento fondamentale nell’età”.

Questo punto è stato approvato da Zalasiewicz. “In un lontano futuro, tra decine di milioni di anni, le specie avanzate saranno ancora in grado di capire come stiamo cambiando la Terra. Dobbiamo rendercene conto ora”.

“Tutti i nostri edifici e le nostre strade si sgretoleranno in polvere molto prima di allora, ma i lievi cambiamenti che abbiamo apportato ai sedimenti persisteranno e dimostreranno che una civiltà globale un tempo dominava questo pianeta con effetti duraturi”.

I nove siti concorrenti

Sedimenti marini nel Golfo di Beppu, Isola di Kyushu, Giappone

Strati di fango nel lago Crawford, Ontario, Canada

Corallo a Flinders Reef, Mar dei Coralli, Australia

Sedimenti marini nel bacino del Gotland e nel Mar Baltico

Ghiaccio dal nucleo del ghiacciaio Palmer, Antartide

Limo del lago Searsville, California

Argilla del lago Sihailongwan, provincia di Jilin, Cina

Torba da torbiere nei Monti Sudeti, Polonia

Corallo della West Flower Garden Bank, Golfo del Messico

Fonte: gruppo di lavoro sull’antropocene