Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la teoria della fuga di laboratorio di Wuhan Covid non può essere esclusa

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la teoria di una fuga di notizie dal laboratorio di Wuhan non può essere esclusa e che la Cina dovrebbe aiutare a risolvere il mistero della provenienza del Covid.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, 56 anni, ha sollecitato una maggiore “trasparenza” da Cina Nell’inchiesta in corso ha sottolineato che Pechino non ha pienamente collaborato.

Dove COVID-19 È nato ancora da stabilire, anche se sono emerse due teorie principali: o dal contatto con gli animali in un mercato umido a Wuhan o da una fuga da un laboratorio di ricerca nella stessa città cinese.

La Cina ha ripetutamente affermato di non essere responsabile dell’epidemia globale e ha respinto le teorie del complotto secondo cui il virus è creato dall’uomo.

il nostro presidente Joe Biden Lo scorso mese Alle agenzie di intelligence statunitensi viene ordinato di riferire Nei prossimi tre mesi sul fatto che il Covid-19 sia emerso da un animale o durante un incidente di laboratorio.

Dr. Tedros parlando a Vertice del G7 In breve, ha affermato che non è stata esclusa la possibilità che la sua fonte sia una fuga di laboratorio e che “ogni ipotesi dovrebbe essere aperta”.

Finora, ha affermato, 3,75 milioni di persone sono morte a causa del virus e almeno 174 milioni sono stati confermati infetti dalla malattia.

“Penso che il rispetto che queste persone meritano sia conoscere l’origine di questo virus in modo da poter evitare che accada di nuovo”, ha detto.

Il dottor Tedros ha anche osservato che non c’era abbastanza “trasparenza e cooperazione” dalla Cina nelle prime fasi dell’indagine.

READ  La Cina accusa Joe Biden di politicizzare le origini del COVID-19

“Abbiamo bisogno di cooperazione da parte cinese. Abbiamo bisogno di trasparenza per comprendere, conoscere o trovare le origini di questo virus”, ha aggiunto.

“Ci sono state difficoltà nella condivisione dei dati, in particolare dei dati grezzi… (speriamo) ci sarà una migliore collaborazione e trasparenza nella prossima fase”.

Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS, ha dichiarato: “In termini di origini del virus, l’Organizzazione mondiale della sanità considera molto importante comprendere le origini di questo particolare virus che ha causato la pandemia globale.

Ci sono molte ipotesi per questa origine e l’équipe internazionale inviata dal Dr. Tedros su richiesta dell’Assemblea Mondiale della Sanità ha svolto una serie di studi e indagini.

Tutte le ipotesi sono ancora sul tavolo.

“Saranno necessari ulteriori studi per chiarire l’origine del virus.

“Vorremmo andare avanti il ​​più rapidamente possibile con quella seconda fase e portare più competenze, impegnandoci con i nostri Stati membri per assicurarci di avere i giusti termini di riferimento, la squadra giusta e il giusto approccio in cui possiamo andare avanti tutti insieme in collaborazione per capire le origini del virus”.

Alla domanda se la teoria della perdita del laboratorio di Wuhan sia stata discussa al vertice, il dott. Tedros ha detto: “Sì, è stata sollevata e abbiamo discusso delle origini”.

I ministri del governo del Regno Unito hanno anche esercitato pressioni sulla Cina affinché collabori pienamente con le indagini sull’origine del coronavirus.

Biden ha rivelato il mese scorso che due delle 18 agenzie di intelligence credono nella rilevanza degli animali, ma un’altra agenzia si sta “orientando maggiormente verso” la teoria del laboratorio.

READ  L'Indonesia colpita dal virus affronta la crisi dell'approvvigionamento di ossigeno

Il presidente ha affermato che ciascuna di queste agenzie aveva “fiducia bassa o media” nella propria posizione.

Biden ha anche diretto i Laboratori Nazionali degli Stati Uniti per assistere nelle indagini.

Rapporto sulla bomba emesso da Il giornale di Wall Street Presumibilmente, tre dipendenti dell’Istituto di virologia di Wuhan Si ammalò e dovette essere ricoverato in ospedale a novembre 2019, settimane prima che la Cina rivelasse al mondo l’epidemia.

Una task force dell’OMS ha trascorso quattro settimane a indagare sull’epidemia a Wuhan a gennaio e febbraio.

L’organizzazione ha concluso che era “estremamente improbabile” che la perdita di laboratorio fosse da biasimare, ma ha indicato che erano necessarie ulteriori indagini.

Tuttavia, all’inizio di questo mese, un gruppo di eminenti scienziati ha affermato che la possibilità che il coronavirus fuggisse accidentalmente da un laboratorio a Wuhan in Cina era “ancora praticabile”.

In una lettera pubblicata su Science, 18 ricercatori di Stanford, Harvard, MIT e Cambridge hanno criticato l’OMS e gli scienziati che li hanno seguiti per non aver considerato che potrebbe esserci una fuga “accidentale” dal laboratorio.

Questo articolo è apparso originariamente su il Sole Ripubblicato con permesso