Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Giappone protesta contro l’estrazione da parte di Pechino di riserve di gas sottomarino nel Mar Cinese Orientale

Il Giappone ha presentato una protesta formale con la Cina dopo aver scoperto quelli che sostiene essere gli sforzi di Pechino per sviluppare giacimenti di gas nelle acque contese del Mar Cinese Orientale.

Il ministero degli Esteri giapponese ha affermato di aver confermato che Pechino stava costruendo nell’area – dove le zone economiche esclusive dei due paesi si sovrappongono – e ha presentato una denuncia all’ambasciata cinese.

Ha aggiunto che il Giappone “ha fortemente sollecitato la ripresa anticipata dei negoziati sull’attuazione” di un accordo bilaterale del 2008 sullo sviluppo delle risorse nel Mar Cinese Orientale.

Quell’accordo ha visto il Giappone e la Cina concordare di sviluppare congiuntamente riserve di gas sottomarino nell’area contesa, con il divieto di esplorazioni indipendenti da parte di entrambi i paesi.

Ma i negoziati su come attuare l’accordo si sono arenati nel 2010.

“È un vero peccato che la parte cinese proceda unilateralmente con lo sviluppo dell’acqua”, ha affermato il ministero.

“I confini delle zone economiche esclusive e della piattaforma continentale non sono ancora stati stabiliti nel Mar Cinese Orientale”, ha aggiunto.

Una piattaforma di estrazione del gas situata nelle acque contese del Mar Cinese Orientale.
Gli impianti sono dalla parte cinese del confine, ma Tokyo teme la possibilità di estrarre gas dalla parte giapponese.(Agence France-Presse: Ministero degli Affari Esteri giapponese)

Il Giappone ha insistito a lungo sul fatto che la linea mediana tra i due paesi dovrebbe rappresentare i confini delle loro zone economiche esclusive.

Ma la Cina insiste sul fatto che il confine dovrebbe essere avvicinato al Giappone, tenendo conto della piattaforma continentale e di altre caratteristiche dell’oceano.

Tokyo ha accusato la Cina di aver posizionato 17 scavatori sospetti vicino al suo confine marittimo de facto con il Giappone.

Gli impianti sono dalla parte cinese del confine, ma Tokyo teme la possibilità di estrarre gas dalla parte giapponese.

I due paesi sono bloccati in una fila separata su isole contese altrove nel Mar Cinese Orientale.

La Cina rivendica la catena di isole – che il Giappone chiama Senkakus – come propria e invia regolarmente navi e aerei nell’area per testare i tempi di risposta di Tokyo.

La Cina ha anche disaccordi con molti altri paesi nel Mar Cinese Meridionale, di cui sostiene essere la totalità.

Agenzia di stampa francese

READ  Il procuratore generale di New York ha detto che l'indagine dell'organizzazione Trump è ora "con capacità criminale".