Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il G20: l’opportunità unica che la presidenza del G20 offre all’India per condurre una narrativa globale

Il 1° dicembre l’India assumerà la presidenza del G20. È un momento importante perché offre a Nuova Delhi l’opportunità di consolidare un forte blocco globale che include sia le élite che le nazioni emergenti. In un mondo lacerato e pieno di crisi, l’India neutrale – che rimane alla stessa distanza dall’Occidente e dalla Russia nella guerra in corso in Ucraina – può accettare tutto quando ospiterà il vertice del 9-10 settembre 2023. L’India lo farà avere un anno intero dell’anno. Presidenza fino al 30 novembre del prossimo anno.

Le divisioni nel blocco sono chiaramente visibili mentre l’isola indonesiana di Bali si prepara a ospitare il vertice del G20 di quest’anno dal 15 al 16 novembre. L’Occidente e la Russia si sono rifiutati di incontrarsi. Erano riluttanti persino a sedersi insieme e risolvere i problemi durante il periodo introduttivo. La Russia ha annunciato che il presidente Vladimir Putin salterà il vertice.

Il G20 comprende 19 paesi (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Repubblica di Corea, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sud Africa, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti) più l’Unione Europea. Il suo impatto deriva da tre statistiche vitali: contribuisce per l’85% al ​​prodotto interno lordo (PIL) globale, per il 75% al ​​commercio mondiale e ospita il 64% della popolazione mondiale.

Parlando con ET, Amitabh Kant, sherpa indiano del G20, afferma che New Delhi spera in un forte coordinamento durante la sua presidenza. Il punto di vista dell’India è chiaro: questioni di guerra e conflitto devono essere discusse in seno al Consiglio di sicurezza dell’ONU. Il G20 è un forum per promuovere il consenso su sviluppo, crescita e questioni finanziarie, afferma.

Allora, qual è lo schema per la presidenza dell’India? Finora New Delhi non ha pubblicato alcun documento di strategia del genere. Ma sulla base dei documenti disponibili, dei discorsi e delle interazioni di ET con una mezza dozzina di persone che hanno familiarità con la tabella di marcia, è chiaro che lo schema includerà nuove idee e alcuni elementi di continuità da Bali.

READ  Un secondo mandato per il presidente Macron sarà una buona notizia per l'eurozona

Sul fronte finanziario, le priorità dell’India possono includere la finanza per il clima, il coordinamento globale sulle criptovalute, il completamento delle riforme fiscali internazionali e lo stimolo degli afflussi di capitali privati.

“Ci sarà una continuazione nel percorso di finanziamento. Ma nel percorso Sherpa, ci prenderemo un po’ di libertà per portare avanti le cose in modo innovativo”, afferma Kant. Creeremo un nuovo romanzo. Finora l’India ha reagito all’agenda preparata dal mondo sviluppato. La presidenza del G20 ci consentirà per la prima volta di guidare un’agenda globale”.

Tre tracce

Secondo i criteri del pool, con il conto alla rovescia lungo un anno per il prossimo vertice del G20, le discussioni preliminari si svolgono attraverso tre percorsi distinti.

In primo luogo, c’è lo Sherpa Path dove gli inviati, che rappresentano i capi di stato, prendono decisioni e alimentano il processo decisionale. Sotto la presidenza indiana, 13 gruppi di lavoro, che coprono aree come agricoltura, economia digitale, occupazione, salute e turismo, opereranno attraverso lo Sherpa Track. Ciascun gruppo di lavoro sarà composto da esperti e ministri pertinenti. Il primo incontro della pista sotto la presidenza indiana si terrà a Udaipur, nel Rajasthan, dal 4 al 7 dicembre, pochi giorni dopo che l’India ha assunto il ruolo di leadership. Il prossimo incontro si terrà presso lo Sherpa Trail di Mumbai a metà dicembre.

Grafico 2

La seconda linea d’azione è chiamata pista fiscale, guidata dai ministri delle finanze e dai governatori delle banche centrali degli Stati membri. Gli otto gruppi di lavoro in questo percorso discuteranno questioni come la struttura finanziaria internazionale, la tassazione, la finanza e la salute. Un gruppo chiamato Framework Working Group (FWG), che discuterà questioni macroeconomiche globali di attuale importanza, è copresieduto da India e Regno Unito. Il 13 e 15 dicembre si terrà a Mumbai il primo incontro della pista finanziaria. Alcuni degli altri luoghi in cui deliberare attraverso la via finanziaria includono Calcutta e Pune. La prima riunione del Gruppo di lavoro congiunto su salute e finanza è prevista intorno al 19 dicembre.

READ  Le elezioni presidenziali italiane potrebbero plasmare il futuro dell'Unione Europea

Il terzo flusso di lavoro che si riunisce regolarmente prima del Summit è chiamato Gruppi di Partecipazione. Mentre molti gruppi come Business 20, Civil 20, Labour 20, Science 20 e Think 20 saranno estensioni del passato, la Presidenza indiana aggiungerà un nuovo gruppo chiamato Startup 20, che a sua volta consiglierà azioni ai leader del G20 su come fare così. Affrontare le sfide della crescita e altri vincoli. Alcuni gruppi di coinvolgimento in passato hanno contribuito a compilare raccomandazioni in documenti politici. Ad esempio, Think 20, chiamato T20, ha riunito molti think tank e funge effettivamente da “banca delle idee” per il G-20. È stato avviato dalla presidenza messicana nel 2012.

Il G-20 è stato istituito come forum per i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali delle grandi economie all’indomani della crisi finanziaria dell’Asia orientale del 1997. Ci sono voluti più di un decennio e un’altra devastante crisi finanziaria (2008) per salire alla ribalta come il Foro dei Capi di Stato. Sotto la presidenza indiana ci saranno 43 paesi e organismi multilaterali: 20 membri, 9 paesi ospiti (l’India ha invitato il Bangladesh come ospite) e 14 organismi multilaterali (International Solar Alliance, Alliance for Disaster Resistant Infrastructure e Asian Development Bank invitati dall’India). La Banca Mondiale, il FMI, l’OMC, ecc. continueranno a partecipare al Vertice e in vista del vertice.

con cautela

Shel Kant Sharma, un ex diplomatico indiano che ha servito come segretario generale dell’Associazione dell’Asia meridionale per la cooperazione regionale (SAARC) nel 2008-2011, afferma che l’India dovrebbe procedere con cautela una volta che assumerà la presidenza. “La mia esperienza nel segretariato della SAARC suggerisce che dovremmo essere abbastanza umili ed evitare di dire che l’India guiderà il mondo ora. Sì, l’India è adatta per assumere la presidenza del G20 in questo momento e anche per affrontare l’attuale mondo polarizzato, ma dobbiamo stare attenti e non dobbiamo comportarci improvvisamente come il Grande Fratello.

Anche prima che l’India assumesse la direzione della manifestazione, è scoppiata una lite – nonostante la sua natura politica e domestica – quando il primo ministro Narendra Modi ha svelato il logo del G20 recante il fiore di loto, il fiore nazionale indiano nonché il simbolo elettorale del partito al potere Bharatiya Janata ( BJP). “Non importa le condizioni avverse, il loto sta ancora sbocciando”, ha detto Modi, un commento che i suoi oppositori hanno visto come un messaggio politico nascosto in questa stagione elettorale. L’ex ministro dell’Unione e leader del Congresso Jeram Ramesh ha criticato l’atto sui social media, definendolo un “vergognoso tentativo” di autopromozione.

READ  Più di 20 delegazioni straniere parteciperanno alla fiera Innoprom a Ekaterinburg, Russia - Business and Economy

Nel frattempo, Nuova Delhi ha preparato la sua proposta narrativa in vista del vertice di Bali, dove sarà ufficialmente annunciata la presidenza dell’India. La narrativa presidenziale potrebbe avere tre temi importanti, secondo fonti che hanno familiarità con l’argomento. Il primo, che mostra l’India nelle aree in cui ha compiuto progressi significativi: infrastruttura digitale pubblica, trasferimento diretto di benefici, salute digitale e prodotti farmaceutici. In secondo luogo, l’impatto sul mondo su questioni di particolare interesse per l’India: finanziamenti per il clima, transizione energetica (verso le energie rinnovabili) e sviluppo guidato dalle donne. Terzo, sostenere le riforme multilaterali come un’agenda nell’ambito di un tema ampio chiamato “Dare forma al futuro”. “Saranno fatti tentativi per portare ingenti capitali privati ​​per i finanziamenti per il clima”, afferma una delle fonti. Ciò richiederà riforme nelle agenzie di prestito multilaterali che dovranno poi svolgere il ruolo di sottoscrittore.

Suresh Prabhu, un ex sherpa del G20 in India, afferma che l’India deve lavorare sodo per ottenere risultati tangibili e lasciare un’eredità. “Una caratteristica del G20 è che non ha un segretariato permanente. Quindi le memorie istituzionali del G20 sono molto limitate. Ritengo che l’India dovrebbe fornire un risultato permanente – una sorta di architettura, fisica o digitale – in base al quale tutte le il lavoro del G20 può essere documentato”.