Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il caso di una donna di origine iraniana rapita da falsi ufficiali sconcerta la polizia canadese | Toronto

In una fredda notte d’inverno, tre uomini armati travestiti da agenti di polizia arrivano in una casa di periferia in una piccola località turistica canadese e bussano alla porta, affermando di avere un mandato d’arresto per una donna di 37 anni che si trovava lì.

Dopo aver sopraffatto il proprietario della casa, hanno catturato Elnaz Hajtamiri, di origine iraniana, l’hanno trascinata a piedi nudi attraverso la neve fino a un’auto e se ne sono andati nel buio.

Quasi tre mesi dopo, la polizia ha ammesso di non essere affatto vicina a localizzare Hajtamiri, in un caso che ha sconcertato gli investigatori.

“Non mi sono mai imbattuto in un caso come questo”, ha detto ai giornalisti questa settimana l’ispettore di polizia provinciale dell’Ontario Martin Graham, aggiungendo che gli investigatori non hanno identificato un motivo e non hanno ricevuto alcuna richiesta di riscatto. Inoltre, non hanno individuato il SUV bianco Lexus utilizzato nel dirottamento del 12 gennaio, né hanno identificato il suo proprietario.

“La mia più grande speranza è che Elnaz sia vivo”, ha detto Graham. “La mia più grande paura è che non lo sia.”

La polizia ha compiuto un passo “eccezionale” nel contattare la comunità iraniana Toronto e Montreal mentre ampliano la loro ricerca e stanno valutando la possibilità di farli uscire dal paese. Questa settimana, gli investigatori hanno anche affermato di ritenere che un brutale attacco a Hajtmiri a dicembre fosse collegato al suo rapimento.

Due settimane prima del rapimento, Hajtmery è stata aggredita nel parcheggio del suo appartamento a Richmond Hill, una città a nord di Toronto. Gli aggressori l’hanno picchiata con una padella e l’hanno lasciata con gravi ferite alla testa che hanno richiesto 40 punti di sutura. Polizia Stradale Dicono che in seguito abbiano recuperato un dispositivo di localizzazione. Altri due localizzatori sono stati trovati nella sua auto quando ha portato l’auto per la manutenzione a novembre.

Mappa della regione meridionale dell’Ontario, Canada, comprese Toronto e Hamilton. Wasaga Beach si trova sulla costa opposta ea nord di Toronto.

Dopo l’attacco di dicembre, Hajtamiri temeva per la sua incolumità e si trasferì con la sua famiglia nella città di Wasaga Beach, 145 chilometri (90 miglia) a nord di Toronto. L’unica volta che si dice che abbia lasciato la zona di fronte alla spiaggia è stato il 10 gennaio, per recuperare la sua auto, computer e cellulare dalla polizia. Due giorni dopo, è stata rapita.

Nessun arresto è stato effettuato durante l’assalto al parcheggio, ma la polizia afferma di non credere che gli stessi uomini siano stati coinvolti.

“Abbiamo almeno cinque diverse persone direttamente responsabili di questi crimini”, ha detto Graham. “Nonostante il numero di persone coinvolte, non abbiamo ricevuto alcuna informazione che ci dia un collegamento definitivo a dove dovrebbe andare l’indagine”.

Alla fine di gennaio, la polizia ha arrestato il suo ex fidanzato, Mohamed Lelo, con l’accusa di molestie criminali. I due si sono separati ad ottobre, ma lui ha cercato di contattarla il mese successivo e la polizia è stata coinvolta. Gli agenti non hanno detto se fosse sospettato di averla rapita, ma hanno detto che stavano indagando sulla relazione, che secondo loro era personale e professionale.

Hajtamiri, soprannominato anche Tamiri, emigrò a Canada Meno di quattro anni fa, dopo aver perso il marito. Di recente aveva fondato la sua azienda di torte dopo aver lasciato l’attività di importazione ed esportazione.

Nel loro ultimo tentativo di ottenere nuove informazioni, La polizia ha diffuso un video Fariba Hajtamiri, la madre di Elnaz, chiede il rilascio della figlia. Fariba, che vive ancora in Iran, ha detto che la vita della famiglia è diventata “disperata” mentre sperano nel rilascio di Elnaz.

“Abbiamo un disperato bisogno del tuo aiuto”, ha detto in farsi. “Come madre, per favore, guidaci e dicci tutto quello che sai. Per favore, ti prego.”

READ  Cop26: Fine di trilioni di dollari in sussidi all'industria dei combustibili fossili, afferma il segretario generale delle Nazioni Unite - Day 11 Live | ambiente