Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Lago di Garda italiano si riduce al livello più basso della storia a causa della siccità

SIRMION ITALIA (AP) – La peggiore siccità italiana degli ultimi decenni ha ridotto il Lago di Garda, il lago più grande del Paese, quasi ai minimi storici, esponendo zone di roccia precedentemente sottomarina e riscaldando l’acqua a temperature prossime al Mediterraneo nei Caraibi.

I turisti che si sono riversati venerdì sul famoso North Lake per iniziare il loro lungo weekend estivo in Italia hanno trovato uno spettacolo molto diverso rispetto agli anni passati. Un lungo tratto di roccia imbiancata si estendeva lontano dal litorale naturale, circondando la penisola meridionale di Sirmione con un alone giallo tra le sfumature verdi dell’acqua e gli alberi sulla riva.

“Siamo venuti l’anno scorso, ci è piaciuto molto e siamo tornati quest’anno”, ha detto la turista Beatrice Macy, seduta sugli scogli. “Abbiamo scoperto che il paesaggio era cambiato molto. Siamo rimasti un po’ scioccati quando siamo arrivati ​​perché stavamo camminando normalmente e non c’era acqua”.

Il Nord Italia non vede forti piogge da mesi e quest’anno le nevicate sono diminuite del 70%, prosciugando importanti fiumi come il fiume Po, che scorre nel cuore agricolo e industriale dell’Italia. Diversi paesi europei, tra cui Spagna, Germania, Portogallo, Francia, Paesi Bassi e Gran Bretagna, quest’estate stanno attraversando una siccità che ha colpito agricoltori e caricatori e incoraggiato le autorità a limitare l’uso dell’acqua.

La siccità del fiume Po, il fiume più lungo d’Italia, ha causato perdite per miliardi di euro agli agricoltori che di solito ne dipendono per irrigare campi e risaie.

Per compensare, le autorità hanno consentito a più acqua di defluire dal Lago di Garda nei fiumi locali: 70 metri cubi (2.472 piedi cubi) di acqua al secondo. Ma a fine luglio hanno tagliato l’importo assegnato per proteggere il lago e il relativo significato turistico e finanziario.

READ  Gli ex leader europei si dimettono dai consigli aziendali russi