Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il decreto italiano sulle attività immateriali dovrebbe servire da segnale

Nell’agosto 2020, il governo italiano ha annunciato che le società locali in Italia possono e devono dichiarare l’intero patrimonio immateriale nel proprio bilancio. Lo slancio immediato per la mossa è stata la rapida erosione dei valori azionari delle società italiane nei mercati azionari nel mezzo della pandemia di Covid, che ha reso molte di loro molto appetibili come obiettivi di acquisizione a basso costo. Senza nessun altro indicatore accettabile del valore reale di queste società, il mercato era l’unico giudice del loro valore. E con le loro attività immateriali quotate, il loro valore intrinseco effettivo è ciò che i potenziali acquirenti devono negoziare ora.

Sebbene questa fosse una risposta tattica tanto necessaria da parte del governo ai rischi patrimoniali posti dalla crisi globale, la mossa ha implicazioni di vasta portata per la gestione dell’economia globale nel suo insieme. Sappiamo intuitivamente che il valore intrinseco di un’impresa di successo nel ventunesimo secolo non può essere la somma dei suoi beni materiali. Quindi, questo si diffonderà ad altre economie avanzate che dipendono fortemente da attività immateriali? Gli Stati Uniti, la Francia e la Germania traggono tutti grande valore dalla “reputazione” e dalle “ricette” delle loro aziende. Anche se estendiamo questa logica alle startup, più propriamente costruite, pensate a quanto valore (o ritorno sul capitale se volete) dipenderà dagli asset immateriali.

Ora sappiamo bene che perdere un marchio non è altro che un duro colpo per qualsiasi attività commerciale. L’erosione della proprietà intellettuale non è una ferita superficiale. Immagina se non potessi più usare la parola Caterpillar anche in un business-to-company basato in gran parte su specifiche come i motori terrestri; sopravviverai Immagina se 3M chiudesse la sua cella di innovazione. o se il Gruppo Tata dichiara che il Codice di Condotta Tata non è più obbligatorio. Qualcuna di queste entità commerciali avrà gambe su cui stare in piedi?

READ  Come accelerare l'emancipazione economica delle donne e costruire l'uguaglianza di ricchezza

Quindi, come sarà l’economia globale del 2025 da questa prospettiva? Ovviamente, avremo tutti bisogno di un dispositivo fisico su cui guardare Netflix. Ma per cosa stiamo pagando? E dove risiede esattamente il valore di Netflix? Ovviamente abbiamo bisogno di un telefono per ordinare un taxi Uber e di un’auto per portarci a destinazione. Ma cosa stiamo effettivamente pagando per Uber? Le migliori università del mondo offrono già opzioni di laurea completamente online.

Nel 1975, il contributo delle attività immateriali alla società media S&P 500 era del 17%. Nel 2020, questo numero era inferiore al 90%. La cifra equivalente per la zona euro era del 75%. I vantaggi competitivi che creano valore per la maggior parte delle categorie di prodotti e servizi diventeranno sempre più intangibili. Pertanto, il valore inerente alle attività materiali può svanire nel tempo. Cosa ci vorrà perché i protocolli legali, contabili e di governance lo riconoscano e stiano al passo con le realtà del mercato?

Considera questo:

Legale: la legge sulla proprietà intellettuale può circondare adeguatamente tutti i beni immateriali?

Contabilità: il nostro bilancio non dovrebbe riconoscere e dichiarare il valore di queste attività?

Governance: i leader aziendali sono in grado di gestire i rischi associati alle loro risorse immateriali?

Performance: le misure di “rendimento del capitale” includeranno anche il capitale immateriale?

Per più di un secolo siamo stati in grado di monitorare gli interessi degli azionisti, attraverso solidi meccanismi che controllano il capitale prezioso degli azionisti, in gran parte contenuto nelle attività materiali. Questo livello di controllo purtroppo non si estendeva abbastanza agevolmente alle attività immateriali, che non potevano più essere relegate all'”avviamento”.

READ  Un uomo italiano ha cercato di ingannare un'infermiera facendogli iniettare un vaccino in un braccio che faceva schiuma

Sorprendentemente, questa non è la novità brillante di questo decennio. Dagli anni ’60, economisti come Machlub e Grealish hanno iniziato a mettere in discussione l’allocazione dei budget di ricerca e sviluppo come input intermedi. A cavallo del millennio, Corrado, Hulten e Schisel iniziarono a creare classificazioni delle attività immateriali.

Nel caso italiano con cui siamo partiti, molte aziende sarebbero state inghiottite da una canzone se non fosse stato per la decisione del governo. Le loro attività immateriali avrebbero potuto essere contributi insignificanti alle loro valutazioni in questo contesto di mercato azionario.

Oggi, il private equity tende a “valutare” l’azienda piuttosto che a “valutarla”. La domanda dell’investitore per tali attività nell’attuale mercato dei capitali determina il valore pagato. Questo spesso ha poca o nessuna relazione con il valore intrinseco di tutti i suoi beni. È un po’ come dire che il valore degli aerei di una compagnia aerea dovrebbe essere calcolato in base allo stato del settore dei viaggi. Questo è accettabile secondo gli attuali principi contabili?

Westlake e Haskel, nel loro lavoro che definisce il capitalismo senza capitale, sostengono che uno dei maggiori rischi sociali del non riconoscere i beni immateriali è l’allargamento dei divari già crescenti nella creazione di ricchezza. Le sinergie e le ramificazioni create dalle attività immateriali rendono più facile per le aziende immateriali ricche attrarre talenti con l’istruzione e le competenze necessarie per lavorare nei settori basati sulla conoscenza e pagare loro salari più elevati.

Ovviamente, indipendentemente dall’obiettivo attraverso cui esaminiamo il problema, gli intangibili non possono più essere oggetto di un dibattito senza fine sull’opportunità o sul come catturarli, rendendoli opachi a tutti gli stakeholder. Il tempo della superiorità ideologica e degli atteggiamenti è finito. Come nel caso dei principi contabili tangibili che sono stati istituiti circa un secolo fa, l’evoluzione si evolverà nel tempo. Ma dobbiamo iniziare.

READ  Aumento dell'ottimismo aziendale nel febbraio 2022: sondaggio

Sarebbe sciocco negare la presenza dell’elefante nella stanza solo perché non siamo d’accordo su come descriverlo.

Ramesh Judd Thomas è Presidente e Chief Knowledge Officer di Equitor Value Advisory

partecipazione a Newsletter di menta

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!