Agosto 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il divieto di allevamento di pellicce in Italia è l’ultimo colpo a un’industria morente


3 ho letto per minuti

Il 21 dicembre 2021 la Commissione Bilancio del Senato italiano ha imposto un divieto permanente all’allevamento di animali da pelliccia. Attualmente in Italia operano 10 allevamenti di visoni. Ciascuno sarà chiuso entro sei mesi. La notizia arriva dopo una vasta campagna per i rami internazionali (HSI) ed europei della Humane Society.

Con la chiusura degli allevamenti, l’allevamento di animali da pelliccia fu subito illegale. Questo include visoni, volpi, cincillà e procioni. Il 30 giugno 2022 è il termine ultimo per fermare tutte le attività di allevamento di animali da pelliccia. Durante le campagne sono state prese in considerazione le economie locali. Ricerca e potenziali modelli di business per allevamenti di animali da pelliccia modificati Fornito.

Il supporto non è sacrificale

Il divieto di allevamento di pellicce in tutta Italia segna una vittoria fondamentale per i diritti degli animali. Viene dopo che molti grandi nomi della moda hanno promesso di smettere di usare o promuovere il prodotto. Gli agricoltori italiani non rimarrebbero senza reddito; Il ministero dell’Agricoltura ha stanziato fondi a sostegno del loro passaggio a un’altra impresa. 3 milioni di agricoltori dovranno riqualificarsi o investire in nuove attrezzature per il proprio sostentamento.

L’approvazione ufficiale del divieto è attesa entro la fine dell’anno. Questo segna l’Italia come il 16° paese in Europa a tornare all’allevamento di animali da pelliccia.

“Semplicemente ci è venuto in mente allora. Infine, un referendum parlamentare mette fine alle indicibili sofferenze inflitte agli animali in nome del profitto e dell’inutilità. In una nota Michela Vitoria Prampilla, presidente della Commissione parlamentare interinale per i diritti degli animali e della Lega italiana per gli animali e l’ambiente. “Ora siamo in attesa dell’approvazione definitiva della legge di bilancio, ma la volontà politica è stata espressa con chiarezza. È un sogno che si realizza da decenni coltivato da decenni dalle associazioni animaliste del nostro Paese… È un grande traguardo , e finalmente tutti coloro che amano e rispettano gli animali sono felicissimi!

READ  'Per favore, non rubateci la nostra casa': Controversia sulle case da $ 1 in Italia

La notizia del divieto ha implicazioni positive per la salute. Gli allevamenti di animali da pelliccia sono stati direttamente collegati a diverse eruzioni del governo 19. 465 allevamenti di visoni sono stati identificati positivamente in 12 paesi. L’Italia era una di queste e diffusa segnalato Devo combattere sotto il peso dell’infezione.

“Ci sono ragioni economiche, ambientali, di salute pubblica e di benessere degli animali molto chiare per chiudere e vietare gli allevamenti di animali da pelliccia”, ha affermato Martina Pluta, direttore dell’Hsi italiana. “[This] Il voto riconosce che consentire alla fauna selvatica di riprodursi in gran numero per la moda di piccole pellicce rappresenta un rischio per gli animali e le persone.

Questa è una vittoria storica per il benessere degli animali in Italia e HSI/Europe è molto orgogliosa che la nostra strategia di trasformazione degli allevamenti di animali da pelliccia abbia svolto un ruolo chiave nell’eliminazione di questa orribile e pericolosa industria nel nostro Paese”, ha concluso.

Movimento emergente

L’Italia si unisce ai ranghi di Armani, Prada, Valentino e Versace. Nell’ambito dell’impegno del Gruppo Kering, Gucci spingerà per l’eliminazione dell’uso della pelliccia animale.

Più di recente, la rivista di moda Elle promesso Applicare il divieto globale sulla promozione della pelliccia in tutti i suoi argomenti. È venduto in tutto il mondo, inclusa la Cina, che è ampiamente riconosciuta come sede della più grande industria di pellicce del pianeta. Elle è stata la prima rivista di alta moda consumer a fare una simile promessa. Attualmente conta 21 milioni di lettori.


Tutte le immagini sono per gentile concessione di Unsplash.

READ  Banfi: il regalo dell'America al vino italiano