Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I test COVID australiani per la Cina sono in contrasto con i consigli sulla salute | Notizie sulla pandemia di coronavirus

L’ufficiale medico capo australiano ha avvertito che “non c’è un’adeguata giustificazione di salute pubblica” per le nuove regole di viaggio.

L’Australia ha introdotto il test COVID-19 per i viaggiatori provenienti dalla Cina nonostante il principale ufficiale medico del paese abbia messo in guardia contro la mossa, ha mostrato una lettera appena rilasciata.

In una lettera al ministro della Sanità Mark Butler sabato, il capo ufficiale medico australiano Paul Kelly ha affermato di non ritenere che ci fosse una giustificazione di salute pubblica per l’introduzione di nuovi requisiti di viaggio per le persone che arrivano dalla Cina.

Kelly ha affermato che l’alto livello di vaccinazione e la precedente infezione in Australia, e il fatto che la variante BF.7 Omicron che sembra guidare i casi in Cina si stesse già diffondendo nel paese, tra le altre ragioni, significava che non c’era “sufficiente salute pubblica giustificazione” per le nuove regole di viaggio.

Ha detto che c’è stato un “forte consenso” tra i funzionari sanitari negli stati australiani e neozelandesi sul fatto che le restrizioni sui viaggi dalla Cina sarebbero “incompatibili con l’attuale approccio nazionale alla gestione del COVID-19 e sproporzionate rispetto ai rischi”.

Kelly ha raccomandato che, invece di limitare i viaggi, il governo prenda in considerazione l’espansione dei test sulle acque reflue, la fornitura di campioni di volontari agli arrivi internazionali e il miglioramento del follow-up delle persone che risultano positive al test per COVID-19 e hanno una storia recente di viaggi all’estero.

Lettera dell'Australia

Nonostante il consiglio, Butler ha annunciato il giorno successivo che i viaggiatori provenienti dalla Cina, inclusi Hong Kong e Macao, sarebbero stati tenuti a presentare un risultato COVID negativo entro 48 ore dal viaggio.

READ  Gli scozzesi cercano conforto a casa durante il riscaldamento della Coppa del Mondo - Daily Business

Butler ha affermato di aver preso la decisione “per un’abbondanza di cautela, considerando la situazione dinamica e in evoluzione in Cina e il potenziale per l’emergere di nuove varianti in un ambiente ad alta trasmissibilità”.

Butler ha detto che all’epoca era stato “ampiamente informato” da Kelly, ma non è entrato nei dettagli sulla natura del consiglio ricevuto. Da allora Butler ha difeso le misure definendole una “decisione molto modesta” ed “equilibrata”.

La lettera di Kelly a Butler è stata pubblicata sul sito web del Dipartimento australiano per la salute e l’assistenza agli anziani nella tarda serata di lunedì.

La mossa dell’Australia ha seguito misure simili da parte di Stati Uniti, Regno Unito, Corea del Sud, India, Giappone, Taiwan, Italia, Francia e Spagna.

Il Canada ha anche annunciato sabato che inizierà a testare le persone in arrivo dalla Cina a partire dal 5 gennaio.

Le autorità hanno espresso la preoccupazione che l’aumento dei casi in Cina dopo che Pechino ha smantellato la sua rigorosa politica “zero COVID” possa portare all’emergere di nuove e più pericolose varianti.

Alcuni esperti sanitari hanno criticato i requisiti dei test, affermando che faranno poco per fermare la diffusione di nuove varianti e rischiano di alimentare la xenofobia.

La Cina ha definito le regole dei test “non necessarie”, mentre i media statali cinesi hanno definito le misure “prive di fondamento” e “discriminatorie”.

La Cina è pronta a revocare le quarantene obbligatorie per gli arrivi dall’8 gennaio dopo tre anni di severi controlli alle frontiere, ma continuerà a sottoporre tutti gli arrivi a un test COVID.