Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il nightclub Colorado Springs Club Q sospettato di sparatorie multiple affronta il tribunale, trattenuto senza cauzione

Il presunto tiratore di fronte a possibili accuse di crimini d’odio nella sparatoria mortale di cinque persone in un nightclub di Colorado Springs è stato condannato a essere trattenuto senza cauzione nella sua prima comparizione in tribunale.

In un breve video emerso dalla prigione, si vede il presunto tiratore accasciato su una sedia, con visibili ferite al viso e alla testa.

Il sospettato sembrava aver bisogno di un avvocato difensore e ha dato una risposta poco chiara quando il giudice del tribunale della contea di El Paso, Charlotte Ankeny, gli ha chiesto il suo nome.

La polizia ha detto che gli avventori sono stati picchiati fino alla sottomissione durante la sparatoria di sabato sera al Club Q e poi rilasciati dall’ospedale martedì e sono detenuti nella prigione della contea di El Paso.

Il motivo della sparatoria è ancora oggetto di indagine, ma le autorità hanno affermato che il sospettato potrebbe essere accusato di possibile omicidio e crimini d’odio.

Le accuse di crimini d’odio richiedono la prova che il tiratore sia stato motivato da pregiudizi, come l’orientamento sessuale o l’identità di genere reale o percepita delle vittime.

Un visitatore solitario guarda il memoriale improvvisato vicino alla scena della sparatoria.
Le autorità stanno ancora indagando sul movente della sparatoria.(AP: David Zalubowski)

Le accuse contro Anderson Lee Aldrich, 22 anni, sono preliminari e i pubblici ministeri non hanno ancora presentato accuse formali.

Il vice capo ufficiale del processo per l’ufficio del procuratore generale dello stato, Joseph Archambault, rappresenta il presunto tiratore.

Gli avvocati dell’ufficio non commentano i casi ai media.

Gli avvocati della difesa hanno affermato martedì scorso che il sospetto non è binario e che i documenti del tribunale si riferiscono al sospettato come “Mx Aldrich”, mentre le note a piè di pagina degli avvocati confermano che gli imputati li usano come pronomi personali.

Voglio essere flessibile. Sono un sopravvissuto.

Nel frattempo, il procuratore distrettuale Michael Allen si è ripetutamente riferito al sospettato come “lui” durante una conferenza stampa dopo l’udienza, e ha detto che lo stato di genere del sospettato non avrebbe cambiato nulla del caso a suo avviso.

Allen ha detto che il sospetto era “fisicamente idoneo” a sporgere denuncia.

Il giudice Ankeny ha fissato la prossima udienza per il 6 dicembre.

Gli spettatori si abbracciano dopo che la bandiera dell'orgoglio è stata alzata.
Le autorità hanno detto che il sospetto ha usato una pistola lunga ed è stato fermato da due clubber.(AP: David Zalubowski)

L’attacco è avvenuto durante il fine settimana in una discoteca nota come rifugio per la comunità LGBTQ nella città prevalentemente conservatrice di circa 480.000 abitanti, a circa 110 chilometri a sud di Denver.

Un fan di lunga data del Club Q che è stato colpito ha detto che la reputazione del club lo ha reso un bersaglio.

Ed Sanders, parlando in una dichiarazione video rilasciata dall’UC Health Memorial Hospital, ha detto di aver pensato a cosa avrebbe fatto in una sparatoria di massa dopo il massacro di 49 persone del 2016 al nightclub gay Pulse di Orlando, in Florida.

“Penso che questo incidente sottolinei il fatto che i gay dovrebbero essere amati”, ha detto Sanders, 63 anni.

“Voglio essere resiliente. Sono un sopravvissuto. Una persona malata non mi prenderà.”

Le autorità hanno detto che il sospetto ha usato una pistola lunga ed è stato fermato da due portatori di mazza, tra cui Richard Fierro, che ha detto ai giornalisti di aver preso una pistola dal presunto tiratore, li ha picchiati con essa e li ha immobilizzati con l’aiuto di un’altra persona fino all’arrivo della polizia.

E i nomi dei morti:

  • Raymond Green Vance, 22 anni, residente a Colorado Springs, ha risparmiato per il suo appartamento
  • Ashley Bowe, 35 anni, è una mamma che ha aiutato a trovare case per bambini in affidamento
  • Daniel Aston, 28 anni, lavorava al club come barista e intrattenitore
  • Kelly Loving, 40 anni, è stata descritta come “premurosa e dolce” da sua sorella
  • Derek Rump, 38 anni, è un altro barista del club noto per la sua intelligenza.

AP

READ  Involucro mondiale mentre sempre più paesi allentano le restrizioni COVID-19