Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il fondatore di Mountain Galleries dona la collezione d’arte di Doris McCarthy

Contenuto dell’articolo

Poche settimane prima della morte dell’artista Doris McCarthy, la sua amica ed ex studentessa Wendy Waco l’ha visitata nella sua casa affacciata sul lago Ontario lungo gli Scarborough Bluffs a Toronto.

Annuncio 2

Contenuto dell’articolo

Era il 2010 e McCarthy, famoso paesaggista ed educatore, aveva 100 anni. Era debole ed era stata in gran parte costretta a letto per due anni. Ma non era né depressa né depressa.

“Ha detto, ‘Mi è piaciuto stare qui negli ultimi due anni solo per ricordare…'”, dice Waco. “Ho amato ogni minuto. Non è stato sprecato un solo minuto. Non invidiava la bugia perché le dava la possibilità di rivivere alcune delle grandi avventure che aveva vissuto. Amo raccontare quella storia perché penso che sia una lezione per tutti noi”.

Wacko era un pittore paesaggista contemporaneo, regista e fondatore di Mountain Galleries con sedi a Jasper, Banff e Whistler, ed era uno studente alla McCarthy’s alla fine degli anni ’60. Scuola Tecnica Centrale di Toronto. Negli anni ’70, ha iniziato a dipingere viaggi con McCarthy in tutto il mondo. Hanno viaggiato insieme per quasi 30 anni. Nel 1983 ha presentato il documentario Doris McCarthy: Heart of a Painter.

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Wacko sta ora adottando misure per garantire che l’eredità di McCarthy continui a essere celebrata e il suo lavoro studiato da accademici e artisti per gli anni a venire. Dona 400 opere d’arte di McCarthy e ampi archivi alla Doris McCarthy Gallery dell’Università di Toronto, una straordinaria collezione che comprende dipinti, disegni, stampe a mano e incisioni. Alcuni risalgono agli anni ’20 e molti non sono mai stati visti in pubblico prima. Si ritiene che sia il più grande dono di beni culturali nella storia del Canada.

READ  Con l'allentarsi delle restrizioni, la musica dal vivo torna a Sudbury

Wacko e suo marito hanno acquistato 650 opere d’arte dal gruppo immobiliare privato di McCarthy nel 2019. Il gruppo è stato valutato in modo indipendente a $ 4,8 milioni nel 2020. Sebbene Wacko non abbia rivelato quanto ha pagato per la collezione, dice che lei e suo marito hanno investito solo meno di 1,5 milioni di dollari in questo “vecchio progetto”.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

McCarthy è nata a Calgary nel 1910 e si è trasferita a Toronto nel 1913. Ha influenzato generazioni di nuovi artisti alla Central Technical School durante i suoi 40 anni di carriera di insegnante. Ma è anche famosa per i suoi paesaggi e le fotografie delle gelide montagne artiche. Waco dice che era un “anello della catena” direttamente collegato al G7. Secondo il suo necrologio CBC, Arthur Lesser, AY Jackson, JEH MacDonald e Lawren Harris erano tra i suoi insegnanti e tutor presso l’Ontario College of the Arts.

“Il suo lavoro è audace e premuroso”, afferma Waco. “Ha abbracciato con attenzione il paesaggio canadese, ha adottato un approccio intellettuale, ha analizzato la forma e la composizione, dipinto con cura e poi dipinto. Ogni pennellata è piena di energia. (Lei) non ha mai avuto paura di sperimentare”.

Pubblicità 5

Contenuto dell’articolo

Medicine Lake, tavola del 2000 di Doris McCarthy.  È uno delle centinaia di dipinti che Wendy Waco ha donato alla Doris McCarthy Gallery dell'Università di Toronto.
Medicine Lake, tavola del 2000 di Doris McCarthy. È uno delle centinaia di dipinti che Wendy Waco ha donato alla Doris McCarthy Gallery dell’Università di Toronto. jpg

Wacko si è riconnessa con McCarthy negli anni ’70 e ha potuto vedere il suo lavoro durante le dozzine di viaggi di pittura che i due hanno fatto. Sono andati in Italia, Irlanda, Costa Rica e in tutti gli Stati Uniti e in Canada.

READ  Industria delle fotocamere ad alta velocità da 2-5 MP in tutto il mondo fino al 2027 -
Il Fort Chip di Doris McCarthy.  Questo è uno delle centinaia di dipinti che il proprietario delle Mountain Galleries Wendy Wacko sta donando alla Doris McCarthy Gallery dell'Università di Toronto.
Il Fort Chip di Doris McCarthy. Questo è uno delle centinaia di dipinti che il proprietario delle Mountain Galleries Wendy Wacko sta donando alla Doris McCarthy Gallery dell’Università di Toronto. jpg

“La sua etica del lavoro è stata fantastica”, afferma Waco. “Quando ho fatto un viaggio di pittura con Doris McCarthy, mi sono alzata alle cinque del mattino per pulire il pennello e prepararmi e pranzare. Ero fuori alle 8:30 e non sono tornato prima delle 4:30 o 5. Non c’era socializzazione. Lei non ha fatto niente di tutto questo. Il viaggio del disegno era un viaggio del disegno, e quando finisci di disegnare, bevi qualcosa. Ho adorato la segale. Ne berrai un drink, disimballa il lavoro quotidiano borse, guardatela bene, cenate presto e saremo a letto entro le 9 del mattino”.

Wacko manterrà il 30 percento della collezione “per portarla lentamente sul mercato nel tempo”. Ma il motivo principale per acquistare la collezione è renderla di pubblico dominio.

Pubblicità 6

Contenuto dell’articolo

“La proprietà era sotto pressione per lanciare la collezione sul mercato”, afferma Waco. “Ma non sarebbe stato positivo per la reputazione di Doris, per il suo valore di mercato, se fosse stato rilasciato tutto in una volta e così rapidamente. Inoltre, l’Università di Toronto ha costruito la Doris McCarthy Gallery. Questo è stato un impegno incredibile da U a T per sostenere l’eredità di questo artista. Volevamo trovare un modo per donare gran parte di questa collezione alla University of Toronto Art Gallery. “

La Doris McCarthy Gallery è stata aperta nello Scarborough Campus dell’Università di Toronto nel 2004, con l’artista stessa che ha tagliato il nastro. Nel 1989, McCarthy ha conseguito la laurea in inglese presso il campus. Nel 2014, la tenuta McCarthy ha donato alla mostra 200 dipinti e oltre 6.000 cimeli.

Pubblicità 7

Contenuto dell’articolo

“La nostra attuale collezione è molto buona, ma quello che fa Wendy è spingerla nel regno della fantasia”, afferma Ann MacDonald, direttrice e curatrice della Doris McCarthy Gallery. “Perché saremo in grado di cercare e visualizzare esempi del lavoro di McCarthy da tutto il paese, per il quale è famosa, ma anche da tutto il mondo. I suoi viaggi sono stati così intensi. Il regalo di Wendy significa per noi un quadro più completo della vita e della produzione artistica di Doris. Per noi, come galleria Tecnicamente all’università, ciò significa che le opere e gli archivi, anche estesi, saranno disponibili per studiosi, professionisti dell’arte e membri della comunità per la ricerca e la fruizione per molti anni a venire”.

READ  Invincibile: L'amata cantante italiana Milva muore a 81 anni divertimento

Il campus sta attualmente costruendo una nuova galleria, che avrà uno spazio dedicato esclusivamente alle opere di McCarthy. L’apertura è prevista per il 2025 o il 2026. MacDonald ha detto che ci sarà anche una “grande mostra itinerante” del lavoro di McCarthy in futuro.

“Penso che la componente di pubblico dominio sia molto importante”, ha affermato MacDonald. “Wendy sta facendo questo regalo al Canada e oltre. Non solo per la fondazione, è davvero perché le persone possano godersi il lavoro di Doris per sempre”.

    Annuncio 1

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione attivo e civile e incoraggiare tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti possono richiedere fino a un’ora per essere moderati prima che vengano visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche e-mail: ora riceverai un’e-mail se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che stai seguendo o se si tratta di un utente che stai seguendo. abbiamo visitato Linee guida comunitarie Per ulteriori informazioni e dettagli su come impostare un file E-mail impostazioni.