Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il mistero circonda le meraviglie naturali del deserto di Mahra

Bir Barhout nello Yemen orientale – noto come “Il pozzo dell’inferno” – circondato da misteri e racconti di demoni, è una meraviglia naturale incomprensibile.

Più vicino al confine con l’Oman rispetto alla capitale Sanaa a una distanza di 1.300 km, il gigantesco cratere nel deserto del Governatorato di Al-Mahra è largo 30 metri e si ritiene che sia profondo tra i 100 ei 250 metri.

Il folklore locale dice che è stato allestito come una prigione per i demoni – una reputazione rafforzata dai cattivi odori che salgono dalle sue profondità.

I funzionari yemeniti dicono di non sapere cosa c’è sotto.

“È molto profondo – non abbiamo mai raggiunto il fondo di questo pozzo, dove c’è poco ossigeno e nessuna ventilazione”, ha detto Salah Babhir, direttore generale della Geological Survey and Mineral Resources Authority di Al-Mahra.

Siamo andati a visitare la zona e siamo entrati nel pozzo, raggiungendo una profondità di oltre 50-60 metri. Abbiamo notato cose strane all’interno. Abbiamo anche sentito uno strano odore… È un caso misterioso”.

La luce del sole non si estende molto all’interno della struttura e si può vedere poco al bordo tranne gli uccelli che volano dentro e fuori dalle sue profondità.

I videografi che cercano primi piani dell’interno del pozzo hanno detto che è quasi impossibile da catturare – le superstizioni locali suggeriscono che gli oggetti vicini al buco possono essere risucchiati verso di esso.

Babhir ha detto che il pozzo ha “milioni e milioni” di anni. “Questi luoghi richiedono più studio, ricerca e indagine”, ha detto.

Nel corso dei secoli si sono diffuse storie di personaggi maligni e soprannaturali noti come jinn o geni che vivono nel pozzo.

READ  Celtic football coach 'house' fireball '

Molti locali sono ancora a disagio a visitare, o anche solo a parlare, del vasto cratere, temendo la sfortuna da un abisso che, secondo la leggenda, minaccia la vita sulla Terra stessa.

Gli yemeniti ne hanno abbastanza della sfortuna così com’è.

Il paese è bloccato in una guerra civile dal 2014 tra il governo e i ribelli Houthi.

Le Nazioni Unite affermano che lo Yemen sta soffrendo la peggiore crisi umanitaria del mondo, con decine di migliaia di morti, milioni di sfollati e due terzi dei suoi 30 milioni di persone che dipendono da qualche forma di aiuto.

– Agenzia di stampa Francia