Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il “Grande Piccolo” Vino per Pizza d’Italia

Accettiamo che l’Italia, con il suo bene, il suo male e la sua bellezza, non sia una Normale Luogo: un festival di probabilità estreme.

La provincia e la città di Caserta, a nord di Napoli, sono tutte in gravi condizioni.

Caserta ospita uno dei palazzi reali più maestosi d’Europa: la settecentesca Regia di Caserta, un ramo della dinastia dei Borboni che governò Napoli e la Sicilia. Purtroppo è il quartier generale di alcuni dei clan della più antica organizzazione criminale italiana, la camorra. Ha bellissime colline ondulate ricoperte di riserve naturali e fattorie, ma un vergognoso record di scandali di discariche illegali.

Insieme alla storia e ai conflitti, Caserta offre alcune delle migliori mozzarelle e pizze di bufala italiane, oltre ad alcuni vini d’autore interessanti e rari.

I vini di Caserta, come gran parte dell’Italia meridionale, stanno attraversando un rinascimento del 21° secolo e negli anni ’90 hanno avviato progetti per riportare l’area al suo antico splendore viticolo. Il più notevole di questi Fattoria Calardii e la sua prima terra di Lavoro, una miscela di Aglianico e Pietroso. (L’annata 2017 ha totalizzato 92 punti.)

Un’altra coppia di produttori, Vestini Campagnano E AloisAvviato da famiglie che hanno capitalizzato il loro successo in altri settori (rispettivamente la produzione legale e di seta di alta gamma), ha lavorato con importanti esperti regionali. Professor Luigi Moio di enologia L’uva casertana un tempo nobile ma dimenticata deve essere resuscitata. Questi includono il Pallagrello Bianco speziato, minerale e agrumato e il Pallagrello Rosso scuro e speziato, una varietà rossa erbacea e aromatica di Casavecchia.

Tutti questi vini sono in modalità ritorno e meritano attenzione. Ma la varietà che mi ha attirato a Caserta alla fine dell’estate scorsa è stata l’Asprinio, tradizionalmente coltivato su viti mostruose alte 40 piedi in 20 località nelle pianure umide su entrambi i lati del confine provinciale di Caserta/Napoli.

READ  Sette cambi negli scozzesi prima del conflitto italiano

sono era Per vedere alcuni vigneti verticali con un metodo di allevamento millenario, vite maritata (“Wedding Flag”), in cui le viti possono arrampicarsi sui rami dei pioppi per sostenersi. (Il Maritata C’è anche la struttura In Umbria si usa il Trebbiano per lo Spoletino.)

L’Asprinio, soprattutto in questa cornice, produce un delizioso rinfresco acido, solitamente frizzante, a bassa gradazione alcolica (fino al 10,5%). L’ho assaggiato per la prima volta durante una degustazione di vini sull’altra costa italiana in primavera e sono rimasto sbalordito dal suo elegante e frizzante sollevamento. Attraverso alcune ricerche, ho appreso che Osprinio ha commosso generazioni di scrittori.

Il regista e scrittore Mario Soldati ha definito l’Asprinio un “piccolo grande vino”. Il famoso scrittore enogastronomico italiano Luigi Veronelli lo definì “elegante, allegro e vivace” e si lamentò che alla fine del XX secolo fosse sottovalutato. Quasi 200 anni fa, lo scrittore francese Alexandre Dumas, autore I tre moschettieri E Conte di MontecristoL’Aspirinio è stato citato come l’unico vino da gustare con pizza e spaghetti.

L’aspirinio si abbina bene a piatti informali come pizza, pasta, mozzarella, mortadella e altri salumi. (Roberto Camuto)

“Il mio importatore dice che si abbina bene con la mozzarella”, dice Luigi Barletta, 43 anni, guidando attraverso la campagna casertana. Barletta Vestini rappresenta la seconda generazione nel Campagnano, producendo quantità moderate di movimento e brillante aspirinio. Maritata Circa 5 ettari di terreno con assistenza Consulente Paolo Casciorna. “Ma io dico che è perfetto con la mortadella”, aggiunge. “Ne berrò una bottiglia anch’io.”

In Maritata L’organizzazione, la coltivazione è un mestiere in cui squadre specializzate costruiscono le proprie scale in legno intagliato su misura a una distanza pari alla dimensione dei loro piedi per consentire il lavoro a due mani.

READ  DVIDS - News - LRC Italy Programs, Operations Leader: Ci prendiamo cura di importanti staff nazionali locali

“Il problema con l’asprinio è che è costoso da mantenere e raccogliere. È un lavoro pericoloso”, dice Barletta, “ma ha un piccolo prezzo”.

Un tempo l’asprinio veniva esportato attraverso il nord Europa; Successivamente divenne il vino base dell’azienda Spumanti Dal Nord Italia. Oggi è un vero affare tra i ranghi più bassi dei vini bianchi italiani – senza la popolarità internazionale del Prosecco, sarebbe certamente competitivo.

Negli ultimi 60 anni sono stati piantati ettari di vigneti Maritata L’organizzazione è scesa da 40.000 a meno di 500. temo di peggio. Alcuni produttori hanno provato ad allevare facilmente l’Aspirinio accerchiamento Sistemi di formazione. Al giorno d’oggi, è difficile trovare un flacone di aspirina, liscia o gassata, fuori dal napoletano. Ma quando lo fai, puoi spendere fino a $ 15 per uno sparkler o $ 20 per alcune bottiglie ferme o “naturali”.Arancia” O Contatto con la pelle Edizioni. (Nota per gli intrepidi importatori statunitensi: e l’Aspirinio ha una possibilità qui? per favore!)

Ho trovato un americano che potrebbe mettere in prospettiva la situazione di Asprinio Shelley Lindgren Il ristorante A16 di San Francisco è il posto giusto per i vini del sud Italia.

Lindgren ha descritto Asprinio come “un perfezionista aperitivo” e il suo è un “amore”, ma aggiunge: “È così difficile da trovare. temo che perirà.

Alcuni degli Aspirinios più deliziosamente complessi che ho assaggiato di recente provengono dall’enologo Luca Paparelli, 43 anni, che ha aperto la strada alla ricerca sugli Aspirinios presso l’ormai fuori produzione Tenuta Adolfo Spata. Ha sviluppato una sua linea di spumanti da varietà campane, tra cui un aspirinio chiamato “Funambolo” (funambolo).

READ  L'Italia reimposta le restrizioni sull'epidemia di COVID-19

Gli spumanti campani non sono ancora famosi, ma la loro qualità è esaltata dall’utilizzo dei vini base Paparelli maturi, che hanno almeno un anno di invecchiamento. Fermentazione secondaria in autoclavi (piccoli serbatoi di acciaio pressurizzati).

“Volevo iniziare da dove gli altri avevano interrotto”, afferma entusiasta.

Caserta, come gran parte dell’Italia, ha bisogno di nuovi innovatori come Paparelli. Per Aspirinio c’è molto terreno aperto su cui correre.