Agosto 17, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il governo del NSW continua a emettere biglietti a pagamento per i fuochi d’artificio di New York in nome del distanziamento sociale

Guardare i fuochi d’artificio di Capodanno a Sydney dalla sede della prima può costare una piccola fortuna, ma godersi lo spettacolo da un parco sul porto è stata un’opzione semplice e gratuita per molto tempo.

Ma guardare il 2022 rotolare sul tappetino da picnic potrebbe costarti, a seconda di dove vuoi sederti.

Più di una dozzina dei luoghi più famosi per vedere i fuochi d’artificio da Sydney sono ora soggetti a biglietti pagati dal governo del New South Wales.

Sebbene la biglietteria garantisca il distanziamento sociale e il controllo della folla in un momento in cui i casi di COVID non sono mai stati così alti nel NSW, i critici affermano che si tratta della privatizzazione di quello che dovrebbe essere un evento comunitario gratuito.

Il modello “pay-per-view” è stato introdotto dal governo del NSW nel 2011 solo in alcune località e, sebbene abbia suscitato indignazione nella comunità, ora è stato esteso a 15 regioni.

Qualcuno che legge un libro mentre aspetta i fuochi d'artificio
Le persone nella divisione dei biglietti a pagamento al Circular Quay di New York nel 2019.(AAP: generale di brigata Lowes)

Quest’anno per vedere i fuochi d’artificio dai Royal Botanic Gardens costerà $ 43 per essere nella sezione più economica (nota come “argento”) ma se quell’area si esaurisce, i biglietti saltano a $ 156 per entrare nella sezione “oro”.

L’unica cosa inclusa nel biglietto è un pezzo d’erba su cui sedersi, servizi igienici e stazioni di rifornimento d’acqua.

Altre località intorno al porto sono meno costose ma potrebbero squalificare alcuni che cercano un Capodanno conveniente.

Al Bradley’s Head a Mosman, gestito da NSW National Parks, una famiglia con due bambini prenderà $ 60 di tasca sua per guardare i fuochi d’artificio.

A Circular Quay, i biglietti per adulti costano $ 25, presso la vicina Hickson Reserve arrivano fino a $ 50 e a Barangaroo $ 46,90.

Alcuni dei biglietti più costosi sono i biglietti d’ingresso alle aree all’interno dei Giardini Botanici Reali.(In dotazione: Royal Botanic Gardens)

Dawes Point è un’opzione più conveniente a $ 12,50 e le località di Elizabeth Bay, Glebe, Darling Point, Melsons Point e Pyrmont sono limitate ma gratuite.

Ma la città di Sydney, che paga per i fuochi d’artificio delle 21:00 e della mezzanotte, non addebita i biglietti a sei punti che controllano.

Il consiglio aveva sempre mantenuto i suoi siti liberi e il sindaco Clover Moore aveva precedentemente diretto un attacco al governo statale per far pagare alle persone l’uso dei luoghi pubblici di notte.

Linda Scott, membro del consiglio di Sydney e presidente dell’Australian Local Government Association, ha affermato che le persone sono state accusate due volte poiché i fuochi d’artificio erano già stati pagati dai contribuenti.

“È deludente vedere ogni anno sempre più luoghi pubblici, in particolare quelli sotto il governo del NSW, addebitare una quota di partecipazione”, ha affermato Scott.

“Non dovrebbe essere la pratica del buon governo, specialmente dopo il nostro anno: il capodanno dovrebbe essere gratuito e divertente”.

Linda Scott
Linda Scott, membro del consiglio comunale di Sydney, afferma che far pagare alle persone per partecipare ai fuochi d’artificio costituisce un brutto precedente per altri eventi intorno al porto.(AAP: Joel Carrett)

Quest’anno, il North Sydney Council ha deciso di rendere gratuiti i suoi punti premium sul porto dopo aver scontato $ 10 per l’ingresso a siti come Blues Point Reserve.

I tre parchi controllati dal comune opereranno in base all’ordine di arrivo e chiuderanno una volta raggiunta la capacità.

Tuttavia, il dipartimento di pianificazione del NSW ha affermato che stava utilizzando i biglietti nei suoi punti premium per garantire un evento COVID-19 sicuro e afferma che le quote di iscrizione sono rimaste “relativamente basse”.

“I visitatori possono utilizzare i coupon NSW Dine & Discover per acquistarli”, ha affermato un portavoce.

“[In addition] Chiunque abbia una prenotazione in un bar o ristorante di The Rocks riceverà un biglietto per entrare nell’area.

“Questo sarà supervisionato dalle guardie COVID nominate dal governo e ci consentirà di gestire con attenzione il numero di partecipanti, oltre a garantire uno spazio adeguato per le folle a distanza fisica”.

Santuario di Barangaroo nel 2019
Folla al Barangaroo Reserve a New York nel 2019. I biglietti d’ingresso al parco costano circa $ 50 quest’anno.(AAP: Città di Sydney)

Infrastructure NSW, che gestisce la Barangaroo Reserve, ha affermato che i biglietti aiuteranno a recuperare una parte dei costi associati all’organizzazione dell’evento.

“L’emissione dei biglietti evita l’affollamento, aumenta la sicurezza pubblica e garantisce che si svolga come un evento adatto alle famiglie”, ha affermato l’agenzia governativa.

“Infrastructure NSW offre intrattenimento prima e dopo i fuochi d’artificio”.

Il Royal Botanic Gardens e il Domain Trust hanno affermato che ogni biglietto venduto sosterrà “progetti di scienza, orticoltura e conservazione” nel parco.

Ma Scott ha detto che far pagare le persone era un modo inaccettabile per organizzare i festeggiamenti e che il governo avrebbe probabilmente realizzato un profitto.

Certo, ogni capodanno ha dei costi per il governo, ma è per questo che le persone versano un contributo fiscale”.

Difficile vedere come il NSWè essere L’addebito delle tasse governative per gli spazi pubblici aperti non trarrà profitto ora dalla vigilia di Capodanno. Questo non è nell’interesse pubblico”.

Alcuni festaioli potrebbero vedere i biglietti pagati come un modo meno stressante per assicurarsi un buon punto di osservazione.(AAP: generale di brigata Lowes)

Il capodanno è sempre una notte importante per le aziende CBD, ma soprattutto quest’anno poiché i luoghi dell’ospitalità cercano di riprendersi dalle chiusure e da due anni di eventi annullati.

Ma la Scott ritiene che i biglietti a pagamento siano una cattiva notizia per le aziende in quanto possono incoraggiare i propri clienti a rimanere a casa e guardare i fuochi d’artificio gratuitamente in TV.

Nel 2019, il sindaco di North Sydney, Jelly Gibson, è stato inondato di lamentele da parte di aziende secondo cui i biglietti pagati nell’area del consiglio avevano “ucciso il capodanno” e lasciato i ristoranti vuoti.

“In realtà ho ricevuto telefonate a Capodanno che mi dicevano quanto fosse morta”, ha detto.

Ma un portavoce di Business Sydney, ex Chamber of Business, ha affermato di aspettarsi che il COVID-19 sia un disincentivo maggiore a uscire a Capodanno piuttosto che a pagare i biglietti.

Sydney ha trascorso l’ultima volta il suo capodanno in lungo e in largo nel 2019, con la maggior parte dei punti premium esauriti, ma i biglietti sembrano essere stati molto più lenti a muoversi quest’anno.

Finora sono stati esauriti solo tre punti premium, due a ingresso gratuito.

Scott crede che i governi dovrebbero invece organizzare una lotteria pubblica dei biglietti come un modo sicuro per il coronavirus.

“In effetti, puoi trovare tanti modi creativi per organizzare gli spazi che non comportano l’addebito delle persone”.

READ  L'Australia resta indietro con le mascherine: gli esperti affermano che ora servono i respiratori