Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il dolore economico e gli attacchi turchi spingono i curdi siriani in Europa

Baran Mescu scatta un selfie su un peschereccio con dozzine di immigrati curdi siriani prima di partire per la Spagna a Orano, in Algeria, sabato 10 ottobre. 15, 2022 (foto AP/Baran Msko)

QAMISHLI, Siria (AP) – Baran Ramadan Meskou si è nascosto con altri migranti per settimane nella città portuale algerina di Orano, in attesa dell’occasione per prendere una barca attraverso il Mediterraneo verso l’Europa.

Giorni prima di iniziare il viaggio un curdo siriano di 38 anni ha ricevuto la notizia che la barca di un contrabbandiere con a bordo alcuni suoi amici era affondata poco dopo aver lasciato la costa algerina. La maggior parte dei suoi passeggeri è annegata.

Lo shock è arrivato, dopo aver passato settimane per arrivare in Algeria dalla Siria e poi aver aspettato un mese che un contrabbandiere lo caricasse sulla barca.

Ma dopo aver speso migliaia di dollari per il viaggio, e con la moglie e le figlie di 4 e 3 anni, che dipendono da lui per una vita al sicuro dal conflitto, l’ingegnere diventato giornalista è salito a bordo di una piccola barca da pesca con dozzine di altri uomini e hanno scattato un selfie di gruppo da inviare alle loro famiglie prima che vadano offline.

Dopo un viaggio notturno di 12 ore, Misko si è recato ad Almeria, in Spagna, il 15 ottobre, quindi è volato in Germania quattro giorni dopo, dove ora è un richiedente asilo in un insediamento di migranti vicino a Bielefeld. Si sta ancora abituando al freddo e usa un’app di traduzione sul suo telefono per aiutarlo a muoversi mentre impara il tedesco. Ha detto che spera di sistemare presto le sue carte in modo che la sua famiglia possa raggiungerlo.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha affermato che almeno 246 migranti sono scomparsi nel tentativo di attraversare il Mediterraneo occidentale verso l’Europa nel 2022.

Misko fa parte di un numero crescente di curdi siriani che viaggiano verso l’Europa su un percorso tortuoso che include viaggi in auto e in aereo attraverso il Libano, l’Egitto, la Libia e l’Algeria, e infine in nave verso la Spagna. I migranti affermano di scegliere questo percorso tortuoso perché temono che le forze turche o i militanti sostenuti dalla Turchia in Siria li arrestino se tentano di intrufolarsi in Turchia, la via più breve per l’Europa.

Secondo i dati dell’agenzia di frontiera dell’UE Frontex, almeno 591 siriani hanno attraversato il Mar Mediterraneo dall’Algeria e dal Marocco alla Spagna nel 2022, sei volte il numero totale dell’anno scorso.

Un contrabbandiere curdo siriano in Algeria ha affermato che dozzine di curdi dalla Siria arrivano ogni settimana nella città portuale algerina di Orano con un viaggio per mare.

“Non ho mai avuto numeri così alti prima”, ha detto il contrabbandiere all’Associated Press in condizione di anonimato per paura di essere arrestato dalle autorità algerine.

Anni di conflitti e turbolenze economiche hanno lasciato il segno nelle regioni settentrionali della Siria, che ospitano circa 3 milioni di persone sotto il controllo de facto dei curdi. Militanti dello Stato islamico, forze turche e gruppi di opposizione siriani hanno preso di mira l’area dall’enclave controllata dai ribelli nel nord-ovest del Paese. Il cambiamento climatico e il peggioramento della povertà hanno portato a un’epidemia di colera negli ultimi mesi.

Come Misko, molti dei migranti provengono dalla città siriana di Kobani, che ha fatto notizia sette anni fa quando i combattenti curdi hanno resistito a un brutale assedio da parte del gruppo dello Stato islamico.

La città è stata lasciata in rovina e da allora “non è successo molto” per cercare di ricostruire, ha detto Joseph Daher, professore all’Istituto universitario europeo di Firenze, in Italia, aggiungendo che la maggior parte dei finanziamenti per lo sviluppo è andata alle città più a est .

I recenti avvenimenti nel nord-est della Siria hanno dato ai suoi residenti un ulteriore incentivo ad andarsene.

La Turchia ha intensificato i suoi attacchi contro le aree curde della Siria dopo che un bombardamento a Istanbul a novembre ha ucciso sei persone e ne ha ferite più di altre 80. Ankara incolpa il Partito dei lavoratori curdi fuorilegge e la milizia curda sostenuta dagli Stati Uniti, l’Unità di protezione del popolo, in Siria. Entrambi hanno negato la responsabilità.

Da allora, gli attacchi aerei turchi hanno colpito aree della Siria nord-orientale, inclusa Kobani, distruggendo le sue infrastrutture già distrutte, e Ankara ha promesso un’invasione di terra.

Bozan Shahin, un ingegnere di Kobani, ricorda un attacco aereo turco il mese scorso.

“Ho visto mia madre tremare di paura e tenere in braccio mia sorella di 4 anni per mantenerla calma”, ha detto Shaheen.

Ora vuole unirsi all’afflusso di curdi diretti dalla Siria verso l’Europa.

“Ho alcuni amici che hanno trovato un modo per arrivare in Libano attraverso un contrabbandiere e andare da qualche parte attraverso la Libia”, ha detto. “Non sono a conoscenza di tutti i dettagli, ma sto cercando di vedere come posso fare questo viaggio in sicurezza.”

L’operazione, che dura settimane e costa migliaia di dollari, è gestita da una rete di contrabbandieri che corrompe i soldati siriani per far passare i migranti attraverso posti di blocco dove possono essere detenuti per evasione alla leva o attività antigovernativa, e poi attraverso il poroso confine con il Libano. Nelle parole di immigrati e contrabbandieri.

Lì, i migranti di solito languiscono in appartamenti affollati a Beirut per circa una settimana, in attesa di passaporti urgenti dall’ambasciata siriana tramite un contrabbandiere.

Con i passaporti in mano, i migranti si recano in Egitto, dove i siriani possono entrare senza visto, quindi prendono un altro volo per Bengasi nella Libia devastata dalla guerra prima di intraprendere il viaggio verso l’Algeria attraverso un’altra rete di contrabbandieri.

“Siamo andati in camion e jeep e ci hanno portato attraverso la Libia attraverso Tripoli e la strada costiera, cambiando auto ogni 500 chilometri circa”, ha detto Misko.

Durante il viaggio attraverso il deserto, hanno dovuto attraversare posti di blocco presidiati da un mosaico di gruppi armati libici.

“Alcune delle guardie ai posti di blocco ci hanno trattato in modo orribile quando hanno scoperto che eravamo siriani, prendendo i nostri soldi e telefoni, o facendoci stare fuori al caldo per ore”, ha detto.

Misko ha detto che un gruppo armato ha rapito il gruppo di migranti che era partito prima di lui e ha chiesto 36.000 dollari per il loro rilascio.

Quando raggiunsero la città algerina di Orano, Miskou fu sollevato all’idea di rifugiarsi in un appartamento gestito da contrabbandieri. Mentre aspettavano per settimane, lui e gli altri migranti trascorrevano la maggior parte del loro tempo all’interno.

“Non potevamo muoverci liberamente intorno a Orano, perché le forze di sicurezza sono ovunque e non siamo entrati legalmente nel paese”, ha detto Miskou. “C’erano anche bande in città o anche sulla costa che cercavano di derubare i migranti e prendere i loro soldi”, ha aggiunto.

I gruppi per i diritti umani hanno accusato le autorità algerine di detenere migranti e in alcuni casi di espellerli oltre i confini terrestri. Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Algeria ha espulso più di 13.000 migranti nel vicino Niger a sud nella prima metà del 2021.

Sebbene sia sollevato di essere arrivato sano e salvo in Germania con la possibilità di portare lì moglie e figlie, Misko si rammarica di aver lasciato Kobane.

“Sono sempre stato contrario all’idea di immigrazione o addirittura di sfollamento”, ha detto. “Ogni volta che dovevamo trasferirci in un’altra zona a causa della guerra, tornavamo a Kobane il prima possibile”.

Mesko trascorre la maggior parte del suo tempo a sostenere colloqui per asilo e udienze in tribunale, ma dice di essere di buon umore sapendo di aver iniziato un processo che poteva solo sognare mesi fa. Spera di ottenere presto lo status di rifugiato, in modo che la moglie e le figlie possano raggiungerlo in Europa.

“La Siria è diventata un focolaio di guerra, corruzione e terrorismo”, ha detto. “Abbiamo vissuto così per 10 anni e non voglio che i miei figli vivano queste esperienze, vedano tutti gli orrori”.

READ  Invest Ukraine insieme a Danieli può costruire un nuovo mulino rotante in Italia