Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il 64% delle app di eHealth non è stato verificato da studi scientifici

primario

  • La commercializzazione di applicazioni sanitarie senza fornire prove della loro efficacia è illegale ma presenta un potenziale rischio per i pazienti.
  • Le domande valutate attraverso questo studio erano tutte francesi.

Nel 2020 sono state presentate quotidianamente online 250 nuove domande di salute elettronica, ovvero 90.000 all’anno.

È stato scaricato da molti utenti sui loro smartphone o tablet per aiutarli a fare più esercizio fisico, mangiare più sano, adottare uno stile di vita più sano… Hanno visto un grande boom con la pandemia di Covid-19. Ad esempio, a marzo 2021, 40,6 milioni di francesi Hai effettuato l’accesso a un sito Web o a un’app per la salute.

qualità sconosciuta

Ma si scopre che”a larga maggioranza (applicazioni sanitarie elettroniche) Non sono stati validati clinicamente, la loro qualità è sconosciuta e l’utente non sa se sono efficaci e sicuri” afferma un team scientifico del National Institute of Electronic Health in uno studio pubblicato su Giornale di ricerca medica su Internet.

Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno creato e testato uno strumento di punteggio – basato su 26 domande appositamente sviluppate attorno ai criteri di valutazione dell’Alta Autorità per la Salute (HAS) e sulle raccomandazioni della Società Europea di Oncologia Medica – su 68 soluzioni online di domande sulla salute progettato per monitorare malattie come il cancro e altre malattie.Dolore cardiaco e cronico.

In particolare, il 30% era correlato all’assunzione di farmaci e alla ridotta tossicità del trattamento, il 23% alla diagnosi precoce della malattia, il 16% al supporto decisionale, il 12% alla prevenzione, il 6% alle indicazioni terapeutiche dirette, il 2% al triage e il 2% all’emergenza del reparto sovraccarico. Le applicazioni oncologiche (22%) e le soluzioni di salute pubblica (23%) sono state le più rappresentate.

Abbiamo creato lo strumento di valutazione con associazioni di pazienti ed esperti di e-health e lo abbiamo presentato ai creatori di app di e-health, che hanno valutato le loro applicazioni, Gli scienziati dicono. Dopo aver soddisfatto i criteri di valutazione, le loro domande hanno ricevuto un punteggio complessivo e 4 categorie di sottopunti”.

Questi criteri hanno valutato il tipo di soluzione e il campo, la dimensione della popolazione target per la soluzione, il livello di valutazione clinica e le informazioni sulla risorsa.

Niente studio

Secondo questo studio, prima della commercializzazione, solo il 21% di essi è stato oggetto di studi randomizzati (in cui sono stati confrontati due gruppi, uno con un trattamento e l’altro senza), coerenti con un buon livello di affidabilità per dimostrarne l’efficacia da un punto di vista scientifico.

Il 15% delle applicazioni è stato valutato utilizzando dati sanitari del mondo reale in cui osserviamo un gruppo di pazienti che utilizzano questo strumento ma non li confrontiamo con i risultati di pazienti senza questo strumento.

Soprattutto, il 64% delle domande non è stato sottoposto ad alcuno studio clinico. “Inoltre, il sondaggio ha rivelato che gli editori di queste app spesso non avevano competenze mediche o non avevano una commissione scientifica.Il professor Fabrice Denis, capo dell’Istituto nazionale di salute elettronica e coautore dello studio.

problema di sicurezza

Tuttavia, le app difettose rappresentano un rischio per i pazienti: “C’è un vero problema di sicurezza e fiducia“, Scusate Professor Fabrice Denis.Se gli algoritmi di queste applicazioni non vengono convalidati e gli avvisi non vengono attivati ​​in modo tempestivo, potrebbe rappresentare un rischio per il paziente. Stiamo parlando di tossicità da farmaci, complicanze della malattia, infezioni o errori di orientamentoQuindi fai attenzione a non fidarti troppo delle app di e-health e preferisci sempre il consiglio di un professionista della salute in caso di dubbio.






















READ  Per gli animali selvatici, giocare è il modo migliore per imparare a sopravvivere