Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il corpo risulta positivo al COVID-19 dopo il lavaggio sulle spiagge di Vanuatu

Il corpo di un pescatore filippino è stato lavato su una spiaggia a Vanuatu, dove è risultata positiva al COVID-19, spingendo la nazione insulare del Pacifico a vietare i viaggi all’estero per tre giorni.

I resti sono stati scoperti l’11 aprile vicino alla capitale di Port Vila, sull’isola di Efate. Segnalato da Radio New Zealand.

È stato confermato che il cadavere era infetto dal virus mortale dopo essere stato trasportato all’obitorio locale.

Dopo che il corpo del pescatore è stato trovato sulla riva, le autorità hanno arrestato una petroliera battente bandiera del Regno Unito.

Quel giorno, la nave ha scoperto di aver perso un membro dell’equipaggio durante la navigazione da Port Vila. E mi è stato ordinato di tornare al porto, dove è stata lanciata la missione di ricerca e soccorso. Secondo la CNN.

In risposta, il primo ministro di Vanuatu Bob Logman ha annunciato che il governo sta emettendo un ordine che vieta i viaggi in uscita da parte di Evate per un periodo di tre giorni mentre sono in corso gli sforzi di tracciamento dei contatti.

Ha fatto appello al pubblico per sottoporsi a test volontari per la malattia.

Russell Tamata, direttore generale della sanità, ha confermato che 16 persone sono state messe in quarantena in un hotel, la maggior parte dei quali agenti di polizia che erano sul posto quando il corpo è stato trovato.

Non è chiaro se l’uomo sia morto di Covid-19 o come sia arrivato a lavare la spiaggia.

Il paese ha segnalato solo tre casi di malattia, secondo la CNN, che ha citato i dati della Johns Hopkins University. Ha segnalato il suo primo caso a novembre e altri due casi a marzo.

READ  La madre di Boris Johnson, Charlotte Johnson Wahl, muore all'età di 79 anni

Questo articolo è originariamente apparso in New York Post E ripubblicato con il permesso