Dicembre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il marchio K-Way Windbreaker Windbreaker attira un nuovo mercato con la linea di ricerca e sviluppo

Milano (AFP) – K-way, il brand italo-francese sinonimo di giacca a vento, entra nella moda di lusso con la sua prima sfilata dal vivo il giorno di chiusura della Milano Fashion Week.

Il brand milanese si fa strada nello spazio collaborando con case di moda come Fendi, YSL, DSquard2 e Comme des Garcons. Ma si sta anche sforzando di avere una propria immagine nella scena streetwear/sportswear sotto la direzione della designer Monica Gamboni.

La collezione autunno-inverno assemblata da uomo e da donna mostrata lunedì utilizza materiali di alta qualità, tra cui montone riciclato, trattato e colorato per giacche e pantaloni vivaci con una lucentezza sexy. Il nylon riciclato è stato utilizzato per indumenti trapuntati, piume riciclate e piumini. La lana tecnica per maglieria è stata in parte ottenuta dal più grande produttore Loro Piana.

Soprannominato R&D R&D, il gruppo è forte sia nel design che nell’esperienza tecnica che si discosta dall’eredità del marchio come produttore di piumini e giacche di qualità, fondato a Parigi 57 anni fa ma da tempo nelle mani dell’Italia.


Il vicepresidente marketing Lorenzo Boglioni, la cui famiglia controlla la società madre BasicNet, ha affermato di aspettarsi che molti dei look visti in passerella appaiano nei negozi e che la partecipazione alle settimane della moda ha aiutato il marchio a stabilire una nuova linea con i consumatori.

“Vogliamo sempre travisare e interpretare erroneamente il nostro prodotto iconico, ma non vogliamo diventare un’azienda di moda”, ha affermato. “Siamo un’azienda di abbigliamento sportivo. Ma vogliamo essere contemporanei e moderni, e questo significa anche essere su questo tipo di palcoscenici”.

READ  Claudia Schiffer sull'organizzazione di una mostra fotografica degli anni '90 - e che vita era davvero una modella

K-Way ha fatto il primo passo due anni fa presentandosi alle sfilate Pitti menswear di Firenze nel gennaio 2020, poco prima della pandemia. L’anno scorso è stata presentata una sfilata digitale durante la Milano Fashion Week.

La silhouette del prossimo inverno ha un fascino giovanile. Le felpe con cappuccio in montone con tasche multiuso presentano un arancione scintillante con pantaloni gialli skinny con dettaglio zip sull’orlo; gonne mini o midi in pelle con piumini abbinati con dettagli in shearling; Gonne lunghe foderate con giacche di nylon. La maglieria può essere voluminosa o attillata e talvolta presenta la decorazione della stagione, il narghilè.

Le visiere estive sono capienti, quasi fluide come abiti, ed è nascosta la famosa tasca per riporre una giacca.

“Questo marchio di ricerca e sviluppo ci dà la possibilità di andare oltre il nostro look classico o standard”, ha affermato Gamboroni. “K-way è ancora più sportivo nello spirito dello sport in sé.”