Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il 70% degli indiani si aspetta di tornare alla normalità prima del COVID in meno di un anno: sondaggio WEF

Lunedì, un nuovo studio ha affermato che gli indiani sono tra le persone più ottimiste a livello globale in termini di aspettative di un ritorno alla posizione normale in cui si trovava prima del virus Corona, con oltre il 70% che si aspetta che ciò accada in meno di un anno. Ancora più importante, il sondaggio è stato condotto prima di vedere la pandemia di COVID-19 dirigersi verso un nuovo picco in India e in altri paesi.

Il sondaggio, condotto da Ipsos, una società di ricerche di mercato globale per il World Economic Forum (WEF) con un campione di oltre 21.000 a livello globale tra il 19 febbraio e il 5 marzo, ha mostrato che gli indiani erano i più ottimisti (24%) sulle aspettative per un “ritorno alla normalità” si verifica entro 1-3 mesi e si verifica anche entro 3-6 mesi (21%).

Inoltre, il 23% degli indiani ha affermato di aspettarsi di tornare alla normale pre-COVID entro 6-12 mesi, ma le persone di diversi paesi, tra cui Arabia Saudita, Cina e Brasile, hanno ottenuto punteggi migliori in questo lasso di tempo. Si stima che il 15% degli intervistati indiani abbia affermato di aspettarsi che un ritorno alla normalità richiederà più di 12 mesi, il 6% ha affermato che non accadrà mai e per l’11% è stato effettivamente così.

A livello globale, il World Economic Forum ha affermato, citando i risultati del sondaggio, che la maggior parte delle persone che sono circa il 60% spera di contenere l’epidemia entro il prossimo anno, ma le aspettative variano ampiamente da paese a paese. I partecipanti in Cina, India, Russia e Arabia Saudita hanno affermato di ritenere che ci vorrà un anno per tornare alla normalità, mentre Giappone, Francia, Italia e Corea del Sud ritengono che ci vorrà più tempo.

READ  Wayne Business la invita a smettere di fumare dopo 90 anni - Delco Times

Un adulto su due nel mondo ha affermato che la propria salute emotiva e mentale è peggiorata dall’inizio dell’epidemia, ma quasi uno su quattro ha affermato di essere migliorata dall’inizio del 2021. Più del 70% degli adulti in Arabia Saudita, Russia e India lo sono La Cina continentale è fiduciosa che le loro vite torneranno a pre-COVID entro un anno.

Al contrario, l’80% in Giappone e più della metà in Francia, Italia, Corea del Sud e Spagna prevedono che ci vorrà più tempo. A livello globale, le aspettative su quanto tempo ci vorrà prima che una persona torni alla normalità prima di COVID e quanto tempo ci vorrà per contenere l’epidemia sono quasi identiche.

Questi risultati indicano che le persone in tutto il mondo considerano la capacità di tornare a una vita “normale” interamente dipendente dal contenimento dell’epidemia. Simile alla vita che torna alla normalità prima del COVID, una media del 58% in tutti i paesi e i mercati esaminati prevede che l’epidemia sarà contenuta entro il prossimo anno, incluso il 13% che ritiene che sia effettivamente così o che accadrà entro 3 mesi. .

Secondo il sondaggio, la maggioranza in India, Cina e Arabia Saudita riteneva che l’epidemia fosse già stata contenuta o che sarebbe stata contenuta entro i prossimi sei mesi. Al contrario, quattro su cinque in Giappone e più della metà in Australia, Francia, Polonia, Spagna e Svezia hanno previsto che ci sarebbe voluto più di un anno.

In media nei 30 paesi e mercati esaminati, il 45% degli adulti ha affermato che la propria salute emotiva e mentale è peggiorata dall’inizio della pandemia quasi un anno fa, tre volte la percentuale di adulti che ha affermato che è migliorata (16%). Il sondaggio è stato condotto su oltre 21.000 adulti di età inferiore ai 75 anni sulla piattaforma online Global Advisors di Ipsos.

READ  Gli italiani (per lo più) abbracciano il "corridoio verde" della prova di vaccinazione nel suo primo giorno

Leggi anche: La strategia del centro per frenare la diffusione di COVID-19 è un “ fiasco ”, i vaccini devono fornire: Congresso