Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il consumo simultaneo di più media influisce sulla salute mentale

Navigare in Internet mentre si ascolta la musica non è necessariamente una buona idea. Tra i bambini, il “multitasking multimediale” – più del gioco o del tempo davanti allo schermo – influisce sulla salute mentale, secondo uno studio condotto tra gli scolari di Ginevra.

L’aumento del consumo di media digitali, soprattutto tra i bambini, solleva preoccupazioni per il suo impatto. Sebbene si tratti spesso di limitare il tempo sullo schermo, non è così semplice, afferma uno studio condotto da Pedro Cardoso Light, dell’Università del Lussemburgo, che ha coinvolto ricercatori ginevrini e pubblicato sulla rivista specializzata. Uno più.

Leggi anche: A casa, lo smartphone funge da schermo intero

Perché il modo in cui i bambini usano i media gioca un ruolo cruciale. Lo studio mette a confronto tre diverse forme di consumo: il numero totale di ore trascorse sui media digitali, le ore di videogiochi e la frequenza del multitasking multimediale, ovvero l’uso simultaneo di diversi media. I ricercatori hanno analizzato il comportamento in questa regione di 118 bambini delle scuole primarie di Ginevra di età compresa tra gli otto ei dodici anni. Hanno esaminato gli effetti su variabili come la capacità di attenzione, la salute mentale, il sonno e il rendimento scolastico.

Tempo totale secondario

Secondo lo studio, il multitasking nei media, in particolare, è stato associato a una salute mentale peggiore, una scarsa qualità del sonno e una minore perseveranza. Gli insegnanti hanno anche riferito che gli studenti che si sono esercitati più spesso hanno mostrato comportamenti simili al disturbo da deficit di attenzione (ADHD). Più i bambini sono grandi, più hanno riferito di consumare più di un mezzo contemporaneamente.

READ  Detersivo in polvere: amico o nemico dell'ambiente? | scienza | notizie | il Sole

Il nostro editoriale: Non cedere alla tentazione di guardare

Al contrario, i videogiochi non sono stati associati a effetti negativi. Invece, secondo i ricercatori, erano associati a una migliore salute mentale e a una capacità di risposta più rapida. Lo studio mostra che i bambini di otto anni consumano in media quattro ore e mezza di contenuti multimediali digitali al giorno. All’età di 12 anni, questo valore aumenta a 8 ore 14 minuti. Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato associazioni significative tra il tempo totale di utilizzo e le variabili esaminate.

Leggi anche: Instagram vuole giocare in giardino…bambini