Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il brevetto in attesa di brevetto non consentirà la produzione di un’altra dose di vaccino

Le aziende farmaceutiche hanno avvertito che la sospensione dei brevetti o l’applicazione del trasferimento tecnologico non consentirà di produrre una singola dose di vaccino contro il Covid 19 e potrebbe avere l’effetto opposto.

Leggi anche: Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità vuole prendere misure concrete per aumentare la produzione di vaccini

Per i sostenitori di una sospensione temporanea dei diritti di proprietà intellettuale, questo è il modo migliore per aumentare i siti di produzione e porre fine alla forte disparità nei vaccini che vede i paesi ricchi immunizzare grandi proporzioni della loro popolazione quando alcuni paesi poveri hanno accesso a dosi molto basse.

Ancora una volta venerdì, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che i vaccini sono “un bene pubblico”. Pretoria e l’India sono dietro la proposta di brevetto dell’OMC e le due capitali ora hanno il sostegno di molti paesi, ONG e personalità. Ma il file ha raggiunto un vicolo cieco.

“Combattiamo insieme contro il nazionalismo dei vaccini e dimostriamo che la protezione della proprietà intellettuale non va a scapito della vita umana”, ha detto Ramaphosa in un evento organizzato dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Un altro modo

Più o meno nello stesso periodo, i rappresentanti dell’industria farmaceutica di tutto il mondo hanno sostenuto alla stampa che questa non era la via da seguire, ribadendo il loro impegno a produrre il maggior numero di vaccini possibile nel più breve tempo possibile.

Questo “non ci darà gli strumenti per produrre più dosi di vaccini”, ha detto Thomas Quiney, presidente della International Federation of Pharmaceutical Industries (IFPMA).

Ha sottolineato che erano già stati firmati 275 accordi di produzione tra stabilimenti, e talvolta tra concorrenti, per raggiungere l’obiettivo di 10 miliardi entro la fine del 2021.

READ  Dopo lo scandalo, presto nuove regole

Tutti i produttori hanno sottolineato che il problema non riguardava tanto la proprietà intellettuale quanto le barriere doganali o la mancanza di alcuni componenti e strumenti che potessero fermare la produzione.

È complicato

“Fare vaccini non è solo una questione di brevetti”, ha detto Sai Prasad, capo della rete di produttori di vaccini dei paesi in via di sviluppo, che include laboratori dei paesi in via di sviluppo.

“È un settore molto complesso, con una scienza complessa e processi di produzione molto complessi … Dobbiamo stare molto attenti a chi trasferiamo la conoscenza”, ha spiegato, soprattutto per l’imperativo della sicurezza e della qualità.

“Non vogliamo fare nulla che possa minare la fiducia nei vaccini”, ha detto Michelle McMurray-Heath, che dirige la Biotechnology Innovation Organisation (BIO), che riunisce le aziende biotecnologiche.

“Dobbiamo ammettere che ci sono solo pochi laboratori al mondo che hanno le competenze necessarie e dobbiamo concentrare i nostri sforzi in modo che possano accedere agli ingredienti di cui hanno bisogno per produrre il maggior numero di dosi. Il più rapidamente possibile”, Egli ha detto.

A volte, qualcosa di banale come la mancanza di sacchetti di plastica o filtri può prendere il sopravvento sul dispositivo. A volte mancano i lipidi utilizzati per proteggere l’RNA messaggero per i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna.

I produttori stimano che più di cento degli ingredienti utilizzati per fare i vaccini siano attualmente difficili da ottenere.

Effetti dannosi

Stefan Bansel, presidente di Moderna, ha avvertito degli effetti dannosi del trasferimento di tecnologia a produttori inesperti.

“Il tentativo di distribuire le scarse materie prime che attualmente abbiamo tra un numero molto più ampio di produttori che potrebbero non avere necessariamente esperienza nella produzione di vaccini potrebbe minacciare i progressi che stiamo facendo sulla nostra strada”, ha spiegato la signora MacMurry. – Heath. .

READ  La Wallonia Mental Health Week si concentrerà sull'impegno sociale

Moderna, che era un’azienda relativamente giovane prima del Covid-19, promette di produrre 1 miliardo di dosi del suo vaccino e 1,4 miliardi nel prossimo anno.

Dedicare risorse umane al trasferimento di tecnologia e conoscenza (processi che richiedono mesi) non avrà alcun impatto reale sulla produzione di vaccini quest’anno e “ostacolerà la nostra capacità di produrre di più nel 2021”.

“Se ora deviamo il percorso del piccolo team di ingegneri che dobbiamo fare queste conversioni, l’impatto nel 2021” sarà enorme “, ha avvertito.