Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I Romani di Primavera hanno risposto a un viaggio nel nord Italia

La classe Spring Rome ha recentemente viaggiato a Venezia, Firenze e Siena. Foto per gentile concessione di Giovanni del Piero.

La scorsa settimana i romani hanno compiuto un famoso viaggio nel nord Italia, considerato il simbolo del semestre romano. Per cinque giorni, la nostra classe ha avuto l’opportunità di esplorare ciascuna delle famose città di Venezia e Firenze per un giorno e mezzo, seguito da alcune ore a Siena. I romani sono stati in grado di godersi ogni città il più possibile nel nostro momento particolare. I giri in gondola, la contrattazione per il cuoio fiorentino e il concerto di Vivaldi sono alcuni dei meravigliosi momenti salienti di questo viaggio memorabile.

Ma non credermi sulla parola. Ho avuto l’opportunità di intervistare cinque miei colleghi che hanno fatto questo viaggio nel nord Italia. Ognuno di loro ha vissuto un’esperienza unica ricca di attività, lezioni e sfide diverse che avrebbero aiutato a dipingere un quadro completo di come sarebbe stato questo viaggio per il futuro romano.

La reazione al viaggio nel suo insieme è stata incredibilmente varia. Andrew Brelkov, maggiore inglese di seconda classe, pensava che questo viaggio fosse il suo preferito, soprattutto nella zona di Venezia.

“Mi è stato detto molte volte che quando mi ritirerò, mi ritirerò a Venezia”, ​​ha detto Brelkov. Ha notato che ama la varietà di negozi e l’atmosfera generale pur essendo vivace e allo stesso tempo. “Devi andare in gondola mentre sei lì”, e alla lunga valeva venti euro.

La maggiore economica Sarah Freund del secondo anno ha stimato che questo viaggio fosse da qualche parte nel mezzo rispetto a quelli che aveva intrapreso finora, come l’ACC. Parte della sua logica è che, sebbene Siena fosse una città migliore, avrebbe potuto trascorrere più tempo in città se il programma fosse cambiato.

READ  Il tanto ambito ristorante italiano trova una nuova casa dopo essere stato sfrattato dal sito rosso

“Abbiamo avuto molto tempo libero a Venezia e Firenze, alcuni dei quali potremmo esserci trasferiti per trascorrere più tempo a Siena”, ha detto Freund, sostenendo che i romani non avrebbero potuto trascorrere un’intera giornata a Siena, ma avrebbero potuto. Ci sono stato prima.

Emily Ballet Dietrich, laureata al secondo anno in economia, pensava che Firenze fosse come Roma, ma amava Venezia.

Inoltre, il viaggio è stato lungo e alla fine lei, insieme ad altri, era così stanca per il viaggio che Siena non era interessata. “Alla fine eravamo molto stanchi e molte persone volevano andare a casa”, ha detto Dietrich.

Parte della bellezza di questi viaggi è che, anche se la scuola è pianificata con alcune restrizioni che non si trovano nei lunghi weekend indipendenti, ognuno ha l’opportunità di scegliere le proprie attività con gli insegnanti che guidano il tour. Questo senso di libertà limitata crea una varietà di storie che possono emergere da un unico viaggio, come nel nord Italia.

La maggiore di biologia Isabella Presotto de Lima ha girato un teatro dell’opera a Venezia, dove ha iniziato a cantare per lodare e incoraggiare il pubblico locale che aveva iniziato a entrare nella stanza.

“E ‘stato davvero surreale”, ha detto Lima, soprattutto perché mi trovavo in una stanza precedentemente eseguita da cantanti d’opera famosi come Maria Galla.

Carla Espinosa, Sindaca del Secondo Anno in Affari, ha inventato in Italia un particolare ristorante dove i menù sono scritti a mano ogni giorno. Dott. Lo ricorderanno gli studenti di Anthony Nusmier dal nuovo anno della classe di italiano a Irving. E Freund riuscì a salire in cima al famoso Duomo di Firenze, nonostante tutte le scale.

READ  Caso omicidio pescatori: l'Italia paga ₹ 10 crore Per le famiglie il centro si trova in S.C.

“È sicuramente un allenamento, ma la vista rende sicuramente la salita utile”, ha detto Freund.

Sebbene gli studenti in diverse città abbiano esperienze diverse, un aspetto dell’area di viaggio di Firenze che molti considerano un rituale nell’UD è andare ai mercati popolari della pelle, che è una raccolta di venditori ambulanti e negozi – che si può dire vero. Articoli in pelle come giacche, cinture e bustine. Se vedi qualcuno che cammina per il campus di Irving con una giacca di pelle o una borsa, è probabile che lo prendano a Firenze.

Tuttavia, gli studenti della Roma di primavera hanno avvertito i futuri romani di non correre a testa in giù per comprare giacche. Parte del processo prevede la negoziazione con i venditori, alcuni dei quali non sono sempre bravi.

“È molto spaventoso quando entri per la prima volta”, ha detto Lima, aggiungendo che i potenziali acquirenti dovrebbero essere sicuri di acquistare ciò che vogliono veramente perché hanno un buon affare.

Espinosa ha notato che se conosci l’italiano, hai maggiori possibilità di ottenere un buon affare. “Il negoziante sapeva che non parlavo italiano come prima lingua, ma ha apprezzato il mio italiano e mi ha fatto uno sconto per la mia capacità di parlare”, ha detto Espinoza, aggiungendo che è stato in grado di strappare due borse di pelle per 55 euro. Ma alla fine, non sono per tutti.

Come sottolinea Dietrich, “Solo perché tutti a Roma stanno facendo qualcosa non significa che tu debba farlo”. Si può ottenere qualcosa di strano come una cintura o un portafoglio o semplicemente saltare del tutto i mercati e godersi Firenze.

READ  "Fantastico!" - L'italiana Luna Rosa si qualifica per la Coppa degli Stati Uniti

La lezione generale degli intervistatori è che viaggiare è buono solo quanto quello che fai. Hanno suggerito che poiché ogni luogo ha meno tempo, dovresti sfruttarlo al meglio ed esplorare le caratteristiche uniche che ogni città offre. A Venezia, per esempio, diceva Brelka, basta spingere Google Maps ed uscire ed esplorare la città.

“I taxi d’acqua sono molto utili”, ma Brelka ha detto che camminare per la città ti darà viste e luoghi migliori da vedere. Dietrich ha anche indicato le famose sculture in vetro di Venezia con bellissimi piatti, statue e bicchieri da vino.

Un altro consiglio importante è quello di aiutare a immergersi il più possibile in ogni luogo. Ad esempio, le chiese sono luoghi di visita popolari a causa del loro significato religioso, storico e artistico. Alcuni studenti iniziano a sentirsi “fuori dalla chiesa” e vogliono trasferirsi in altri posti.

Tuttavia, Freund ha sottolineato che questo non deve essere il caso. “Essere in una bella chiesa e andare con la maschera è qualcosa, non capisco la lingua, ma ancora non so cosa sta succedendo”. Ha sottolineato che per ridurre questo sentimento bisogna avvicinarsi alla chiesa come luogo santo e non come meta turistica.

Non tutti i viaggi cambieranno la vita e a volte potresti non avere la sistemazione che ti aspetti. Ma come tutti questi intervistatori hanno chiarito, hai la responsabilità parziale di sfruttare al meglio ogni luogo che visiti. Ci sono ricordi e momenti meravigliosi, ma crearli è tuo.