Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il consiglio della Banca Mondiale approva 1,49 miliardi di dollari in nuovi fondi per l’Ucraina

Martedì il consiglio di amministrazione della Banca mondiale ha approvato un ulteriore finanziamento di 1,49 miliardi di dollari per l’Ucraina per aiutare a pagare il governo e gli assistenti sociali, espandendo il sostegno totale della banca a oltre 4 miliardi di dollari.

La Banca mondiale ha affermato in una dichiarazione che l’ultimo finanziamento è sostenuto da garanzie di finanziamento di Gran Bretagna, Paesi Bassi, Lituania e Lettonia. Il progetto è anche sostenuto da finanziamenti paralleli dall’Italia e contributi da un nuovo fondo fiduciario multi-donatore.

L’Ucraina ha affermato di aver bisogno di almeno 5 miliardi di dollari al mese nel breve termine per continuare il lavoro del suo governo di fronte all’invasione russa di febbraio e ai combattimenti che hanno bloccato gran parte della sua economia.

I leader finanziari del Gruppo delle Sette democrazie industriali il mese scorso hanno promesso 9,5 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti, portando il loro sostegno non militare a quasi 20 miliardi di dollari.

Il meglio di Express Premium
eccellente
BPO, Air India biglietti scontati e quote non pagate: 'Racket' si rompe...eccellente
Probabile oggi un nuovo giro di incarico da assumereeccellente
Calcutta, secoli prima di Job Charnock: cosa ci dicono le scoperte recentemente scavateeccellente

La Banca Mondiale collabora con i paesi donatori per utilizzare i suoi vari programmi di finanziamento a sostegno dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione, dei servizi sociali, dell’approvvigionamento energetico e idrico e delle strade.

Arup Banerjee, direttore della Banca mondiale per l’Europa orientale, ha affermato in una dichiarazione che i servizi di base sono “essenziali per prevenire un ulteriore deterioramento delle condizioni di vita e della povertà in Ucraina al di là delle sofferenze inflitte loro dalla guerra”.

Banerjee ha aggiunto che tali servizi sarebbero anche “la pietra angolare di qualsiasi recupero e ricostruzione”.