Agosto 17, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Corona virus fa deragliare un viaggio da sogno in Italia. Cosa succede quando sei positivo all’estero

Il tour da sogno in Italia di Cristina Lalla e Michael Madad doveva essere più di una semplice camera d’albergo.

Ma lunedì, cinque giorni dopo l’inizio del loro viaggio, entrambi sono risultati positivi al COVID-19. Ore dopo, un’équipe medica in tute mediche simili a materiali pericolosi li ha portati via dal loro hotel a Firenze in ambulanza.

Ora la coppia del nord del Texas, che è completamente vaccinata, sta aspettando in una stanza d’albergo angusta nella cittadina di montagna di Montecatini Terme una notizia dal governo italiano o dai funzionari dell’ambasciata americana su ciò che accadrà dopo.

“Sembra che siamo imprigionati; non c’è altro modo in cui posso descriverlo”, ha detto Allala, un dentista di 33 anni di DeSoto. “Abbiamo chiesto cosa sarebbe successo se fossimo partiti e hanno detto che avrebbero chiamato la polizia”.

Allala ha affermato che le chiamate della coppia agli uffici consolari statunitensi in Italia sono rimaste senza risposta e che i tentativi di chiarire la loro situazione con le autorità italiane sono stati persi nella traduzione o ignorati.

Paesi dipendenti dal turismo come l’Italia e centinaia di altre destinazioni globali attendono con ansia il ritorno dei viaggi internazionali dopo 21 mesi di recessione pandemica. Le compagnie aeree e gli hotel hanno pianificato grandi riaperture, solo per frenare un’altra ondata di casi COVID-19, come la variante omicron che ha travolto il mondo questo mese.

Allala e i materiali forniscono un ammonimento sulla situazione che i turisti americani possono trovare quando viaggiano all’estero. Test negativi, vaccini e mascherine fanno solo così tanto per proteggere dalla diffusione del virus. Una volta all’estero i turisti sono in balia dei governi nazionali dove trascorrono le vacanze. Ho contattato gruppi di viaggio e compagnie aeree Per regole più uniformi a livello internazionale in materia di test, divieti di viaggio e quaranteneTuttavia, il COVID-19 viene ancora affrontato paese per paese.

READ  La nazionale di calcio italiana lancerà un token per i fan blockchain con Socios - Ledger Insights

All’inizio della pandemia, i turisti americani all’estero hanno affrontato un problema simile quando i paesi hanno improvvisamente chiuso i confini e interrotto i voli internazionali, lasciando gli espatriati bloccati.

Ora i turisti americani devono assicurarsi di essere in buona salute per tornare sugli aerei per gli Stati Uniti. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie richiedono agli americani e agli stranieri di risultare negativi entro un giorno dal ritorno nel paese.

“Sfortunatamente, è molto comune per qualcuno contrarre il COVID-19 durante il viaggio, specialmente per le persone che sono andate più a lungo e in viaggio per vedere la famiglia”, ha affermato Sudeep Shah, agente di viaggio e proprietario di Travel King a Plano. “L’unica cosa che possiamo davvero dire alle persone è di trovare un hotel e restarci per 10 o 14 giorni. Prova a trovare un hotel in una grande città dove puoi consegnare cibo”.

Ha detto che ogni paese ha le sue regole sulla quarantena con l’infezione da COVID-19. Negli Stati Uniti, ad esempio, le autorità mediche e di viaggio non tengono traccia dello stato dei viaggiatori.

In alcuni luoghi, i turisti devono coprire i propri costi di hotel o soggiornare in hotel selezionati con altri pazienti COVID-19. In alcuni posti, ha detto Shah, sono praticamente chiusi nelle loro stanze.

Tuttavia, milioni di turisti americani hanno corso il rischio all’estero, presumendo che le vaccinazioni contribuiranno a mitigare l’esposizione a COVID-19. Anche le compagnie aeree e gli aeroporti sono desiderosi di portare i turisti all’estero. Negli ultimi mesi Turkish Airlines, Iberia Airlines e Finnair hanno annunciato nuove rotte per Turchia, Spagna e Finlandia dall’aeroporto internazionale DFW.

L’Italia, uno dei primi paesi a vedere un’impennata dei casi di COVID-19 nel marzo del 2021, adotta misure estreme quando ai turisti stranieri viene diagnosticato il COVID-19, costringendoli a 10 giorni di quarantena sponsorizzata dal governo.

READ  La nuova battaglia di McLaren-Ferrari in F1: Mark Hughes su come i Titani si confrontano con la storia all'inizio del 2021

Il Dipartimento di Stato non ha risposto a una richiesta di commento sullo stato di Allala e Ma’ad.

Il sito web del Dipartimento di Stato afferma: “I cittadini statunitensi che scelgono di viaggiare a livello internazionale potrebbero dover affrontare requisiti di test COVID-19 obbligatori, quarantene, restrizioni di viaggio e frontiere chiuse. I governi stranieri in qualsiasi paese possono implementare restrizioni con poco preavviso. Se viaggi all’estero , assicurati di fare piani di emergenza poiché il tuo volo potrebbe essere gravemente interrotto e potrebbe essere difficile organizzare un viaggio negli Stati Uniti.

Infatti, il sito web dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia ha dichiarato che l’ufficio del Consolato Generale degli Stati Uniti a Firenze è stato chiuso per “motivi di salute e sicurezza”, e non ha risposto a una richiesta di maggiori informazioni.

Allala è una dentista che ha messo le mani in bocca a centinaia di pazienti durante la diffusione dell’epidemia senza contrarre il virus.

Christina Alla e Michael Materials visitano i Musei Vaticani nella Città del Vaticano durante un viaggio in Italia nel dicembre 2021. Pochi giorni dopo, mentre erano a Firenze, alla coppia fu diagnosticato il COVID-19 e trasferiti in un hotel in una città vicina per un 10- quarantena diurna.
Christina Alla e Michael Materials visitano i Musei Vaticani nella Città del Vaticano durante un viaggio in Italia nel dicembre 2021. Pochi giorni dopo, mentre erano a Firenze, alla coppia fu diagnosticato il COVID-19 e trasferiti in un hotel in una città vicina per un 10- quarantena diurna.(Cristina Allala)

“Dobbiamo averlo preso a Roma”, ha detto Allala. “È l’unico posto che mi viene in mente.”

Allala ha detto di aver fatto un test per il COVID-19 a casa lunedì dopo aver sviluppato tosse e naso che cola. Il risultato è stato positivo sia per Alala che per la sua amica Materials, un venditore di software automobilistico di 36 anni. Hanno informato l’albergo di Firenze della loro diagnosi.

Poche ore dopo, i funzionari medici italiani hanno scortato Alla e Moad fuori dall’hotel su un’ambulanza, che li ha portati in un piccolo hotel a Montecatini Terme, una città di 20.000 persone a est di Pisa, famosa per le sue sorgenti minerali e l’architettura. .

Tutto quello che hanno visto in città è stato dal balcone della loro camera d’albergo.

“Ci sono altre persone con COVID qui”, ha detto Allala. “Lo sento attraverso le pareti.”

READ  La fiera degli sport invernali amplia nuovi spazi per la cooperazione sino-italiana

Sebbene i loro sintomi fossero lievi, Alla e Moad avevano ancora tosse, congestione, mal di testa e mal di stomaco. Non hanno avuto accesso a nessun trattamento medico e nemmeno a prodotti di base come gocce per la tosse e bevande sportive per l’idratazione.

Il governo italiano paga l’hotel e il cibo, ma il cibo che servono lascia molto a desiderare.

“Il cibo è cattivo”, ha detto. “Il meglio che posso descrivere è il cibo della mensa, qualcosa che è stato congelato e poi riscaldato e appeso sotto una lampada calda per ore”.

La città non ha un servizio di consegna di generi alimentari, ma il Burger King locale è stato in grado di consegnare hamburger, ha detto.

Allala ha supplicato i ristoranti che servono cinque o sei grandi tazze di Powerade.

Le loro camere sono poco più di un letto matrimoniale e un bagno, sebbene abbiano un balcone. Hanno pregato l’hotel di far loro pagare una stanza più grande, ma sono stati rifiutati.

“Non abbiamo potuto lavare i vestiti”, ha detto. “Ci hanno detto di farlo nell’acquario.”

Allala ha affermato che il test COVID a domicilio, acquistato dal mercato locale, è l’unica verifica che la coppia abbia COVID-19. Stanno ancora aspettando un test PCR ufficiale. La quarantena dovrebbe terminare 10 giorni dopo il giorno del test PCR, seguito da un test negativo.

Ma Allala non è sicura di cosa accadrà se non sarà visitata dalle autorità mediche italiane.

Sono programmati per tornare a casa il 5 gennaio.

“Non abbiamo ancora cancellato il nostro volo di casa perché non abbiamo ancora sentito nulla e non sappiamo cosa sta succedendo”, ha detto. “Siamo qui seduti ad aspettare.”

Amy Kirkland (a sinistra) di McKinney riceve il suo passaporto prima del suo volo per il Canada da Madan Goyal mercoledì 3 novembre 2021 al Passport and Visa Express di Plano.  (Juan Figueroa/The Dallas Morning News)