Novembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I settori della sanità, dell’istruzione e del comune che non sono stati interessati dallo sciopero

Mohamed Chebbi: I settori della sanità, dell’istruzione e delle municipalità non sono stati colpiti dallo sciopero

Il vice segretario generale del Sindacato generale tunisino incaricato del servizio pubblico, Mohamed Chebbi, ha indicato che lo sciopero del 16 giugno 2022 riguarda solo le imprese e gli uffici pubblici dello Stato. ” Per quanto riguarda la funzione pubblica, non sono coinvolti i settori della sanità, dell’istruzione e del comune. “, Ha aggiunto.

Intervenuto a Express FM Radio durante il programma Expresso condotto da Wassim Ben Larbi, Mohamed Chebbi ha indicato che questo chiarimento è stato fatto un giorno prima dello sciopero, ovvero il 15 giugno 2022. Ha anche indicato che lo sciopero è iniziato dalla mezzanotte e che le aziende e le istituzioni affiliate con il settore sanitario Sono stati colpiti dallo sciopero:

Farmacia centrale tunisina

L’Ufficio nazionale della famiglia e della popolazione

Centro Informatico presso il Ministero della Salute

Associazione delle industrie farmaceutiche tunisine

Ufficio nazionale di trattamento termico e idroterapia

Mohamed Chebbi ha sottolineato che lo sciopero non è stato severo a livello di queste istituzioni al fine di ottenere un accesso continuo ai servizi vitali. Facendo riferimento all’esempio di una farmacia centrale, ha spiegato che i servizi minimi sono garantiti.

Per quanto riguarda le condizioni dell’aeroporto, Mohamed Chebbi ha indicato che lo sciopero riguarda Tunisair, nonché l’Ufficio dell’aviazione civile e gli aeroporti. Ha spiegato che questo significa cancellare tutti i voli, anche quelli organizzati da compagnie aeree straniere.

Successivamente, Mohamed Chebbi ha indicato che l’UGTT stava seguendo da vicino l’andamento dello sciopero e che sarebbe stata organizzata una manifestazione di massa a livello degli Etats Unis d’Amérique dove avrebbe diretto il segretario generale del centro sindacale, Noureddine Taboubi. tra sindacalisti e attivisti. Ha detto che non ci sarebbe stata alcuna protesta.

READ  Perché il notevole contributo di questa pianta agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite merita una rivalutazione

Inoltre, la stessa fonte ha spiegato che l’organo amministrativo del Sindacato generale tunisino del lavoro si riunirà entro sabato 18 giugno 2022, per valutare lo sciopero e determinare i prossimi passi.

SG