Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il gas russo è ancora importante per la sicurezza dell’approvvigionamento italiano

La guerra della Russia in Ucraina e la riduzione dei flussi di gas verso l’Europa hanno spinto i principali importatori di gas come l’Italia a cercare nuovi fornitori in un momento di aumento dei prezzi del gas e alcune restrizioni alla capacità di trasporto.

La Russia rappresentava il 40% delle importazioni di gas dall’Italia prima dell’invasione dell’Ucraina a febbraio, ma ora è scesa al 15-20%, secondo il governo italiano. Nei primi sette mesi dell’anno sono diminuite le importazioni di gas italiano dalla Russia 38% Fino a 10,5 miliardi di metri cubi all’anno.

Di conseguenza, l’Algeria è diventata il più grande fornitore di gas italiano e si prevede che aumenterà le sue esportazioni di gas verso l’Italia di 9 miliardi di metri cubi nell’inverno 2023-2024.

interruzioni
“Quando attraversi l’eterno grinta della logistica [Italian] Sul mercato del gas, hai ancora il controllo su quanto puoi importare dal sud e portare al nord, quindi al momento è impossibile. [replace] Assolutamente Russia con l’Algeria”, ha detto Matteo Mazzoni, direttore dell’analisi energetica di Isis.

“La Russia ha bisogno di esportare anche con una capacità minima come lo è ora per assicurarsi rifornimenti e mantenere le luci accese durante l’inverno”, ha affermato.

Un completo arresto di questi flussi avrebbe gravi conseguenze per l’equilibrio generale dell’Italia, soprattutto se il prossimo inverno avrà temperature al di sotto della media, ha affermato.

Oltre alla Russia che ha bloccato il flusso di gas verso l’Europa, all’inizio di quest’anno l’UE ha deciso di tagliare le importazioni di gas russe di due terzi entro un anno. Il consorzio ha anche introdotto obiettivi di stoccaggio del gas per garantire forniture adeguate prima dell’inverno.

READ  Funzionari statunitensi affermano che Putin potrebbe possedere una super navetta da 700 milioni di dollari parcheggiata in Italia

“Non credo che l’Italia o qualsiasi altro Paese europeo sia in condizione di mollare [gas] forniture dalla Russia a breve termine”, ha affermato Jacobo Casadei, analista del gas presso Energy Aspects. “Finché ce ne sono [Russian] Distribuzioni Non credo [Italy] li ridurrà almeno fino al 2024″.

Per Casadei, la grande domanda per questo inverno è l’aumento delle esportazioni di gas dall’Algeria all’Italia.

“Quando si concretizzerà effettivamente la nuova capacità promessa?” Egli ha detto. “Gli algerini hanno una manodopera ingegneristica tecnologicamente adeguata e una produzione sufficiente per soddisfare l’aumento della domanda?”

Gli osservatori del mercato temono che la Russia non riprenderà le esportazioni di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania dopo tre giorni di lavori di manutenzione a partire da oggi. Aveva funzionato a un quinto della capacità per settimane.

Fino al 90% di risparmio
Gli analisti hanno convenuto che anche senza il gas russo, l’Italia avrebbe raggiunto l’obiettivo di stoccaggio del gas del 90% della capacità entro novembre. Secondo i dati di Gas Infrastructure Europe, gli impianti di stoccaggio del gas italiani sono stati visti l’ultima volta a quasi l’82% della capacità.

Tuttavia, un’intera stagione di riscaldamento senza gas russo “renderebbe la situazione molto difficile di cui preoccuparsi… molte cose potrebbero andare storte”, ha detto Mazzoni.

Se l’energia idroelettrica torna ai livelli medi, allentando la pressione sugli impianti a gas, e l’energia nucleare riprenderà in Francia, “la situazione sarà peggiore, ma non critica”, ha affermato.