Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il microbiota parla al cervello… e viceversa

Non è più in dubbio. Non solo i 100.000 miliardi di batteri che compongono i nostri microbi intestinali sono parte integrante del nostro corpo e contribuiscono pienamente alla sua regolazione, ma gli scienziati ora si rendono conto che comunicano direttamente con i nostri neuroni! “Il fatto che i neuroni siano in grado di percepire direttamente i nostri microbi ci ha completamente stupiti!” , Commenti di Gerard Eberle, dell’Institut Pasteur/Inserm (Parigi)!

“È una specie di causalità circolare, come una gallina e un uovo…”

Il ricercatore ha appena partecipato a uno studio pubblicato sulla rivista Scienza Il 14 aprile è stato condotto sui topi. La principale linea di indagine: NOD2, è presente all’interno delle cellule, in particolare delle cellule immunitarie. NOD2 è un recettore in grado di rilevare la presenza di piccole particelle che fuoriescono dalla parete batterica. “Tutti i batteri che crescono o muoiono rilasciano frammenti del loro gusciospiega il ricercatore.

Tuttavia, è stato dimostrato che NOD2 non è presente solo nelle cellule immunitarie. Utilizzando tecniche di imaging cerebrale, il team di scienziati ha scoperto che questo recettore era espresso anche dai neuroni in varie regioni del cervello, incluso l’ipotalamo, la regione del cervello che gestisce le funzioni di base come fame, sete, riproduzione o temperatura corporea. La conseguenza immediata: quando i morfopeptidi dei batteri intestinali entrano in contatto con i recettori NOD2 dei neuroni, vengono estinti, quindi la loro attività elettrica viene soppressa e quindi, di fatto, regolata. Ma, se NOD2 è difettoso, i neuroni non possono essere controllati dai peptidi enterici. Le conseguenze per il corpo possono quindi portare il cervello a perdere il controllo sull’assunzione di cibo e sulla temperatura corporea. Le mutazioni di NOD2 nell’uomo sono anche associate a diversi disturbi cerebrali, come il bipolare o il morbo di Parkinson.

READ  Ricerca e innovazione: un'app personalizzata per monitorare le tue decisioni sulla salute

Da qui la domanda: il guasto di NOD2 può essere causato dai germi? “È una specie di causalità circolare, Gérard Eberle spiega, Come le uova e il pollo… ci può essere uno squilibrio dovuto ad esempio al cibo. L’editing genetico può essere aumentato dai batteri microbici. Con il tempo, questo difetto peggiorerà.. “

La ricerca di questo legame diretto tra i germi e il cervello è ancora agli inizi

Sebbene sia sorprendente rendersi conto che esiste un’interazione diretta tra il microbiota e il cervello, studi precedenti sui topi hanno già suggerito che alcune condizioni psicologiche, come lo stress cronico, possono influenzare i batteri intestinali che colpiscono il cervello. “Sappiamo che se trasferiamo i microbi intestinali di topi stressati a uno che non lo è, quest’ultimo erediterà lo stress. D’altra parte, sappiamo che questo collegamento funziona nella direzione opposta: l’obesità provoca un’infiammazione cronica che, dopo alcuni anni, avrà un effetto negativo sul cervello e sull’umore.

La ricerca su questo legame diretto tra i germi e il cervello è ancora agli inizi. Pertanto, la ricercatrice capo di questo studio, Ilana Gabbani (Pastor/Inserm) è particolarmente interessata alle differenze tra uomini e donne in termini di relazioni tra il sistema immunitario, il sistema nervoso e il microbioma. Pertanto, lo studio attuale ha rivelato che quando il NOD2 è carente, i topi femmine anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto ai topi maschi della stessa età.

Insomma, ulteriori prove, se necessarie, che il microbiota intestinale non ha ereditato il soprannome di “secondo cervello” per niente…