Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il crollo dei Paesi Bassi dipende molto dalle spalle massicce di de Ligt

L’Olanda è stata una delle squadre più divertenti ed emozionanti di Euro 2020 e le prime fasi della sconfitta per 2-0 negli ottavi di finale contro la Repubblica Ceca a Budapest non hanno fatto eccezione.

La squadra di Frank de Boer era veloce e implacabile lungo i fianchi, e quando Denzel Dumfries è uscito dal campo e ha colpito il centravanti per ottenere un passaggio Daly Blind, la traballante backline ceca potrebbe aver trovato più facile distinguere l’intera popolazione di 50.000 della città scozzese che il furioso terzino destro condivide il nome con lei.

Thomas Callas è riuscito a costringere Dumfries ad espandere la sua gamma e ha lanciato una sfida vitale e transitoria. C’è divertimento anche in quest’ultima difesa, anche se raramente sembra interessante per il protagonista.

Sette minuti prima dell’intervallo, era impossibile ignorare un uomo alto e vestito di arancione che sembrava godersi un po’ quello che stava succedendo.

Una difesa olandese inquietante e passiva ha permesso a Lukas Masopest di trovare Antonin Barak in area. In Matisse de Ligt è volato con la sfida per salvare il gol. L’ululato del cuore della difesa bianconera, tutti a portata d’orecchio. Era arrabbiato.

Questo è lo yacht del leader

In quel momento, mi sono sentito come se il ventunenne fosse sulla buona strada per trasformarsi in una performance decisiva per sedare il brusio di critiche che aveva fatto la colonna sonora negli ultimi due anni di una carriera che promette ancora così tanto.

“De Ligt è il cuore della nostra difesa. Ha bisogno di diventare un capitano molto più di quanto non sia ora”, ha detto la stella dell’Olanda Marco van Basten a NOS in una critica intrigante e dura dopo che De Ligt è tornato per aiutare la sua squadra. La porta inviolata contro l’Austria dopo il caotico 3-2 sull’Ucraina.

READ  Norwich in tour - Scozia, Italia e Malesia rivisitate

“E’ andato in Italia per imparare a difendere di più, ma credo che lì non abbia imparato molto. Ha bisogno di guidare molto di più il resto”.

De Ligt ha lasciato l’Ajax dopo la sua stagione festiva 2018-19 che sembrava già un capitano nato. Era difficile immaginare che queste credenziali venissero messe in discussione. Ma l’anno di transizione alla Juventus, quando Maurizio Sarri ha tentato un nuovo approccio, seguito dalla disgrazia della scorsa stagione rinunciando al titolo di Serie A guidato da Andrea Pirlo, è stato un insegnamento spietato in Serie A.

Tuttavia, è riuscito a mantenere una prospettiva meravigliosamente positiva.

“Sono davvero fortunato a giocare con quasi tutti quelli che avrei visto se fossi stato un giovane giocatore”, ha detto De Ligt all’Athletic a metà della stagione 2020-2021.

“[Leonardo] Bonucci è davvero bravo a costruire, quindi ne ho parlato con lui e ho visto cosa fa. [Giorgio] Chiellini è molto bravo a etichettare, quindi cerco di imparare anche da lui.

“Sto giocando con [Virgil] Van Dyck [for the Netherlands]. Alla fine, però, è molto importante sviluppare il proprio gioco e non iniziare a imitare qualcun altro”.

La partita di domenica, con Van Dijk fuori per così tanto tempo e la prospettiva di gloria per il duello di Bonucci con l’Italia, sembrava quella in cui De Ligt è uscito da quelle grandi ombre.

Il capro espiatorio dello yacht

Così com’è stato, il suo inciampo e il suo fallo di mano fuori tempo per negare a Patrick Sheek un’opportunità da rete – pochi istanti dopo che Doniel Mallin avrebbe dovuto aprire le marcature dall’altra parte – ha fatto precipitare il difensore e i suoi compagni di squadra in un buio pesto che non potevano sollevare. Le luci si sono spente alla loro offerta per Euro 2020.

READ  Invincibile: L'amata cantante italiana Milva muore a 81 anni divertimento

“Un difensore maturo ed esperto non commette il secondo errore e lascia che l’attaccante vada avanti e segni, perché non lascia la sua squadra di 10 uomini in campo”, ha detto Gary Neville a ITV dopo un atroce tentativo di difenderlo. “un difensore maturo ed esperto non commette il secondo errore e lascia andare l’attaccante e segnare, perché non lascia in campo la sua squadra di 10 uomini” non è stato affatto divertente per l’uomo coinvolto.

Il cartellino rosso del mio yacht lo rende un ovvio capro espiatorio. Tutto è cambiato quando se n’è andato. Con l’eccezione dell’effervescente Dumfries che corre in avanti per prendere un cartellino giallo da Vladimir Koval, bloccando i precedenti tentativi di De Ligt di contrastare Pavel Kaderbec e continuando a causare scompiglio nella metà campo avversaria, c’era poco da suggerire come avrebbero risposto gli uomini di De Boer. Avversità – Gestire il loro gioco è uno sforzo interattivo minuto per minuto.

Il vantaggio di Thomas Holz al 68′ ha accelerato la resa e un inseguimento della Scarpa d’Oro ha messo in dubbio il risultato con la sua quarta vittoria del torneo. L’Olanda è uscita, non avendo subito gol in nessuna fase con De Ligt in campo.

Non vorrebbe dimostrare il suo valore a ritroso in quel modo. La propensione di De Ligt a trovare positivi sarà messa alla prova più grande dopo che questo superbo tiro gli è scivolato tra le dita perché la palla non ce l’ha fatta.