Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il 70% degli indiani si aspetta di tornare alla normalità prima del COVID in meno di un anno: sondaggio WEF

Lunedì, un nuovo studio ha affermato che gli indiani sono tra le persone più ottimiste a livello globale in termini di aspettative di un ritorno alla posizione normale in cui si trovava prima del virus Corona, con oltre il 70% che si aspetta che ciò accada in meno di un anno. Ancora più importante, il sondaggio è stato condotto prima di vedere la pandemia di COVID-19 dirigersi verso un nuovo picco in India e in altri paesi.

Il sondaggio, condotto da Ipsos, una società di ricerche di mercato globale per il World Economic Forum (WEF) con un campione di oltre 21.000 a livello globale tra il 19 febbraio e il 5 marzo, ha mostrato che gli indiani erano i più ottimisti (24%) sulle aspettative per un “ritorno alla normalità” si verifica entro 1-3 mesi e si verifica anche entro 3-6 mesi (21%).

Inoltre, il 23% degli indiani ha affermato di aspettarsi di tornare alla normale pre-COVID entro 6-12 mesi, ma le persone di diversi paesi, tra cui Arabia Saudita, Cina e Brasile, hanno ottenuto punteggi migliori in questo lasso di tempo. Si stima che il 15% degli intervistati indiani abbia affermato di aspettarsi che un ritorno alla normalità richiederà più di 12 mesi, il 6% ha affermato che non accadrà mai e per l’11% è stato effettivamente così.

A livello globale, il World Economic Forum ha affermato, citando i risultati del sondaggio, che la maggior parte delle persone che sono circa il 60% spera di contenere l’epidemia entro il prossimo anno, ma le aspettative variano ampiamente da paese a paese. I partecipanti in Cina, India, Russia e Arabia Saudita hanno affermato di ritenere che ci vorrà un anno per tornare alla normalità, mentre Giappone, Francia, Italia e Corea del Sud ritengono che ci vorrà più tempo.

READ  Greensell ha utilizzato i prestiti dei contribuenti per ridurre l'esposizione a Sanjeev Gupta

Un adulto su due nel mondo ha affermato che la propria salute emotiva e mentale è peggiorata dall’inizio dell’epidemia, ma quasi uno su quattro ha affermato di essere migliorata dall’inizio del 2021. Più del 70% degli adulti in Arabia Saudita, Russia e India lo sono La Cina continentale è fiduciosa che le loro vite torneranno a pre-COVID entro un anno.

Al contrario, l’80% in Giappone e più della metà in Francia, Italia, Corea del Sud e Spagna prevedono che ci vorrà più tempo. A livello globale, le aspettative su quanto tempo ci vorrà prima che una persona torni alla normalità prima di COVID e quanto tempo ci vorrà per contenere l’epidemia sono quasi identiche.

Questi risultati indicano che le persone in tutto il mondo considerano la capacità di tornare a una vita “normale” interamente dipendente dal contenimento dell’epidemia. Simile alla vita che torna alla normalità prima del COVID, una media del 58% in tutti i paesi e i mercati esaminati prevede che l’epidemia sarà contenuta entro il prossimo anno, incluso il 13% che ritiene che sia effettivamente così o che accadrà entro 3 mesi. .

Secondo il sondaggio, la maggioranza in India, Cina e Arabia Saudita riteneva che l’epidemia fosse già stata contenuta o che sarebbe stata contenuta entro i prossimi sei mesi. Al contrario, quattro su cinque in Giappone e più della metà in Australia, Francia, Polonia, Spagna e Svezia hanno previsto che ci sarebbe voluto più di un anno.

In media nei 30 paesi e mercati esaminati, il 45% degli adulti ha affermato che la propria salute emotiva e mentale è peggiorata dall’inizio della pandemia quasi un anno fa, tre volte la percentuale di adulti che ha affermato che è migliorata (16%). Il sondaggio è stato condotto su oltre 21.000 adulti di età inferiore ai 75 anni sulla piattaforma online Global Advisors di Ipsos.

READ  Italia a rischio nuove restrizioni con l'aumento della variabile Delta Covid-19

Leggi anche: La strategia del centro per frenare la diffusione di COVID-19 è un “ fiasco ”, i vaccini devono fornire: Congresso