Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il magnate dei media di Hong Kong Lai blocca le azioni ai sensi della legge sulla sicurezza | Notizie sulle proteste di Hong Kong

Usare i poteri della legge sulla sicurezza per la prima volta per prendere di mira una società quotata potrebbe avere implicazioni per il morale degli investitori in città.

Le autorità di Hong Kong hanno congelato i beni dell’imprenditore dei media imprigionato Jimmy Lai, comprese tutte le azioni della sua azienda, Next Digital – la prima volta che una società quotata in base alle leggi sulla sicurezza nazionale è stata presa di mira nel centro finanziario.

Il ministro della sicurezza di Hong Kong John Lee ha dichiarato in una dichiarazione del governo che tra i beni presi di mira c’erano anche i conti bancari locali di tre società di proprietà di Lai.

La dichiarazione, rilasciata dopo la chiusura del mercato venerdì, afferma che Lee ha emesso avvisi scritti per congelare tutte le azioni Next Digital Limited di proprietà di (Jimmy) Lai Chee-ying e le proprietà nei conti bancari nazionali di tre società di proprietà. Da parte sua. “

Lay è stato condannato a 14 mesi di prigione per la sua partecipazione a raduni non autorizzati durante le proteste a favore della democrazia nel 2019.

Affronta tre accuse, presumibilmente in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino, inclusa la collusione con un paese straniero.

È stata intrapresa un’azione contro la sua proprietà anche ai sensi della legge sulla sicurezza, che criminalizza atti che includono sabotaggio, sedizione, collusione con forze straniere e separazione con la possibilità dell’ergastolo.

La decisione delle autorità di utilizzare per la prima volta i poteri della legge per prendere di mira una società quotata a Hong Kong potrebbe avere ripercussioni sul sentiment degli investitori.

READ  Il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la teoria della fuga di laboratorio di Wuhan Covid non può essere esclusa

Ci sono stati segnali di fuga di capitali da quando la legge è stata imposta lo scorso giugno a paesi stranieri incluso il Canada, secondo agenzie governative, banchieri e avvocati.

soppressione

Pechino ha affermato di aver imposto la legge all’ex colonia britannica per ripristinare l’ordine dopo mesi di proteste pro-democrazia e anti-Cina nel 2019.

Eppure i critici dicono che i leader comunisti cinesi hanno usato la legge per sopprimere le libertà e gli attivisti per la democrazia – molti dei quali sono stati arrestati e imprigionati, o sono fuggiti in esilio.

Il CEO di Next Digital Cheung Kim-hung ha dichiarato ad Apple Daily che i beni congelati di Lai non avevano nulla a che fare con i conti bancari di Next Digital e che le sue operazioni e le sue finanze non sarebbero state influenzate.

I dipendenti dell’azienda si sono impegnati a “continuare ad adempiere al proprio dovere e a continuare a riferire”, in una dichiarazione pubblicata sulla pagina Facebook del sindacato Next Digital.

Il CEO di Next Digital Cheung Kim-hung ha dichiarato ad Apple Daily che i beni congelati di Lai non hanno nulla a che fare con i conti bancari di Next Digital e che le sue operazioni e le sue finanze non ne saranno influenzate. [File: Isaac Lawrence/AFP]

Sotto i depositi della Borsa di Hong Kong, Lai è il principale azionista di Next Digital e possiede il 71,26% delle azioni del valore di circa HK $ 350 milioni (US $ 45 milioni) in base al prezzo di chiusura del titolo di venerdì.

Non è stato immediatamente chiaro il valore di altri beni “di proprietà” che le autorità avevano congelato.

Next Digital gestisce l’Apple Daily, il più influente quotidiano pro-democrazia di Hong Kong che è stato a lungo una spina nel fianco delle autorità di Hong Kong e cinesi.

Funzionari senior di Hong Kong hanno recentemente avvertito Apple Daily della sua copertura e parlato della possibile introduzione della legge sulle “fake news”. I critici hanno detto che faceva tutto parte di un giro di vite in corso sui media della città.

READ  Il prossimo leader di Samoa afferma che il piano dei porti cinesi non è realistico e continuerà a esercitare pressioni sull'Australia sul cambiamento climatico

Il braccio taiwanese di Apple Daily ha dichiarato venerdì che smetterà di pubblicare la sua versione cartacea, accusando i bassi introiti pubblicitari e le condizioni commerciali più dure a Hong Kong legate alla politica.