Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il mondo è a un punto di svolta per un futuro più pulito

22 luglio 2021

La seguente intervista è stata pubblicata su “La Repubblica” il 22 luglio 2021
di Maurizio Molinari

“Proteggendo l’ambiente abbiamo un reale potenziale per migliorare la vita delle persone; siamo alla vigilia del più grande cambiamento dalla Rivoluzione industriale”. L’inviato speciale presidenziale americano per il clima John Kerry, accompagnato dal consigliere senior ed ex ambasciatore a Roma David Thorne, ci incontra a Villa Taverna. Esamina con attenzione i documenti preparatori del Forum G20 su Ambiente, Clima ed Energia che si è aperto oggi a Napoli. Kerry è consapevole della resistenza di Pechino e delle tensioni europee, ma guarda oltre: crede nella “convergenza del G20 sugli impegni del G7”, parla di “possibile cooperazione con Mosca” ed elogia la “coesione dell’UE” nonostante la controversia sul “Green Deal”. in attesa della conferenza delle Nazioni Unite che si terrà a novembre a Glasgow perché ‘la presidenza congiunta di Italia e Gran Bretagna ci fa ben sperare’.

Eccellenza Segretario Kerry, lei chiede al G-20 di seguire l’impegno del G7 per la protezione del clima. Pensa che il vertice di Napoli ascolterà questa proposta o sarà bloccato da un veto?
“La mia impressione è che i singoli paesi vogliano fare di meglio nella protezione ambientale e lo vogliano fare ora”.

Ma le differenze ci sono e la vetta sembra tutta scoraggiante….
“Ci possono essere divergenze di opinione sul fatto che la decisione sia sufficiente o se una persona sta facendo meglio degli altri. Quindi dobbiamo ascoltare tutti con attenzione. Ed è quello che farò al vertice di Napoli. Ma il G7 è stato molto successo in termini di impegni che prendono.” È stato promesso – nessun finanziamento per gli impianti a carbone offshore, tagli alle emissioni entro il 2030, riscaldamento globale limitato a 1,5 gradi – e penso che possiamo continuare su quella strada con il pieno sostegno di il G20. Abbiamo più opzioni a Napoli”.

L’Italia, che detiene la presidenza di turno del G-20, sta cercando di favorire un accordo al Vertice Ambiente. Ci riesci?

“Assolutamente sì. I suoi ministri, solo per citarne alcuni Cingulani, stanno facendo un lavoro fantastico, sono molto qualificati. Ho incontrato il presidente del Consiglio Draghi e ha descritto molto chiaramente le ambizioni dell’Italia: non solo portare al successo la COP26 ma anche definire la strada da percorrere La presidenza congiunta di Italia e Gran Bretagna ci dà alla COP26 grandi speranze”.

READ  Il Primo Ministro Justin Trudeau incontra il Primo Ministro italiano Mario Draghi

L’Unione europea si è impegnata a zero emissioni entro il 2050 ea ridurre i gas serra di almeno il 55 percento rispetto ai livelli del 1990. È un obiettivo realistico o potrebbe paralizzare le nostre economie?

È un obiettivo realistico, realizzabile e positivo per l’economia. Siamo di fronte alla possibilità della più grande trasformazione economica dalla Rivoluzione Industriale. Verranno creati milioni di posti di lavoro. Non c’è dubbio su questo. Ad esempio, in America abbiamo bisogno di creare una rete elettrica nazionale – che non abbiamo – e questo significa posti di lavoro, elettricisti, idraulici, tubisti, operai edili e lavoratori di attrezzature pesanti. Siamo di fronte alla necessità di costruzioni massicce e ci sono altri paesi in una situazione simile. Inoltre, dobbiamo sviluppare nuove tecnologie: idrogeno verde, meno costosi sono gli elettrolizzatori, più efficienti sono. L’idrogeno è a emissioni zero se non è prodotto con combustibili fossili, e questo significa che possiamo produrre idrogeno pulito. Certo, c’è anche l’idrogeno blu che può essere prodotto con il gas, ma vogliamo ridurre tutte le emissioni. Possiamo farlo? Sì davvero. È chiaro come ci arriveremo? No. Dobbiamo aumentare la nostra ambizione. Ed è per questo che ci incontreremo a Glasgow, a novembre, alla COP26 delle Nazioni Unite”.

L’Unione Europea vuole imporre una tassa sui beni importati prodotti e che creano emissioni nocive. È una specie di tassa ambientale. Qual è la posizione degli Stati Uniti in merito?

Il presidente Biden ha chiesto a me e al mio team di valutare l’impatto di questa potenziale tassa sull’Unione europea. Non abbiamo idea degli effetti che ciò avrebbe sulla catena di produzione e se potrebbe avere un impatto negativo sul commercio e sull’occupazione. Dobbiamo valutare attentamente tutte queste cose. Ma l’idea che un paese possa esportare prodotti a basso costo perché non rispetta gli standard ambientali non è accettabile. Ci sono paesi che devono rispondere a tali azioni. È lontano. Ci possono essere diversi modi per arrivarci, ma possiamo abbracciare l’idea di base”.

READ  Il settore delle costruzioni avverte che l'aumento dei costi influenzerà il piano di risanamento nell'Unione europea

Più in generale, pensa che l’Unione Europea e gli Stati Uniti riusciranno ad armonizzare leggi e regolamenti ambientali?

“Certamente. Più armonia abbiamo, meglio è per tutti. È importante raggiungere principi e regole comuni sull’ambiente”.

A metà luglio ho incontrato a Mosca il presidente russo Putin, che ha parlato di “interessi comuni con l’America” ​​sull’ambiente. In che modo il Cremlino può aiutare a mediare un accordo delle Nazioni Unite a Glasgow?

La Russia può fare molto. Putin ha chiarito che vede il cambiamento climatico come un problema anche per il suo Paese. La Russia ha il metano e nelle sue regioni settentrionali un problema in cui penetra nella tundra che si scioglie, nel permafrost. Grandi edifici e intere città sono diventate instabili a causa del disgelo e del disgelo del suolo. Anche la Russia ha il gas e, sebbene non sia la soluzione definitiva, l’uso del gas può aiutare ad avvicinare la soluzione”.

Insomma, si guarda negli occhi il presidente Vladimir Putin e si ha l’impressione che voglia davvero proteggere il clima. È questo il caso?

“Sono stato in diplomazia abbastanza a lungo da sapere che le parole sono solo parole e a pochissimo costo. Quindi le parole sono necessarie per raggiungere accordi che, una volta firmati, diventano fatti e tutti se ne accorgono. Per questo gli impegni sono necessari. Penso che Putin vede i problemi, ma resta da vedere quando raggiungerà i suoi obiettivi”.

La Cina continua a sostenere il finanziamento degli impianti a carbone all’estero. Perché il presidente Xi sta andando in questa direzione?

“Bisogna chiedere ai cinesi. Penso che sia un problema, è una sfida, di cui Pechino deve farsi carico. Sappiamo che alcuni Paesi considerano questi impianti essenziali per la produzione di energia ma noi non pensiamo che siano più precisi: noi avere eolico, solare e altre rinnovabili oggi: disponibili e a prezzi più convenienti, sta a paesi come la Cina abbracciare questi vantaggi”.

Nel suo discorso di lunedì a Londra, ha offerto alla Cina la possibilità di allearsi con l’Occidente sulla protezione del clima. Credi che accetteranno?

READ  LVMH aumenta la quota di Italian Tod's al 10%

Fino a quando non si rifiutano, c’è la possibilità che accetteranno. Ho lavorato molto con i cinesi. Ho fatto 14 incontri virtuali con loro e una volta, quando sono andato personalmente a Shanghai, il risultato è stato positivo. Quindi penso che la Cina accetterà, perché sappiamo tutti che senza di essa – come senza le altre grandi economie – non possiamo farlo. Se andremo a zero emissioni e le emissioni di Pechino continueranno a crescere, non riusciremo a proteggere il pianeta. Non è una questione di politica o ideologia, ma di matematica e aritmetica: e gli scienziati sanno benissimo cosa dobbiamo fare».

Sulla strada per il Summit delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, possiamo dire che i maggiori ostacoli sono Cina e India?

“No. Fa parte di un mosaico di sfide con cui abbiamo a che fare. La sfida climatica è diversa in ogni paese. Alcuni non hanno elettricità, altri hanno enormi quantità di energia ma niente gas. Dobbiamo sfruttare le nuove tecnologie per affrontare questo problema. agenda. Sono sicuro di una cosa: la questione climatica può essere affrontata e risolta solo se tutti i paesi partecipano. Può generare posti di lavoro e ricchezza quasi ovunque. Abbiamo bisogno di accordi regionali sull’acqua dei fiumi, ad esempio, affinché tutti possano energia idrica pulita”.

Insomma, crede che l’Unione Europea possa superare le divisioni e unirsi agli Stati Uniti nella lotta al cambiamento climatico?

“Sì, l’Europa ha superato la Brexit e ora sta affrontando la crisi climatica con determinazione. Grazie al suo leader, Ursula von der Leyen e al vicepresidente Timmermans può avere successo. Può unirsi agli Stati Uniti nella promozione di nuove alternative, tecnologie verdi, soluzioni finanziarie e risorse L’energia pulita e le centrali elettriche che rendono possibile la stagione delle scoperte. È un momento meraviglioso per tutti noi perché possiamo migliorare la vita delle persone. È un’opportunità per tutta l’umanità”.

Tradotto da Luis E. Moriones