Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I voli negli Stati Uniti riprendono dopo che un guasto al computer ha causato il caos all’aeroporto

Alle 9:00 ET mercoledì (1:00 giovedì EST), la FAA ha finalmente sollevato la presa a terra che ha creato il caos per migliaia di viaggiatori e un effetto a catena che dovrebbe colpire gli aeroporti di tutto il paese per ore.

“Le normali operazioni di traffico aereo stanno gradualmente riprendendo negli Stati Uniti dopo un’interruzione notturna nell’Air Mission Notice System (NOTAM) che fornisce informazioni sulla sicurezza agli equipaggi di volo”, ha affermato la FAA in una dichiarazione su Twitter.

I voli attraverso gli Stati Uniti sono ripresi dopo che un’interruzione del computer della Federal Aviation Administration (FAA) ha bloccato il volo. (flytradar24)
Un aereo passeggeri della Southwest Airlines decolla dall'aeroporto Midway di Chicago poiché i ritardi dei voli causati da un'interruzione del computer presso la Federal Aviation Administration hanno interrotto i voli negli Stati Uniti mercoledì 11 gennaio 2023 a Chicago.
Le fermate a terra a O’Hare e Midway sono state revocate, ha affermato il Dipartimento dell’Aviazione di Chicago, ma sono probabili “ritardi o cancellazioni rimanenti”. (Foto AP/Charles Rex Arbogast)

I voli a terra sono stati ordinati con circa un’ora e mezza di anticipo, intorno alle 7:20 ET (23:20 EST).

Alle 8:50 ET (12:50 di giovedì EST), più di 4.000 voli erano stati bloccati, che è più di tutti i voli in ritardo durante il giorno precedente, secondo il sito web di monitoraggio dei voli FlightAware.

Con la ripresa dei voli, più di 7.100 voli sono stati ritardati entro le 12:00 ET (4:00 di giovedì mattina AEST) e più di 1.100 voli sono stati cancellati.

Si prevede che questi numeri aumenteranno man mano che il caos scorre durante il giorno sia sui voli cargo che su quelli passeggeri.

Ad alcuni voli sanitari è stata concessa l’autorizzazione durante la pausa, il che non ha influito sulle operazioni militari.

I lavoratori dell’aviazione di lunga data non riuscivano a ricordare un’interruzione di questa portata a causa di un crollo tecnologico (Foto: LaGuardia Airport, NY, 11 gennaio 2023) (AP)

A causa dell’estrema congestione, la FAA ha autorizzato prima i voli dall’aeroporto di Newark Liberty e dall’aeroporto di Atlanta Hartsfield-Jackson, prima di riprendere gradualmente le operazioni in tutto il paese.

Il sito Web della FAA mostrava ancora un ritardo a terra all’aeroporto LaGuardia di New York alle 10:50 ET (2:50 di giovedì EST). Il sito ha anche mostrato un ritardo a terra all’aeroporto internazionale di Charlotte Douglas nella Carolina del Nord, uno dei più grandi hub per American Airlines.

Le fermate a terra a O’Hare e Midway sono state revocate, ha affermato il Dipartimento dell’Aviazione di Chicago, ma sono probabili “ritardi o cancellazioni rimanenti”.

Aerei passeggeri sulla pista dell'aeroporto internazionale Logan, 11 gennaio 2023, a Boston.
Le compagnie aeree hanno continuato a ritardare o cancellare i voli a causa della congestione in corso. (Foto: Boston Logan International Airport l’11 gennaio) (Foto AP/Steven Senne)

Le compagnie aeree hanno continuato a ritardare o cancellare i voli a causa della congestione in corso. Una fonte della compagnia aerea che ha familiarità con la situazione ha affermato che le compagnie aeree potrebbero implementare programmi di ritardo a terra, il che potrebbe portare a ulteriori problemi di programmazione.

Mercoledì era previsto il decollo negli Stati Uniti di oltre 21.000 voli: la maggior parte di quei voli nazionali insieme a circa 1.840 voli internazionali dovrebbero dirigersi verso gli Stati Uniti, secondo la società di dati di volo Cirium.

American Airlines, un’associazione che rappresenta le compagnie aeree statunitensi, ha affermato in precedenza che l’interruzione aveva “causato significativi ritardi operativi”.

Ha messo a terra i voli delle principali compagnie aeree statunitensi tra cui United Airlines, Delta e American Airlines.

I viaggiatori camminano mentre una scheda video mostra i ritardi e le cancellazioni dei voli all'aeroporto nazionale Ronald Reagan di Washington ad Arlington, in Virginia, mercoledì 11 gennaio 2023.
Più di 4.000 voli sono stati fermati intorno alle 8:50 ET (00:50 di giovedì AEST), che è più di tutti i voli in ritardo durante il giorno precedente. (Foto AP/Patrick Simanski)
I viaggiatori si trovano nella sala partenze del Terminal B dell'aeroporto LaGuardia di New York, mercoledì 11 gennaio 2023.
Alle 9:00 ET di mercoledì (1:00 di giovedì EST), la FAA ha finalmente sollevato la presa a terra che ha creato il caos per diverse migliaia di viaggiatori. (Foto AP/Seth Wenig)

Coloro che operavano nel settore dell’aviazione molto tempo fa non potevano ricordare un’interruzione di questa portata a causa del guasto della tecnologia. Alcuni l’hanno paragonata alla chiusura nazionale dello spazio aereo dopo gli attacchi terroristici del settembre 2001.

“Ci sono stati periodicamente problemi interni qua e là, ma storicamente questo è molto importante”, ha affermato Tim Campbell, vicepresidente senior delle operazioni aeree di American Airlines e ora consulente con sede a Minneapolis.

I passeggeri sono stati informati per la prima volta dell’interruzione della FAA intorno alle 6:30 (22:30 EST), con l’agenzia che ha fornito aggiornamenti circa ogni mezz’ora.

Gli aeroplani siedono sulla pista del Terminal B dell'aeroporto LaGuardia di New York, mercoledì 11 gennaio 2023.
American Airlines, un’associazione che rappresenta le compagnie aeree statunitensi, ha affermato in precedenza che l’interruzione aveva “causato significativi ritardi operativi”. (Foto AP/Seth Wenig)

American Airlines ha affermato che il NOTAMS che ha subito l’interruzione fornisce “informazioni importanti per le operazioni di sicurezza del volo”.

La FAA afferma che i NOTAMS non dovrebbero essere considerati l’unica fonte di informazioni, quindi alcuni voli potrebbero essere in grado di soddisfare i requisiti di sicurezza utilizzando altri dati.

Biden “non so” se l’attacco informatico

Mentre la Casa Bianca inizialmente ha affermato che non c’erano prove di un attacco informatico, il presidente Joe Biden ha detto “non lo sappiamo” e ha detto ai giornalisti di aver ordinato al Dipartimento dei trasporti di indagare sulla causa dell’interruzione.

Il presidente ha affrontato la questione della FAA prima di lasciare la Casa Bianca mercoledì mattina per accompagnare sua moglie per una procedura medica al Walter Reed National Military Medical Center fuori Washington.

Il presidente Joe Biden parla con i giornalisti prima che lui e la First Lady Jill Biden siedano a bordo del Marine One nel South Lawn della Casa Bianca a Washington, mercoledì 11 gennaio 2023.
Mentre la Casa Bianca inizialmente ha affermato che non c’erano prove di un attacco informatico, il presidente Joe Biden ha detto “non lo sappiamo”. (Foto AP/Suzanne Walsh)

Ha detto di aver appena ricevuto un briefing dal segretario ai trasporti Pete Buttigieg, che gli ha detto che non avevano ancora determinato cosa fosse andato storto.

“Ho appena parlato con Buttigieg. Non sanno perché. Ma sono al telefono con lui da circa 10 minuti”, ha detto Biden.

“Gli ho detto di riferire direttamente a me quando lo scopriranno. Il traffico aereo può ancora atterrare in sicurezza, ma non decollare adesso. Non sappiamo perché.”

Buttigieg ha dichiarato in un tweet di essere in contatto con la FAA e di monitorare la situazione.

L’FBI non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il presidente Joe Biden va a parlare con i giornalisti prima che lui e la First Lady Jill Biden si siedano a bordo di Marine One nel South Lawn della Casa Bianca a Washington, mercoledì 11 gennaio 2023.
Il presidente degli Stati Uniti ha affrontato la questione della Federal Aviation Administration prima di lasciare la Casa Bianca mercoledì mattina per accompagnare la moglie per un intervento chirurgico. (Foto AP/Suzanne Walsh)

John Cox, un ex pilota di linea ed esperto di sicurezza aerea, ha affermato che da anni si parla nel settore dell’aviazione di provare ad aggiornare NOTAM, ma non sapeva quanti anni avessero i server della FAA.

Non è stato in grado di determinare se fosse possibile un attacco informatico.

“Volo da 53 anni”, ha detto Cox, “non ho mai sentito parlare del sistema che si è rotto in questo modo”. “Quindi è successo qualcosa di straordinario.”

I voli internazionali verso gli Stati Uniti non sono stati interessati

L’ultimo volo dall’aeroporto internazionale di Sydney agli Stati Uniti è stato un volo della Hawaiian Airlines, decollato alle 21:26 di mercoledì.

Sembra che anche il volo Qantas da Brisbane a Los Angeles decollerà come da programma mercoledì sera.

Julia MacPherson, che stava viaggiando negli Stati Uniti dalla Tasmania, ha saputo del ritardo del volo mentre era su un volo della United Airlines da Sydney a Los Angeles.

I passeggeri effettuano il check-in presso i chioschi self-service della Southwest Airlines all'aeroporto Midway di Chicago a causa dei ritardi dei voli causati da un'interruzione dei voli di terra della Federal Aviation Administration negli Stati Uniti mercoledì 11 gennaio 2023 a Chicago.
I passeggeri effettuano il check-in presso i chioschi self-service della Southwest Airlines all’aeroporto Midway di Chicago a causa dei ritardi dei voli causati da un’interruzione dei voli di terra della Federal Aviation Administration negli Stati Uniti mercoledì 11 gennaio 2023 a Chicago. (Foto AP/Charles Rex Arbogast)

“Quando ero in volo, ho saputo dal mio amico che stava anche volando all’estero che c’era un’interruzione di corrente”, ha detto McPherson, che stava tornando in Florida da Hobart.

Una volta a Los Angeles, aveva ancora una coincidenza a Denver sul suo volo per Jacksonville, in Florida.

Ha detto che non c’erano annunci sul volo sul caso FAA.

MacPherson ha affermato di aver già dovuto affrontare ritardi dei voli a causa della cancellazione del suo volo originale da Melbourne a San Francisco e di aver riprenotato un volo da Sydney a Los Angeles.

Un aereo del sud-ovest vola basso sopra Gravelly Point mentre si avvicina all'aeroporto nazionale Ronald Reagan di Washington ad Arlington, in Virginia, venerdì 30 dicembre 2022.
I voli europei verso gli Stati Uniti sembravano essere in gran parte inalterati, con gli aerei che decollavano ancora da Amsterdam e Parigi nonostante la situazione. (Foto AP/Caroline Custer)

Nel frattempo, i voli europei verso gli Stati Uniti sono sembrati in gran parte inalterati dall’interruzione, con aerei che decollano ancora da Amsterdam e Parigi nonostante la situazione.

Un portavoce dell’aeroporto di Schiphol nei Paesi Bassi ha dichiarato alla Galileus Web che “è stata emessa una soluzione alternativa” e che i voli sono ancora in partenza da Amsterdam.

Nessun volo è stato cancellato dall’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, ma c’erano da aspettarsi ritardi, secondo l’ufficio stampa dell’aeroporto. Anche l’aeroporto di Francoforte ha dichiarato alla Galileus Web di non essere stato colpito.

Un portavoce dell’aeroporto di Londra Heathrow ha detto alla Galileus Web che “non sono a conoscenza di voli cancellati e che i voli per gli Stati Uniti sono partiti di recente”, ma che ci sono state segnalazioni di passeggeri che hanno subito ritardi significativi.

8. Aeroporto di Londra Heathrow, Londra, Regno Unito
Un portavoce dell’aeroporto di Londra Heathrow ha dichiarato alla Galileus Web di “non essere a conoscenza dei voli cancellati e che i voli per gli Stati Uniti sono partiti di recente”. (Stock)
I passeggeri del volo 51 dell'American Airlines sono rimasti seduti sul loro aereo all'aeroporto londinese di Heathrow per quasi tre ore, ha detto un passeggero alla CNN, a causa dei ritardi causati dall'interruzione.
I passeggeri del volo 51 dell’American Airlines sono rimasti seduti sul loro aereo all’aeroporto londinese di Heathrow per quasi tre ore, ha detto un passeggero alla CNN, a causa dei ritardi causati dall’interruzione. (Shabnam Amini)

Shabnam Amini ha detto alla CNN che lei e altri passeggeri erano seduti sul volo 51 dell’American Airlines per Dallas per circa tre ore a Heathrow a causa dell’interruzione della FAA.

Ha detto che erano stati informati dei ritardi ma erano ancora sull’aereo.

La compagnia aerea irlandese Aer Lingus ha affermato che i servizi per gli Stati Uniti continuano e il sito Web dell’aeroporto di Dublino ha mostrato che i suoi voli per Newark, Boston, Chicago e Los Angeles sono in orario.

I voli internazionali per l’aeroporto internazionale di Miami hanno continuato ad atterrare, ma tutte le partenze dalle 6:30 (22:30 AEDT) sono state ritardate. (AP)

“Aer Lingus prevede di operare tutti i voli transatlantici come programmato oggi”, ha affermato la compagnia in una dichiarazione preparata.

“Continueremo a monitorare, ma non prevediamo alcuna interruzione dei nostri servizi derivante dal problema tecnico negli Stati Uniti”.

I voli internazionali in arrivo all’aeroporto internazionale di Miami hanno continuato a diminuire, ma tutti i voli in partenza sono stati ritardati dalle 6:30 (22:30 EDT), ha detto il portavoce dell’aeroporto Greg Chen.

READ  Gli incendi boschivi sulla costa orientale della Corea del Sud minacciano GNL e centrali nucleari