Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il CEO di Ubisoft afferma che “l’attrito” è una parte essenziale dello sviluppo del gioco

Il CEO di Ubisoft Yves Guillemot ha ampliato la gamma di commenti che ha fatto Durante un’intervista all’outlet canadese La Presse In cui sembrava suggerire che il comportamento tossico nell’industria dei videogiochi fosse causato in parte dall ‘”attrito” necessario per creare giochi.

Alla domanda sul motivo per cui l’industria dei giochi è stata afflitta da segnalazioni di cattiva condotta e tossicità, il capo di Ubisoft ha notato che ci dovrebbe essere un po’ di attrito nelle trincee di produzione per avere successo.

I commenti hanno suscitato indignazione da alcuni aspetti del settore, non ultimo a causa della lotta di Ubisoft per affrontare le numerose accuse di molestie e bullismo che ha sottolineato. Assassino della dottrina L’editore ha coltivato una cultura del posto di lavoro in cui i casi gravi di cattiva condotta erano endemici.

nel 2020, Game Developer ha pubblicato un rapporto Basato su testimonianze di dozzine di dipendenti Ubisoft attuali ed ex, che hanno indicato che l’azienda ha trascorso anni a costruire una cultura del posto di lavoro su solide basi di tossicità e negazione. Il rapporto includeva accuse contro diversi dipendenti senior di Ubisoft.

La lunga lotta per il cambiamento

Dalla pubblicazione di questo rapporto e di altri, i dipendenti di Ubisoft si sono riuniti sotto la bandiera di A Better Ubisoft (ABU) nel tentativo di ritenere la direzione responsabile e inaugurare riforme significative, e il gruppo sostiene che le migliori aziende di Ubisoft sono ancora Rifiutarsi di soddisfare le sue richieste. In particolare, anche ABU Sembrava inalterato Con gli ultimi commenti di Guillemot.

Nel tentativo di lenire la frustrazione e l’incredulità suscitate dai suoi commenti, Guillemot ha presentato una dichiarazione ad Axios Per spiegare che quando ha parlato di avere una tensione, si riferiva alla “tensione creativa che è comune e vitale nelle aziende innovative come la nostra”.

READ  Motorola Edge 30 Pro colpisce nel suo peso e vince - channelnews

Guillemot ha affermato che i dipendenti di Ubisoft “sono liberi di sfidare le idee e di avere discussioni accese ma salutari”, ma un tale ambiente a volte può creare attriti. “Per evitare che questa tensione diventi negativa o per contrastarla se si verifica, sono necessarie politiche forti, valori e procedure corrispondenti”, ha aggiunto.

all’inizio di questo mese, Guillemot ha detto ad Axios in un’intervista separata Non era a conoscenza di alcuna cattiva condotta da parte dell’editore francese. “Ti rendi conto che sono successe cose vicino a te e non lo accetteresti, se lo avessi saputo”, ha detto in quel momento, aggiungendo che la società “non era regolamentata” abbastanza per rilevare ed eliminare la cattiva condotta.

Nonostante questi commenti, una fonte che ha contattato lo sviluppatore di giochi nel 2020 ha affermato che Guillemot era pienamente consapevole di alcuni dei problemi e delle accuse, mentre altri hanno suggerito che l’incapacità delle risorse umane di affrontare il marciume culturale non era dovuta a una mancanza di regolamentazione, ma piuttosto di proposito . . Trascurando.