Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Giappone fa riferimento a un “senso di crisi” su Taiwan, motivo per cui è preoccupato per gli obiettivi militari della Cina

Nelle ultime settimane, il Giappone ha segnalato un importante cambiamento nella politica estera che potrebbe avere ripercussioni sulla sicurezza nella regione Asia-Pacifico.

L’ultima versione in Giappone Libro bianco sulla difesa, pubblicato la scorsa settimana, ha sottolineato per la prima volta direttamente l’importanza di Taiwan quando si tratta di pace e sicurezza nella regione.

Notando l’escalation delle tensioni attraverso lo Stretto a seguito di “intense attività militari cinesi intorno a Taiwan”, il documento avverte che Tokyo “presterà molta attenzione alla situazione con un senso di crisi”.

Questo arriva dopo un linguaggio più severo dal vice primo ministro Taro Aso, che Egli ha detto All’inizio di questo mese ha affermato che il Giappone “dovrebbe difendere Taiwan” al fianco degli Stati Uniti se fosse stato invaso dalla Cina. La dichiarazione è stata poi ritirata.

La Cina ha risposto con rabbia prevista a queste dichiarazioni, sia attraverso i canali ufficiali che attraverso media più aggressivi.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian condannare Il white paper come “estremamente sbagliato e irresponsabile”. Nel frattempo, Global Times ha sostenuto Il Giappone “perderà duramente” se si tratta di aiutare Taiwan.

E un video più emozionante فيديو Indietro Su un canale di commento militare che chiede una risposta nucleare a qualsiasi intervento giapponese, prima di essere cancellato.

Perché Taiwan è l’epicentro della tensione regionale?

Il caso irrisolto di Taiwan è stato a lungo considerato un punto critico potenzialmente pericoloso nella regione Asia-Pacifico. Con il declino del potere degli Stati Uniti e la crescente dominanza della Cina negli ultimi anni, la questione è tornata alla ribalta.

Pechino non ha mai rinunciato alla sua ambizione finale di riprendersi quella che chiama “la provincia rinnegata della Cina”. Nel 2005 è stato premiato “legge anti-secessioneDichiarare che qualsiasi tentativo di Taipei di tradurre la propria sovranità de facto in “indipendenza” ufficiale sarà accolto con forza.

READ  Il Brasile supera le 400.000 morti per COVID-19 con lo scoppio della pandemia di coronavirus


Leggi di più:
La Cina non vuole la guerra, almeno non ancora. È il gioco lungo


Il presidente cinese Xi Jinping ha insistito particolarmente sul suo desiderio di raggiungere la “riunificazione nazionale”, così com’è espresso, in un linguaggio colorito, durante la celebrazione del centenario del Partito Comunista Cinese all’inizio di luglio.

Xi Jinping ha promesso di completare la “riunificazione” con Taiwan come uno dei “compiti storici invarianti” del PCC.
XINHUA / JO PENG / EPA

Tuttavia, dopo che il popolo taiwanese ha visto lo sfortunato ritorno di Hong Kong nella “patria” negli ultimi anni, ha deciso di con parole Il ministro degli Esteri Joseph Wu “per difenderci fino all’ultimo giorno”, nel caso in cui si verificasse effettivamente un attacco cinese.

Il Partito Democratico Progressista al governo a Taipei ha il sostegno di Aumenta il supporto Dall’amministrazione Biden, sebbene gli Stati Uniti abbiano cercato di evitare un possibile scontro militare con la Cina e breve sosta Per sostenere qualsiasi movimento verso una “indipendenza” formale.

Perché il Giappone è preoccupato?

È qui che entra in scena il Giappone. Tradizionalmente, Tokyo è stata cauta nell’offrire sostegno pubblico a Taiwan a causa delle sensibilità diplomatiche con Pechino, il principale partner commerciale.

Ma per Tokyo, la situazione di Taiwan indica le sfide che una Cina più potente e assertiva pone alla sicurezza del Giappone e alla più ampia stabilità regionale. Questo inevitabile cambiamento nell’equilibrio di potere nella regione Asia-Pacifico a favore della Cina è stato esacerbato da questo inevitabile cambiamento.



Leggi di più:
Il viaggio di Morrison in Giappone ha prodotto un patto di difesa, ma la bolla dei viaggi è meno certa


Non solo il Giappone ora è più favorevole a Taiwan come compagna di democrazia, ma teme anche la sua debolezza strategica se la Cina occupa Taiwan.

Questo perché Taiwan si trova in un punto di strozzatura strategico critico per le marine nel Pacifico occidentale – il cosiddetto “La prima catena di isoleSi estende dal Giappone a nord alle Filippine a sud.

Taiwan si trova a soli 100 chilometri dall’isola più vicina nell’arcipelago giapponese delle Ryukyu, il che significa che senza Taiwan come vicino amichevole, il fianco strategico meridionale del Giappone sarebbe molto esposto.

Come sta andando il Giappone?

Ciò ha portato il Giappone ad assumere una posizione più aggressiva in materia di sicurezza regionale, in particolare sotto la guida dell’ex primo ministro Shinzo Abe.

Nel 2015, ad esempio, il Giappone ha approvato una questione controversa Legge “Pace e Sicurezza” Ciò gli ha permesso di impegnarsi in “autodifesa collettiva” con alleati e partner strategici, che ha fornito l’opportunità di contribuire in modo più significativo a qualsiasi scenario di crisi.

Il Giappone ha anche aumentato il suo budget per la difesa (aumentato dello 0,5% a 5.34 trilioni di yen o A $ 66,4 miliardi quest’anno). Ha confermato le sue nuove capacità militari, come Ammodernamento Dai cacciatorpediniere di elicotteri alle portaerei di fatto, crea una forza d’assalto anfibia, mettiti in stallo o colpisci missili.

Tokyo ha anche assunto il ruolo di leader regionale che è più vocale nella sua diplomazia. Questo si riflette inLibero e aperto tra l’Indo-Pacifico“Una visione di ordine regionale, che enfatizza il rafforzamento dello stato di diritto, la ricerca della prosperità economica e l’impegno per la pace e la stabilità.

uno di Gli aspetti più importanti Una di questa “visione” è quella di rafforzare i partenariati strategici bilaterali con paesi come l’Australia e l’India. Insieme agli Stati Uniti, questi paesi formano il “Quartetto”, una libera alleanza che cerca di contrastare il crescente dominio cinese nella regione.



Leggi di più:
Sarebbe saggio per l’Australia non battere i “tamburi di guerra” su Taiwan con così tanti rischi


È possibile un conflitto tra Giappone e Cina?

Il Giappone è anche preoccupato per le mosse sempre più decise della Cina per espandere il suo dominio marittimo e esercitare maggiore pressione sulle isole Senkaku del Giappone, che Pechino (così come Taiwan) rivendica nelle isole Diaoyu.

Indicando l’intelligence, il Libro bianco della difesa giapponese rileva il forte aumento del numero di navi della Guardia costiera cinese che sono entrate nelle acque territoriali giapponesi dal 2019, denunciando “i tentativi cinesi di cambiare unilateralmente lo status quo con la coercizione”. Inoltre, la guardia costiera cinese è ora autorizzato Usare la forza contro le navi straniere in base a una nuova legge approvata quest’anno.

Una nave della guardia costiera cinese naviga vicino alle contese isole giapponesi nel Mar Cinese Orientale.
11 Guardia costiera regionale / AP

Vedere la difficile situazione di Taiwan come parte di un modello più ampio di assertività cinese è certamente l’impulso dietro la nuova dichiarazione di preoccupazione di Tokyo per la questione di Taiwan.

Tuttavia, è importante sottolineare che il Giappone non è in alcun modo obbligato per legge a fornire assistenza militare in qualsiasi potenziale controversia su Taiwan. Esistono ancora rigide restrizioni legislative all’uso risoluto della forza.

Invece, il Libro bianco della difesa dovrebbe essere visto come una forte indicazione che il Giappone crede di non poter stare a guardare mentre il contesto di sicurezza nella regione Asia-Pacifico continua a deteriorarsi. Quindi ha una maggiore responsabilità nel mantenere un sistema basato su regole che ritiene possa fornire stabilità e prosperità a questa regione dinamica.