Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I significati nascosti ricercati dall’archeologia

Alcuni scaturiscono da rocce morbide come rettili che si bagnano al sole. Altre sono depressioni misteriose come Antica Un gioco da tavolo che si gioca in tutto il mondo. Alcuni sono diretti.
In un angolo deserto e una folata di vento Diametro La costa nord-orientale, tra le dune di sabbia dell’arido deserto, si trova Al Jassasiya, lo scoglio più grande e importante dello stato del Golfo. arte Posizione.

Qui, secoli fa, le persone usavano una serie di bassi affioramenti calcarei come stoffa su cui scolpivano simboli, ornamenti e oggetti che osservavano nel loro ambiente.

Misteriose incisioni rupestri, o petroglifi, sono fonte di molte speculazioni tra gli archeologi del Qatar. (Getty Images/iStockphoto)

In tutto, gli archeologi hanno trovato un totale di 900 petroglifi, o “rilievi rupestri”, ad Al Jassasiya. Sono per lo più oscure coppe disposte in vari modelli, tra cui file e rosette, ma anche suggestive rappresentazioni di velieri, di solito viste dall’alto ma anche raffigurate in un profilo lineare, tra gli altri simboli e segni.

Farhan Saqal, capo degli scavi e della gestione dei siti presso i Musei del Qatar, ha dichiarato alla CNN, riferendosi alle incisioni rupestri delle navi: “Sebbene l’arte rupestre sia comune nella penisola arabica, alcune delle incisioni di Al Jassasiya sono uniche e non possono essere trovate da nessun’altra parte. . “. Visto dalla prospettiva di un uccello.

“Queste sculture rappresentano un alto grado di creatività e capacità di osservazione [on the part of] Gli artisti che lo hanno realizzato.

“Inoltre [of] Pensiero astratto, poiché non potevano vedere la goletta (nave tradizionale) dall’alto”.

Le sculture assumono molte forme diverse. (Getty Images/iStockphoto)

Ci sono circa una dozzina di notevoli siti scavati nella roccia in Qatar, la maggior parte lungo la costa del paese, anche se alcune sculture possono essere viste nel cuore del quartiere Al Bida di Doha, affacciato sulla Corniche, una famosa passeggiata sul lungomare.

Al Jassasiya, a circa un’ora a nord della moderna capitale del Qatar e vicino all’antico porto di perle di Huwailah, è stato scoperto nel 1957. Nel corso di sei settimane tra la fine del 1973 e l’inizio del 1974, un team danese guidato dall’archeologo Holger Kapel e dal suo figlio Hans Kapel ha condotto uno studio L’intero sito Web è categorizzato in modo ordinato in immagini e grafica.

Di tutte le singole forme e strutture documentate, più di un terzo è costituito da coppe di varie configurazioni, forme e dimensioni.

Più di un terzo dei 900 scoperti è costituito da segni di calice. (Getty Images/iStockphoto)

Il modello più notevole include due file parallele di sette buche, portando alcuni a credere che queste fossero usate per giocare al mancala, un gioco da tavolo popolare in molte parti del mondo fin dai tempi antichi in cui due concorrenti lasciavano cadere numeri pari e dispari di piccole pietre in depressioni. .

Altri hanno contestato questa teoria, sottolineando il fatto che alcuni dei fori nell’albedo sono troppo piccoli per adattarsi a qualsiasi pietra, mentre altri potrebbero essere trovati sulle scogliere – una scelta poco pratica che avrebbe causato la caduta dei contatori.

Ulteriori suggerimenti includono formazioni di coppe utilizzate in qualche modo per la divinazione, per selezionare e conservare le perle o come sistemi per calcolare il tempo e le maree.

Quindi, qual è lo scopo di tutto ciò e cosa significano?

“È molto difficile rispondere”, ha ammesso Sakal, che inoltre non supporta la teoria dei giochi da tavolo.

“Non abbiamo prove dirette sulle decorazioni usate nell’elemosina.

“Secondo me, possono avere un significato e una funzione rituale, troppo antichi per essere spiegati in termini etnografici”.

Le sculture di barche sono tra le più interessanti per i ricercatori. (Getty Images/iStockphoto)

“Non lo sappiamo davvero”, ha ammesso Sakal, spiegando che i petroglifi – e l’arte rupestre in generale – sono stati una sfida finora.

“Ci sono ipotesi selvagge sull’età che va dal Neolitico al tardo periodo islamico.

“Personalmente, penso che non tutte le sculture siano state realizzate contemporaneamente”.

Un decennio fa, un singolo studio scientifico su nove diverse incisioni rupestri ad Al Jassasiya non ha trovato prove che avessero più di qualche centinaio di anni, ma i ricercatori hanno concluso che erano necessari ulteriori studi, incluso lo sviluppo di nuove tecniche per le incisioni calcaree. .

Sebbene gli esperti non possano dire con certezza quando e da chi siano state create le incisioni rupestri di Al Jassasiya, sono tutti d’accordo sul fatto che le incisioni più impressionanti – e insolite – nel sito siano quelle sulle barche.

Un archeologo dilettante scopre un pugnale romano di 2000 anni

Queste creazioni forniscono importanti informazioni sui tipi di navi utilizzate nelle fiorenti industrie della pesca e delle perle (per secoli pilastri dell’economia del Qatar), nonché sui loro vari elementi.

La maggior parte delle barche viste dall’alto sono solitamente a forma di pesce con poppe appuntite e file di remi, scolpite con uno strumento di metallo appuntito.

Ha molti dettagli, come nervature e fori trasversali che potrebbero mostrare il posizionamento degli alberi e dei pistoni.

In alcuni casi, una lunga linea da poppa raffigura una corda che termina con un tradizionale arabo (un’ancora di pietra triangolare a due fori) o un europeo (un’ancora di metallo con un lungo stelo e braccia ricurve, usata per la prima volta nella regione circa sette secoli fa).

Francis Gillespie e Faisal Abdullah Al-Nuaimi scrivono: “Su alcune barche i remi non sono paralleli, come dovrebbero essere quando vengono usati per remare, ma puntano a posizioni diverse”. Nascondersi nella sabbia: scoprire il passato del Qatar.

“Ecco come sarebbe stato quando le barche fossero state ormeggiate sulle rive delle perle e i remi fossero stati lasciati al loro posto in modo che i sub potessero aggrapparsi e riposare ogni volta che salivano”.

Gli esperti dicono che possono solo speculare sul motivo per cui c’è una così alta concentrazione di incisioni su navi ad Al Jassasiya, rispetto ad altri siti rocciosi costieri in Qatar.

Al-Nuaimi e Gillespie hanno sottolineato che “le navi avevano un ruolo importante nelle credenze dei popoli antichi, che le consideravano un mezzo simbolico di passaggio da questo mondo all’altro”.

Le incisioni sono molto difficili da datare. (Getty Images/iStockphoto)

“Sia i babilonesi che gli antichi egizi credevano che i morti raggiungessero gli inferi su una nave. La mitologia greca parlava della chiatta Caronte, che trasportava le anime dei morti attraverso il fiume Stige fino agli inferi. Forse le prime iscrizioni sulle navi sono echi di una memoria popolare preistorica”.

Qualunque sia la ragione, i visitatori dovrebbero ricordarsi di portare con sé dell’acqua e indossare un cappello e una crema solare durante il tour tra le sculture per contemplarne il significato.

Il sito recintato non ha zone d’ombra, quindi i periodi migliori per visitarla sono all’alba e al tramonto. Al Jassasiya si trova a sud della famosa spiaggia dell’Azerbaigian, quindi un’escursione può anche essere combinata con una rilassante giornata al mare.

READ  Il Vietnam blocca la capitale, Hanoi, mentre aumentano i casi di COVID-19 | Notizie sulla pandemia del virus corona