Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il fallito Biden in Afghanistan inviterà Pechino a tentare la fortuna

Ma il vetriolo degli avversari dell’America non può essere paragonato al sincero dolore per la credibilità degli Stati Uniti tra le figure strategiche americane e i loro alleati.

L’ammiraglio americano in pensione ed ex comandante supremo della NATO James Stavridis, Ha detto la scorsa settimana: “Stiamo assistendo all’emorragia dell’onore americano”.

L’ex primo ministro laburista britannico e strenuo difensore americano Tony Blair ha definito il ritiro “follia”. Il principale candidato a succedere ad Angela Merkel come cancelliere tedesco, Armin Laschet, Ha detto che era “La più grande catastrofe che la NATO abbia visto dalla sua fondazione”.

Illustrazione: Dion Jina lui attribuito:SMH

Secondo il ministro degli Esteri australiano sotto John Howard, Alexander Downer, “l’America non ha né pazienza né resilienza”. “Abbiamo il diritto di dubitare della determinazione dell’amministrazione statunitense a sostenere i suoi alleati nella buona e nella cattiva sorte”, ha scritto nelle lettere di lunedì. revisione finanziaria. Il suo “vergognoso ritiro” aveva “lasciato la mia fede gravemente scossa”.

I migliori amici e gli alleati più stretti dell’America sono ora impantanati in una crisi di fiducia. I suoi grandi concorrenti sono molto incoraggiati. L’abbiamo già visto. Le cose non sono andate bene.

Scarica

Sappiamo che la debolezza degli Stati Uniti in Medio Oriente richiede l’aggressione cinese e russa in Asia e in Europa. Perché è esattamente quello che è successo sotto Barack Obama.

Obama ha dimostrato la debolezza americana in Siria quando nel 2012 ha dichiarato una “linea rossa” che non è riuscito a far rispettare nel 2013. Ciò ha incoraggiato Vladimir Putin e Xi Jinping a precipitarsi in un territorio rivendicato dai loro vicini.

READ  La Cina piange la morte del maiale sopravvissuto al terremoto del 2008 | Cina

È stata una grande scommessa contro il potere e la credibilità degli Stati Uniti. Si scopre che erano vincitori.

“Ricordo di averne parlato con Obama all’epoca”, dice l’allora primo ministro australiano Kevin Rudd. Obama ha chiamato Rudd due volte per chiedere all’Australia di chiedere una dura risposta degli Stati Uniti quando il famigerato dittatore siriano Bashar al-Assad ha scatenato armi chimiche sul suo popolo. Obama aveva fatto la stessa richiesta dal Canada Stephen Harper.

Australia e Canada hanno fatto come richiesto da Obama. Ma dopo non è successo niente. “Noi e il primo ministro canadese Harper e io siamo partiti ondeggiando al vento”, ha scritto Rudd nel suo diario.

Lee Rudd afferma: “Obama è andato a fare una passeggiata nel Giardino delle Rose e ha cambiato idea. È corretto dire che quando Cina e Russia hanno notato la risposta di Obama all’attuazione delle linee rosse siriane, Pechino e Mosca hanno concluso che Obama era timido.

“Sono successe due cose. Putin si è sentito incoraggiato a occupare la Crimea e a lanciare un attacco all’Ucraina orientale nel 2014, dove i combattimenti continuano ancora oggi. Il bilancio delle vittime è stimato finora in oltre 13.000 persone.

“In secondo luogo, la campagna di Xi Jinping per bonificare le isole nel Mar Cinese Meridionale si è intensificata nel 2014-2015”, racconta Rood. Le forze di Pechino hanno sequestrato terre libere rivendicate dai vicini. Il tribunale indipendente dell’Aia ha stabilito che la Cina non aveva diritto alla terra. Da allora, Pechino li ha fortificati con basi aeree e missili a prescindere.

La storia sta per ripetersi? Rudd, un riferimento internazionale sulla Cina e presidente della Asia Society, avverte che i capricci provenienti da Biden in Afghanistan stimoleranno nuove ambizioni regionali a Pechino: “Ci sarà sicuramente un argomento avanzato in Cina che questo rappresenta un livello di flessibilità strategica nel Washington che dovrebbe essere sfruttata”.

READ  Come aiutiamo le persone in Afghanistan mentre i talebani proteggono Kabul

Scarica

Le forze di Xi incontreranno da Biden la stessa risposta che avevano prima di Obama: niente? Rudd dice che qualsiasi nuova aggressione da parte di Pechino potrebbe essere “davvero pericolosa”.

perché? “Perché l’amministrazione Biden è molto consapevole di cosa è andato storto nel 2014-2015” – Biden era il vicepresidente di Obama – “e la dinamica strategica con Pechino è ora in primo piano, a differenza di sette anni fa. Quindi, se la Cina si muove , c’è un pericolo reale Per Pechino, gli Stati Uniti risponderanno con forza reale per dissipare la tesi 2013-2014 sulla debolezza americana, dice Rudd.

In effetti, dopo l’Afghanistan, Biden potrebbe sentirsi doppiamente obbligato a mostrare la determinazione americana. Allo stesso tempo, lo sciovinismo di Xi sta raggiungendo nuove vette:

“Il popolo cinese non permetterà mai a nessuna potenza straniera di prepoterci, opprimerci o schiavizzarci, e chiunque tenti di farlo dovrà affrontare teste rotte e spargimento di sangue di fronte al Grande Muro di Ferro di 1,4 miliardi di cinesi”, ha detto il mese scorso. Celebrazione del centenario del Partito Comunista Cinese.

L’America soffre per l’umiliazione e la Cina è arrogante. Che cosa potrebbe andare storto?

Peter Harcher è un editore internazionale.

Ricevi una nota diretta dal nostro straniero corrispondenti Su ciò che sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.