Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il cookie di tracciamento di terze parti crolla

Le aziende australiane stanno lottando con il passaggio a un mondo senza cookie mentre Google e Apple si muovono per bloccare i cookie di terze parti e porre fine agli annunci che perseguitano gli utenti su Internet.

I diffusi problemi di privacy hanno spinto Google ad annunciare l’intenzione di interrompere l’utilizzo di cookie di tracciamento di terze parti sul suo browser Chrome all’inizio di quest’anno, mentre l’ultimo aggiornamento software di Apple la scorsa settimana richiede che le app ottengano l’autorizzazione dell’utente prima del tracciamento. I suoi dati tramite app o siti web. Apple ha abilitato il blocco del tracciamento sul suo browser Chrome dal 2017.

Ad oggi, le normative in materia di cookie variano a seconda delle regioni e dei paesi. L’Unione Europea richiede che gli utenti acconsentano al tracciamento tramite cookie, mentre in Australia, se un sito web utilizza i cookie, deve menzionare come le informazioni vengono memorizzate e utilizzate nella sua politica sulla privacy, ma il consenso attivo non è richiesto.

Susan Steele, amministratore delegato di Adobe per l’Australia.

Susan Steele, amministratore delegato del colosso della tecnologia Adobe in Australia, ha dichiarato all’Adobe Summit la scorsa settimana che i consumatori sono più attenti ai dati che hanno condiviso. “Ha portato a quello che può essere descritto solo come un mosaico di normative sulla privacy in tutto il mondo”, ha detto. “Allo stesso tempo, le aspettative dei clienti e le aspettative dei consumatori sulle esperienze personali sono ai massimi storici”.

I cookie proprietari rimarranno, quelli che salvano i carrelli della spesa, ricordano le password e apprendono le abitudini dei visitatori del sito web. Ma con la decisione di bloccare i cookie di terze parti, la signora Steele ha affermato che le aziende dovrebbero ricorrere a una strategia di dati proprietari e fornire ai clienti motivi per presentare i propri dati, come prodotti, sconti, concorsi o per accedere a informazioni aggiuntive.

READ  Le immagini trapelate dell'RTX 3080 Ti di Nvidia potrebbero deludere alcuni

Caricamento in corso

Telstra ha già messo in atto una strategia di dati in prima persona che, secondo il CEO di Telstra Digital, Jenny Barnett, ha accelerato negli ultimi 18 mesi. “Abbiamo molti dati su Telstra e comprendiamo molto dei nostri clienti in molti modi e lo prendiamo molto sul serio”, ha affermato.

Un esempio dell’attenzione di Telstra sui dati di prima parte è il recente lancio di un iPhone abilitato al 5G poiché le connessioni Telstra erano limitate al lancio per i clienti che si trovavano nelle aree di copertura 5G.

Altre aziende si stanno affrettando a prepararsi per il cambiamento e Stephen Ayers, direttore generale della strategia e della tecnologia di 7-Eleven Australia, ha detto che la catena del comfort è “in ritardo per la festa”.