Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il divieto audace sulla plastica monouso spinge a pieno regime la pulizia della plastica in Europa

In Europa, i bagnanti sono abituati allo spettacolo deprimente dei rifiuti di plastica sparsi lungo le spiagge. In realtà, 85 percento Le spiagge e i mari di acqua salata del continente superano gli standard di inquinamento per i rifiuti marini. Il Mediterraneo è Il più spregevole di sempreI ricercatori hanno raccolto una media di 274 pezzi di rifiuti di plastica per 100 metri di costa. Sotto le onde, le microplastiche hanno trasformato le acque costiere in una “zuppa di plastica” tossica.

In uno sforzo a tutto campo per ripulire le coste europee – una singola lastra in uno sforzo innovativo dell’UE per affrontare quasi 28 milioni di tonnellate USA dei rifiuti di plastica che genera ogni anno – il divieto entra in vigore il 3 luglio e interrompe le vendite nei mercati dell’Unione europea dei 10 prodotti di plastica che vengono per lo più lavati sulle coste del continente. Questi includono, tra le altre cose, tappi di bottiglia in plastica, posate, cannucce e piatti, nonché contenitori per alimenti e bevande in polistirolo.

Il divieto è il segno più visibile degli sforzi dell’Europa per ridurre l’inquinamento da plastica creando il primo sistema circolare di plastica al mondo. Entro la fine di questo decennio, ciò porterà al divieto dello smaltimento della plastica, alla creazione di un sistema generale di riutilizzo per tutte le altre materie plastiche e alla creazione di un mercato europeo ampliato e potenzialmente redditizio per la plastica riciclata.

Una serie di misure dell’UE sta ora spingendo gli investimenti e l’innovazione verso soluzioni circolari che, secondo esperti e funzionari dell’UE, definiranno l’economia europea a basse emissioni di carbonio e ne rafforzeranno la competitività globale. Un’economia circolare è quella in cui i prodotti e i materiali vengono mantenuti in uso durante l’intero ciclo di vita, dalla progettazione e produzione al riutilizzo o al riciclaggio. A differenza dell’attuale sistema lineare, i prodotti non finiscono nella spazzatura, ma vengono reimmessi nel processo produttivo.

Nell’ambito della Strategia per la plastica dell’Unione europea, introdotta nel 2018, le linee guida sui rifiuti riformeranno il modo in cui i prodotti in plastica sono progettati, utilizzati e riciclati. Tutti gli imballaggi in plastica sul mercato dell’UE dovrebbero essere riciclabili entro il 2030, con l’uso di microplastiche limitato.

Le misure sono le più severe al mondo e hanno già spinto i tassi di riciclo degli imballaggi in plastica nell’Unione Europea ai massimi storici 41,5 percentotre volte negli Stati Uniti. L’Unione Europea ha fissato l’obiettivo di riciclare il 50% degli imballaggi in plastica entro il 2025, un obiettivo che ora sembra a portata di mano. Nel 2025, l’obiettivo della raccolta differenziata sarà del 77% per le bottiglie di plastica e la percentuale salirà al 90% entro il 2029.

READ  La Grecia attrae investimenti diretti esteri e si prepara alla trasformazione economica

Questo sistema completo dipenderà dall’adozione diffusa di regimi di responsabilità per danno da prodotti difettosi, il che significa che se un’azienda introduce merci confezionate o imballate nel mercato di un paese, tale azienda rimane responsabile dell’intero costo della raccolta, del trasporto e del riciclaggio o dell’incenerimento. prodotti. Infatti, chi inquina paga.

E da quest’anno, le aziende dell’UE non potranno più scaricare rifiuti di plastica nei paesi in via di sviluppo come Malesia, Vietnam, India e Indonesia. Esportando rifiuti di plastica, l’UE ha sostanzialmente evitato questo parassita – circa 1,7 milioni di tonnellate statunitensi di esso ogni anno – una grande quantità dei quali è stata incenerita all’aperto, scaricata in discarica o semplicemente scaricata in mare. Ora, l’Europa è costretta ad affrontare l’intero fardello dei rifiuti.

Henning Welz, direttore dell’economia circolare in Germania, ha dichiarato: Istituto Wuppertal per il clima, l’ambiente e l’energia.

Altrove nel mondo, i governi e il settore privato stanno rispondendo alla rabbia pubblica per l’inquinamento da plastica, anche se con un impatto molto minore rispetto all’Europa. Solo in tutto il mondo dal 14 al 18 percento della plastica viene riciclata (meno della metà della media europea) e meno del 10 per cento viene riciclato negli Stati Uniti secondo Greenpeace, sebbene molti governi e multinazionali si vantano di impegni di alto profilo per rendere i loro prodotti più circolari, Gran parte di essa viene lavata fuori dall’ambiente.

“Molti tipi di imballaggi in plastica comunemente usati non sono riciclabili e vengono gettati in discarica, inceneriti o esportati senza verifica del riciclaggio”, secondo Rapporto Greenpeace.

Gli Stati Uniti, che producono la più grande quantità di rifiuti di plastica al mondo, sono impantanati nei rifiuti ora che la Cina, il più grande produttore di plastica, è I rifiuti importati non sono più accettati; Molte città americane finiscono per scaricare rifiuti di plastica nelle discariche o per incenerirli. Il Congresso ha incaricato le National Academies of Sciences di condurre una revisione completa del contributo degli Stati Uniti ai rifiuti di plastica, il cui rilascio è previsto per la fine di quest’anno.

La lotta dell’Europa contro i rifiuti di plastica aiuterà l’Unione europea a raggiungere il suo ambizioso obiettivo climatico di ridurre le emissioni di gas serra del 55% al ​​di sotto dei livelli del 1990 entro il 2030. Stime USA La riduzione della produzione di plastica a base di petrolio potrebbe ridurre di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 equivalente all’impronta di carbonio dell’Europa e anticipare danni ambientali fino a 22 miliardi di euro entro il 2030.

“Il divieto di 10 elementi è grande”, ha affermato Clara Lu, analista di The istituti ambientaliÈ un think tank tedesco. “Ci sono molte azioni in corso nell’ambito del Green Deal europeo per tenere a freno la plastica e stabilire la circolarità come principio cardine dell’economia della plastica europea. Anche la maggior parte degli europei non è consapevole di ciò che sta accadendo ora”.

READ  La disoccupazione sta diminuendo nei paesi ricchi, ma non tutti i posti di lavoro stanno tornando

I critici notano, tuttavia, che l’impressionante divieto di 10 elementi dell’UE copre solo l’1% della produzione di plastica europea. Sottolineano inoltre che la quantità totale di produzione di rifiuti di plastica in Europa ha non cadere Qualcosa che le nuove misure mirano a invertire.

Rifiuti Zero Europa Dice che la produzione di rifiuti di plastica in Europa diminuirà solo quando le sanzioni come il divieto dei dieci articoli e altre misure entreranno in vigore in pieno.

Fattori esterni come il prezzo del petrolio hanno un impatto significativo, ha affermato Carmine Tricrusi, economista ed esperto di riciclaggio presso l’Università di Brescia in Italia; Finché il petrolio è a buon mercato, come è stato negli ultimi anni, lo è anche la produzione di plastica, che la rende difficile da frenare. Il settore della plastica dell’Unione europea è un grande settore commerciale, che impiega 1,5 milioni di persone e genera 350 miliardi di euro nel 2019. Trecroci ha affermato che la potente lobby della plastica italiana ha combattuto duramente per impedire un divieto di 10 elementi, quindi rallentarlo e mitigarlo. Ma alla fine, l’Unione europea ha accettato il divieto.

Mentre i paesi dell’UE producono ancora grandi quantità di plastica, la quantità di rifiuti di plastica post-consumo avviati al riciclaggio è aumentata 92 percento Dal 2006, secondo plastica, un’associazione europea dei produttori di plastica. Nel frattempo, la discarica – di gran lunga l’opzione di trattamento dei rifiuti più sporca – diminuito del 54 percento.

Dal 1° gennaio, i produttori di plastica nell’Unione Europea hanno dovuto pagare una tassa di 800 euro per tonnellata di rifiuti di imballaggio in plastica non riciclati. La pressione di Bruxelles ha portato anche a misure volontarie nel settore privato: Coca-Cola Europe, ad esempio, è sulla buona strada per produrre il 50 percento delle sue bottiglie e lattine di plastica da materiale riciclato.

Secondo l’Unione Europea, solo 5 percento del valore degli imballaggi in plastica attualmente nell’economia dopo il primo utilizzo. Si stima che questo costi all’economia europea tra i 70 ei 105 miliardi di euro all’anno.

Löw ha affermato: “Un circuito chiuso è quando ogni sostanza e ogni prodotto e i suoi componenti vengono utilizzati il ​​più a lungo possibile, riparati o rinnovati se rotti, [and] Riciclato molte volte in materia prima secondaria senza perdere la qualità del materiale.

“L’Europa è un continente con poche materie prime, come petrolio e minerali, quindi un’industria del riciclaggio che eviti la necessità di materie prime vergini è tanto una strategia industriale quanto un programma ambientale”, ha aggiunto Welts del Wuppertal Institute. Lui e altri affermano che gli impianti di riciclaggio e recupero guideranno il riciclaggio in Europa poiché i rifiuti di plastica diventano più preziosi, Bruciare i rifiuti in energia Tassati correttamente, più prodotti sono standardizzati per il riciclaggio. “Ci sarà un raddoppio delle strutture di smistamento e riciclaggio nei prossimi cinque anni”, ha affermato Welts.

READ  Il G7 rimprovera la Cina per la campagna economica coercitiva di Pechino contro l'Australia

La storia della nuova economia della plastica in Europa risale alla metà degli anni ’90, quando il principio della responsabilità estesa del prodotto è stato sancito dal diritto dell’UE. Responsabilità estesa del prodotto (EPR), sostiene A Carta Zero Waste Europe, “è fondamentale per incentivare la riprogettazione del prodotto tenendo presente la circolarità… Garantire che i produttori sostengano il 100% dei costi di pulizia incoraggerà il produttore a collaborare con i comuni per garantire un’elevata raccolta per i loro prodotti”.

Trecroci osserva che l’EPR su larga scala è già una realtà nell’Europa settentrionale e centrale. a Germania, le aziende pagano tasse per un totale di 1,5 miliardi di euro all’anno per finanziare il trasporto, lo smistamento e il riciclaggio dei loro materiali finiti dai rifiuti. “Nel sud dell’Europa, siamo in una fase iniziale, ma l’EPR avanzerà anche qui, per intero, tra pochi anni”, ha detto Trecroci.

Inoltre, nel 2019, l’Unione Europea ha adottato una direttiva che entro il 2025 tutti i paesi dell’UE incorporeranno il 25% della plastica riciclata in bottiglie di plastica trasparente e il 30% in tutte le bottiglie di plastica per bevande entro il 2030. Questo aggiunge un minimo obbligatorio – in vigore. Germania, Danimarca e Norvegia: il valore dei rifiuti di plastica, poiché i produttori di plastica ne hanno bisogno e lo pagheranno.

“Questo crea una domanda di materiali di riciclaggio di alta qualità”, ha affermato Willets. Presto, lo stesso principio – il contenuto minimo di riciclaggio – sarà applicato ai settori automobilistico e delle costruzioni, ha affermato.

Secondo Willets, la vasta rete del settore privato necessaria per creare questa nuova economia circolare sta guadagnando slancio solo ora. “Alla fine, l’industria del riciclaggio produrrà i materiali di base per la produzione industriale”, ha affermato. “Ma non siamo ancora arrivati ​​a tanto.”

Questo articolo è riprodotto con il permesso di Yale Environment 360. Pubblicato per la prima volta l’8 giugno 2021. Trova la storia originale Qui.