Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il generale degli Stati Uniti afferma che la guerra della Russia all’Ucraina solleva questioni difficili per Taiwan

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio nel tentativo di soggiogare la nazione, l’attenzione si è rivolta a Taiwan. La Cina si è impegnata a unire la Taiwan democratica alla terraferma entro il 2049, se necessario con la forza. La nazione insulare è soggetta a frequenti incursioni nel suo spazio aereo e nelle aree sovrane in mare da parte di aerei e navi cinesi.

“Se il paese stesso non crede in quello che vuole fare, la sua gente non è disposta a difendere il proprio paese, il che rende molto difficile per le persone aiutarli in questa situazione”, ha detto McConville.

Alla domanda sulle contraddizioni tra l’Afghanistan, caduto immediatamente nelle mani dei talebani quando il presidente Ashraf Ghani è fuggito, e l’Ucraina, ha detto che la leadership è cruciale.

“I leader sono rimasti nel Paese”, ha detto dell’Ucraina.

C’è stata un’ondata generale di sostegno all’Ucraina a Taiwan da quando la Russia ha lanciato la sua invasione.credito:AP

Ha detto: “Gli uomini sono rimasti in età militare e hanno difeso il loro paese e c’era la sensazione all’interno di quel paese che la cosa giusta da fare fosse che dovevi rimanere”.

McConnell ha affermato che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno addestrato gli ucraini per sette anni e di conseguenza hanno sviluppato capacità militari significative.

Il generale Sir Mark Carleton Smith, capo di stato maggiore dell'esercito britannico.

Il generale Sir Mark Carleton Smith, capo di stato maggiore dell’esercito britannico. credito:politica di cambio

“Hanno capacità, hanno capacità, ma [they also have] Volere.”

Questo, ha detto, contrastava con i coscritti russi: c’erano notizie diffuse di soldati che lasciavano il campo di battaglia.

READ  Crisi ucraina: Mariupol prende la sua ultima resistenza contro la tirannia russa

“In questo momento stanno affrontando sfide molto grandi nel loro morale”, ha detto.

Funzionari occidentali hanno affermato che i russi hanno abbandonato enormi quantità di equipaggiamento militare, compresi i carri armati, mentre si ritiravano dall’Ucraina settentrionale per riorganizzarsi nella loro offensiva nella regione orientale del Donbass.

Scarica

Carlton Smith ha affermato che la risposta occidentale rapida e unita dell’Ucraina ha creato un precedente per altri regimi autoritari, tra cui Cina e Iran, che stavano sfidando e ribaltando l’attuale ordine internazionale.

Ha previsto un conflitto congelato o una situazione di stallo in Ucraina che avrebbe consentito alla Russia di rivendicare una certa misura di successo e di utilizzare la regione come trampolino di lancio per una campagna successiva.

“Non credo che la comunità internazionale e l’Europa potranno vivere comodamente in un conflitto congelato in Ucraina”, ha affermato.

La Russia schiera il generale Alexander Dvornikov, che ha supervisionato il suo intervento in Siria, per guidare l’offensiva sul fiume Donbass.

“A quanto ho capito, sta allestendo un nuovo quartier generale per guidare la prossima fase della campagna, ma viene con una reputazione piuttosto brutale dalla sua precedente esibizione in Siria”, ha detto Carlton Smith.

Scarica

Ha detto di essere rimasto sorpreso dalla “scarsa” prestazione dei soldati russi perché credeva che la Russia avrebbe imparato dagli interventi dell’Occidente nelle terre del Medio Oriente.

“Il fatto che tutti siano entrati in una strategia è molto simile a quello di Grozny [Chechnya] A differenza della chirurgia del buco della serratura, penso che sia stata una sorpresa.

Ha detto che il regime del presidente Vladimir Putin è stato sorpreso dalla decisione dell’Occidente di pubblicare un avvertimento dell’intelligence sui possibili movimenti della Russia prima dell’invasione che in precedenza avrebbero tenuto segreto.

READ  Un uomo britannico pensava che sarebbe "morto" durante un attacco di lontre ai giardini botanici di Singapore

“Questo deve averli sorpresi”, ha detto. “Sembra che manchino di iniziativa di basso livello”, ha detto.

Ha detto che la Russia ha “preso un colpo” dall’invasione, con 10.000-15.000 soldati uccisi e circa 30.000 feriti.

“Questi sono numeri molto significativi in ​​termini di rimodellamento di una forza capace e motivata”, ha detto.

“Questi sono numeri molto difficili, probabilmente, da nascondere alle famiglie e al più ampio pubblico russo”.

Ricevi una nota diretta dal nostro alieno corrispondenti Su cosa sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti al settimanale Quello che nel mondo è la newsletter qui.