Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Covid ha devastato la nazione Black Feet del Montana, ma ora stanno vaccinando i loro vicini con colpi di riserva

L’amara sensazione di ricevere finalmente un vaccino contro il COVID: Jimmy Black e Wolf Bremner potrebbero piangere su quel fiume.

Il colpo è arrivato troppo tardi per suo marito e compagno George Bremner di 24 anni.

“Ci penso sempre”, ha detto la donna nativa americana.

“Spero che arrivi presto un vaccino, soprattutto per tutti i lavoratori essenziali.

“So che George non è stato l’unico a morire. Ma la nostra famiglia è stata distrutta.”

George, 53 anni, lavorava in sicurezza in un ospedale locale a Browning, nel Montana, sede di una vasta riserva indiana dei Piedi Neri a cui appartengono i Bremen.

Un uomo che indossa una maschera facciale e una camicia nera è in piedi con una donna sorridente.
Jamie e George Bremner stanno insieme da 24 anni.(

fornito

)

All’inizio di ottobre dello scorso anno, il padre di sei figli ha ricevuto una telefonata dal suo supervisore.

Tre dei suoi collaboratori, il cui lavoro ha incluso l’assistenza a pazienti già malati, sono risultati positivi al test del virus per essere trasportato in un ospedale più grande.

Anche George lo ha fatto.

Nel giro di due settimane morì.

A quel punto, anche Jamie era gravemente ammalata in ospedale con COVID, ma il personale le ha permesso un’ultima visita al suo capezzale.

La foto mostra Jimmy, con la testa china sul letto di George, che gli stringe la mano.

Un filo dell’erba dolce, una pianta di significato spirituale per molti nativi americani, giace sul suo petto.

Una donna che tiene la mano del marito in ospedale e gli bacia la mano.
Jimmy invita George accanto al suo letto. (

fornito

)

“Gli ho solo chiesto di fare del suo meglio”, ha detto, crollata.

“Lo amavamo.”

Il calvario di Jimmy era appena iniziato.

Una donna in ospedale è stata intubata.  Sembra soffrire.
Jamie ha trascorso quasi sei mesi in ospedale con COVID. (

fornito

)

Il 44enne ha trascorso quasi sei mesi in ospedale con COVID ed è uscito con lesioni che gli hanno cambiato la vita.

Sua figlia maggiore, 21 anni, si è presa cura della famiglia e ha risposto alle chiamate difficili dall’ospedale quando Jamie stava per subire un intervento chirurgico che avrebbe potuto non sopravvivere.

Jamie ammette che spesso aveva voglia di arrendersi.

George Bremner era uno dei 48 membri della tribù di 10.000 persone nella riserva che ha ceduto al COVID.

Più di una persona su 10 ha contratto il virus.

Tutti conoscono qualcuno che è morto.

Il presidente del Tribal Business Council, Timothy Davis, ha perso la madre di 85 anni.

Tribal Business Council Timothy Davis seduto alla sua scrivania.
La madre del presidente del Tribal Business Council, Timothy Davis, è morta dopo aver contratto il Covid.(

ABC News: Bradley McLennan

)

Sua zia è sopravvissuta, ma ha perso tre nipoti, due nipoti e un figlio.

“Non è stata in grado di frequentare nessuno dei luoghi di sepoltura durante questo periodo e non abbiamo potuto vederli per un anno e un mese”, ha detto.

“Era, cosa diresti… semplicemente travolgente.”

Andare al lavoro la mattina significava scoprire chi era l’ultima vittima del virus.

“È diventato difficile da sopportare”, ha detto.

COVID nelle comunità dei nativi americani

L’esperienza dei Blackfeet è tipica delle comunità dei nativi americani, che sono state colpite in modo sproporzionato dal virus COVID.

Uno studio dei Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato che tra marzo e ottobre dello scorso anno, Più del doppio dei nativi americani nel Montana hanno contratto il virus.

Una volta catturati, avevano quasi il doppio delle probabilità di morire.

Uno dei motivi di queste forti discrepanze è il fatto che molte comunità di nativi americani hanno tassi più elevati di malattie croniche, comprese le malattie cardiache e il diabete. Anche i tassi di fumo sono alti; Molti di loro vivono in abitazioni multigenerazionali affollate e hanno il tipo di lavoro in cui lavorare da casa non è un’opzione.

Il consiglio delle imprese tribali ha deciso di imporre una serie di rigidi blocchi, inclusi ordini di soggiorno a casa per i lavoratori non essenziali e mandati di mascherine.

“Il nostro governo ha fatto quello che dovevamo fare”, ha detto Davis.

Ora la società ha cambiato le cose.

In questi giorni, non è raro che non ci siano casi attivi, ricoveri o decessi.

La maggior parte degli adulti è ora vaccinata e la tribù ha lanciato una clinica privata di fortuna al confine canadese per offrire colpi di riserva ai vicini del nord che devono affrontare lunghe attese per le vaccinazioni.

Operatori sanitari in piedi fuori da un'auto in una clinica per vaccini dall'auto.
I canadesi possono attraversare brevemente il confine per ottenere il vaccino COVID presso la clinica pop-up. (

ABC News: Bradley McLennan

)

Inizialmente l’idea era quella di offrire scatti di riserva a un collega Black Feet che vive in Canada, ma presto si è estesa a chiunque vi partecipasse.

“Finché avremo vaccini disponibili, non respingeremo nessuno”, ha affermato Robert DeRosier, direttore dei servizi di emergenza per Black Feet.

Man mano che si diffondevano le notizie sulle cliniche designate per i Blackfeet, che richiedevano un’esenzione speciale da parte delle autorità statunitensi e canadesi, le linee di backup al confine canadese si allungavano ulteriormente.

Auto in coda in una clinica improvvisata per i vaccini nel Montana.
Le auto fiancheggiano la clinica per vaccini pop-up della tribù dei Black Feet al confine tra Stati Uniti e Canada.(

ABC News: Bradley McLennan

)

Sue Falkner Marsh e suo marito Gordon hanno camminato diverse ore per raggiungere il confine degli Stati Uniti.

Stavano progettando di soggiornare in un hotel vicino, ma quando hanno visto una linea già formarsi al confine la notte prima hanno cambiato i loro piani.

“Abbiamo dormito nella parte posteriore del nostro camion in modo da poter fare la fila qui per lo scatto”, ha detto Sue con una risata.

“Siamo molto grati alla Nazione dei Piedi Neri per averci fornito questo regalo”.

Un uomo che indossa una giacca e un cappello blu scuro.
Robert DeRosier è il direttore dei servizi di emergenza per i Blackfeet.(

ABC News: Bradley McLennan

)

DeRosier ha affermato di sentirsi “estatico” di essere in grado di fornire il servizio.

“È stato emozionante poterlo fare”, ha detto.

“Continuiamo a farlo.”

I tour operator esprimono le loro preoccupazioni

Quando la vita nella riserva inizia a tornare alla normalità, inizia la stagione turistica.

L’anno scorso è stato frenetico.

Nathan St. Goddard ha detto che l’attività della sua famiglia ai margini della riserva adiacente al Glacier National Park ha subito una perdita del 100%.

Uomo sorridente con mucchi di fieno in background.
Nathan St. Goddard spera che l’industria del turismo si riprenderà man mano che verranno vaccinate più comunità.(

fornito

)

Le sue speranze sono alte che le capanne, il campeggio e il ristorante nella città di St Mary saranno migliori quest’anno, ma è preoccupato per ulteriori chiusure e arrabbiato per il modo in cui il consiglio degli affari tribali ha gestito la cosa.

“Se avessero preso una decisione che avrebbe influenzato la mia capacità di nutrire la mia famiglia, i miei clienti e la capacità dei miei dipendenti di nutrire le loro famiglie, penso che la migliore pratica sarebbe stata quella di entrare in contatto con un datore di lavoro”, ha affermato. . .

“Dì, ehi, cosa ne pensi? Quali sono le tue opinioni?”

“Non è successo.”

Nathan, un avvocato e membro della tribù, ha affermato che le decisioni di chiudere erano basate sulla paura.

“Non siamo una tribù amazzonica… dove siamo rimasti una decina”, ha scherzato.

Teme che un piccolo numero di casi debba chiudere nuovamente la sua attività.

Una recente dichiarazione è stata rilasciata dalla squadra di comando degli incidenti quando sono comparsi due nuovi casi di lui.

“Hanno detto che se saliamo di livello, passeremo alla seconda fase, e io ero incazzato”, ha detto.

La nuova normalità porta anche nuove sfide a Jimmy Black Wolf Bremner.

Fa diverse sessioni di terapia fisica ogni settimana, provando a camminare di nuovo senza assistenza.

Gli specialisti le dicono che questo potrebbe non accadere mai, ma lei cerca di dimostrare che si sbagliano.

Una donna è assistita da due operatori sanitari in una clinica di riabilitazione.
Jamie è in riabilitazione con il suo fisioterapista. (

ABC News: Bradley McLennan

)

“Ho una grande famiglia che devo sostenere, quindi questo è il mio obiettivo”, ha detto.

“Cosa ne facciamo di questa sedia?” chiede la fisioterapista Maya Stefarm.

“Oh, quella sedia,” disse Maya, guardando la sedia a rotelle su cui stava andando Jimmy.

“Lo bruceremo!”

Jamie piange quando parla della perdita di suo marito, “Un marito meraviglioso, un padre meraviglioso… È stata presa troppo presto”, ma ha detto che voleva raccontare la sua storia.

“Voglio che le persone sappiano che è reale. Il COVID è reale e pericoloso”, ha detto.

“Ci sono persone che non lo prendono sul serio. Lo abbiamo preso sul serio e lo prendiamo ancora”.

READ  L'intelligenza e la scienza si sono divise quando la sonda sull'origine COVID riceve una spinta presidenziale