Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il fotografo AP in pensione Ut regala una foto di Papa “Napalm Girl”

Il fotografo in pensione dell’Associated Press Nick Ott ha incontrato Papa Francesco e gli ha regalato una copia del suo ritratto vincitore del Premio Pulitzer di una giovane ragazza vietnamita che corre nuda per strada dopo un attacco al napalm.

Ott e Kim Phuc Van Thi, che hanno terrorizzato un fotografo di AP l’8 giugno 1972 durante la guerra del Vietnam, hanno salutato Francesco al termine della sua udienza pubblica mercoledì in Piazza San Pietro, in vista del 50° anniversario dell’iconica immagine.

Kim Fook, che in seguito si stabilì in Canada e vi allevò una famiglia, incontrò l’ex cardinale Jorge Mario Bergoglio diversi anni fa nella sua nativa Buenos Aires, in Argentina, dove viaggiò come ambasciatrice di buona volontà per l’Agenzia delle Nazioni Unite per la cultura.

“Ha guardato la foto e l’ha ricordata immediatamente”, ha detto Yott all’Associated Press nella piazza pochi istanti dopo l’incontro. Kim Fook ha detto che non è sicura che Frances la ricorderà, date le centinaia di persone che incontra ogni giorno.

READ  Il Museo Nazionale del Cinema di Torino allarga gli orizzonti con realtà virtuale, progetti internazionali

Yote e Kim Fook erano in Italia per aprire una mostra delle sue foto a Milano in vista dell’anniversario della sua interpretazione di Napalm Girl. Immagini come questa hanno una forte influenza su Francis: in precedenza aveva distribuito copie tascabili di un’altra fotografia in tempo di guerra di un giovane ragazzo di Nagasaki che trasportava sulla schiena il fratello morto e scattata da un fotografo militare americano durante la seconda guerra mondiale.

Francesco, che si definiva il pacifico San Francesco d’Assisi, aveva nel quadro “Il frutto della guerra”.

Yut aveva solo 21 anni quando ha scattato la foto del Vietnam, poi ha messo da parte la sua macchina fotografica per portare Kim Phuc, 9 anni, in ospedale, dove i medici le hanno salvato la vita.

“C’ero solo io con il mio autista lì e poi ho detto che non volevo andarmene perché sapevo che sarebbe morta”, ricorda Ott. “Poi l’ho presa in braccio, l’ho caricata sul camion e l’ho portata in ospedale”.

Yott in seguito è diventato un fotografo dell’Associated Press con sede a Los Angeles, fotografando celebrità di primo piano fino al suo ritiro dall’agenzia di stampa nel 2017.

Ricordando l’orrore di quel giorno, Kim Fook ha detto che 50 anni fa era nota al mondo solo come vittima di una guerra.

Ma ora, 50 anni dopo, non sono più vittima della guerra. Sono una madre, una nonna e una sopravvissuta per la pace”.