Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I test COVID sono stati introdotti ai passeggeri in Cina contro il parere del Chief Medical Officer Paul Kelly

Butler ha comunque annunciato le restrizioni, affermando che i test sarebbero stati richiesti entro 48 ore dalla partenza da Cina, Hong Kong o Macao in risposta all’esplosione di infezioni da COVID-19 in Cina e al potenziale di nuove varianti.

Il ministro della Salute ha affermato che la decisione di controllare i passeggeri è stata presa per “abbondanza di cautela”, citando le preoccupazioni espresse dall’Organizzazione mondiale della sanità per la mancanza di informazioni dettagliate sulla situazione in Cina.

Il consiglio dell’ufficiale medico capo Paul Kelly a Mark Butler è stato pubblicato lunedì sera. credito:Alex Ellinghausen

“Questa mancanza di informazioni complete ha spinto negli ultimi giorni un certo numero di Paesi a prendere varie misure, non per limitare i viaggi dalla Cina, è importante dirlo, ma per raccogliere informazioni migliori su ciò che sta accadendo con le epidemie in quel Paese”, ha affermato Butler. .

La politica australiana segue le recenti mosse di Stati Uniti, Giappone, India, Corea del Sud, Francia e Italia per imporre test ai visitatori cinesi.

Il ministro dell’Agricoltura Murray Watt ha affermato che il governo non imporrà l’isolamento obbligatorio per i viaggiatori provenienti dalla Cina che risultino positivi all’arrivo. Se testano [positive before their flight] Quindi, ovviamente, diciamo loro di non salire sull’aereo e… le compagnie aeree devono svolgere un ruolo nell’impedire che ciò accada”, ha detto a 4BC Brisbane Radio.

Un alto rappresentante cinese in Australia ha espresso “profondo rammarico” per la politica, che secondo lui punisce ingiustamente i viaggiatori cinesi mentre i due paesi cercano di ricostruire legami diplomatici e commerciali.

Zhou Limin, console generale cinese a Sydney, ha notato con preoccupazione che l’annuncio del test è arrivato poche settimane dopo che il ministro degli Esteri Penny Wong si è recato a Pechino per celebrare il 50° anniversario dell’instaurazione di relazioni diplomatiche tra Australia e Cina.

READ  "Non è troppo tardi": gli scienziati australiani chiedono un'azione urgente per evitare la peggiore crisi climatica | Notizie dall'Australia

“Siamo profondamente dispiaciuti che il governo australiano abbia annunciato restrizioni sui viaggiatori in arrivo dalla Cina”, ha affermato Zhou.

“La Cina ritiene che le misure di prevenzione e controllo adottate da un Paese dovrebbero essere scientifiche e proporzionate, non mirate a un altro Paese specifico, e non dovrebbero pregiudicare gli scambi di personale e la normale cooperazione”.

Caricamento in corso

I principali esperti di sanità pubblica hanno affermato che l’Australia dovrebbe concentrarsi sull’aumento della sorveglianza delle crescenti varianti secondarie che circolano attraverso l’aumento delle acque reflue e dei test basati sulla PCR piuttosto che individuare la Cina.

James McCaw, consigliere per le epidemie del governo federale, ha affermato di ritenere che “non vi sia alcun motivo di salute pubblica” per cui l’Australia abbia requisiti speciali per i viaggiatori che arrivano dalla Cina.

“Il virus continua a circolare a livello globale”, ha affermato l’epidemiologo dell’Università di Melbourne. “Dobbiamo osservare attentamente le variabili, ma testare tutti coloro che provengono dalla Cina non farà alcuna differenza sostanziale nel caso della trasmissione in Australia”.

“Non avrebbe alcun impatto sulla salute pubblica… Questa non è una decisione scientifica, è una decisione non scientifica, è una decisione basata sulla scienza”, ha affermato Fiona Russell, esperta di malattie infettive presso l’Università di Melbourne. Penso che sia una decisione politica”.

“Non dovremmo tornare indietro nel tempo a questo tipo di reazione politica reazionaria”, ha aggiunto.

Il ministro della Sanità Mark Butler ha affermato che la mancanza di trasparenza e la preoccupazione della Cina per le nuove varianti è la ragione per cui l'Australia inizierà a controllare i viaggiatori provenienti dalla Cina.

Il ministro della Sanità Mark Butler ha affermato che la mancanza di trasparenza e la preoccupazione della Cina per le nuove varianti è la ragione per cui l’Australia inizierà a controllare i viaggiatori provenienti dalla Cina.credito:Domenico Lorimer

James Goodwin dell’Australian Airports Association ha dichiarato: “C’è un urgente bisogno di chiarimenti sui passeggeri in transito data l’inclusione di Hong Kong nella dichiarazione.

READ  Un portavoce del ministero degli Esteri ha liquidato il boicottaggio delle Olimpiadi da parte della Cina come una "farsa", affermando che Stati Uniti e Australia avrebbero "pagato il prezzo"

“Molte persone possono passare da Hong Kong nel loro viaggio verso l’Australia, e riteniamo che coloro che devono essere sottoposti a test dovrebbero dipendere dal paese di origine, purché il passeggero non lasci l’aeroporto”.

Il medico di malattie infettive e professore associato presso l’Università del Queensland Paul Griffin ha affermato che il governo federale “stava reagendo in modo eccessivo a un paese”.

Caricamento in corso

La nuova, preoccupante variante, potrebbe cambiare in qualsiasi parte del mondo, ha detto l’esperto di vaccini.

“Una strategia migliore sarebbe solo quella di rafforzare la sorveglianza nel nostro Paese”, ha affermato. “Riesamina le acque reflue in tutti gli stati e assicurati di eseguire ancora una buona percentuale di test e sequenziamento PCR in modo da sapere cosa viene importato e cosa viene scambiato”.

Griffin ha chiesto perché la Cina sarebbe stata presa di mira quando circa il 40% dei casi di COVID-19 negli Stati Uniti era causato dalla sottovariante altamente patogena di Omicron, XBB.1.5.

“A mio avviso, questo è il subalterno più preoccupante e notevole al momento”, ha detto.

Caricamento in corso

Il professor Stuart Torvill, virologo del Kirby Institute, ha affermato che i tentativi di impedire alle nuove sottovarianti di entrare in Australia sono stati inutili.

“Qualsiasi sottovariante domina a livello globale apparirà inevitabilmente nel nostro mix in Australia”, ha detto Torvill. “Se pensi che la genomica provenga da Shanghai, tutte le sottovarianti dominanti che compaiono in Cina sono comunque quelle che abbiamo visto prima”.

Il capo della modellazione epidemiologica della Monash University, James Trawer, ha affermato che la sottospecie più dominante in Cina di Omicron, BF.7, era già stata ampiamente rilevata in Australia.

READ  L'ultima cancellazione di alto profilo del presidente Putin ha suscitato voci di un'imminente defezione dal Sud America

“Non è una delle variabili più preoccupanti attualmente dal nostro punto di vista”, ha detto Trawer.

Il ministro ombra della salute dell’opposizione Anne Ruston è stato contattato per un commento.

“Le varie logiche non mi sembrano valide. Realisticamente, è probabile che avremo restrizioni per i viaggiatori dalla Cina per alcune settimane, che non vedo alcun impatto sulle variabili emergenti”.

Salta il rumore della politica federale con notizie, opinioni e analisi di esperti di Jacqueline Malley. Gli abbonati possono iscriversi alla newsletter settimanale Inside Politics qui.