Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I proprietari miliardari iniziarono a litigare per la European Football League

Una manciata di grandi club di calcio ha scioccato il mondo con i loro piani per un campionato separatista che potrebbe annunciare il più grande cambiamento nello sport da decenni e rendere più ricche le squadre d’élite.

I ricchi membri del franchise che sostengono la cosiddetta Premier League trarrebbero vantaggio se il piano fosse stato ripagato. Squadre come Arsenal e Manchester United avranno iscrizioni permanenti nel nuovo sistema, eliminando l’incertezza sulla Champions League – quali squadre devono qualificarsi ogni anno o rischiano di perdere le entrate delle trasmissioni e delle sponsorizzazioni.

I club parteciperanno a un acconto di 3,5 miliardi di euro (4,2 miliardi di dollari), Finanziato da JPMorgan Chase & Co.

Tuttavia, i ricchi proprietari che supportano i club che non fanno parte della Premier League saranno persi se la proposta di creare un nuovo torneo d’élite in Europa andasse avanti, che incanalerebbe miliardi di dollari nelle alte sfere del gioco dopo un anno in cui era. Covid. – 19 pandemie hanno influenzato i proventi dello sport.

La mossa è stata criticata perché ha ribaltato la natura competitiva dello sport, incluso l’Everton Football Club, che ha Farhad Moshiri la maggior parte della mossa.

“Questa irragionevole arroganza non è desiderabile da nessuna parte nel calcio al di fuori dei club che hanno formulato questo piano”, il Consiglio di amministrazione di Everton Ha detto in una dichiarazione martedì.

LEGGI ANCHE: Premier Soccer League significa tanti soldi, grande rabbia: QuickTake

Ecco alcuni dei potenziali vincitori e vinti tra i super ricchi se viene creato il nuovo campionato proposto.

La partita di Premier League tra Manchester United e Burnley all’Old Trafford il 18 aprile a Manchester.

Fotografo: Gareth Copley / Getty Images

I vincitori

La famiglia Glazer: i parenti del defunto uomo d’affari Malcolm Glazer possiedono il Manchester United Plc da quando hanno completato l’acquisizione con leva finanziaria nel 2005. Sette anni dopo hanno quotato il club inglese alla Borsa di New York, in parte per estinguere il debito, rendendo Glazers uno dei i primi proprietari a sentire i benefici dei piani Premier League. Le azioni del Manchester United sono aumentate dell’11% lunedì, al livello più alto dall’inizio di novembre.

READ  Manomissione dei freni della funivia in Italia incidente: Pubblico ministero

“La Premier League aprirà un nuovo capitolo nel calcio europeo, garantendo competizioni e strutture di livello mondiale e aumentando il sostegno finanziario per la piramide calcistica più ampia”, ha affermato Joel Glazer, co-presidente del Manchester United. La famiglia Glazer possiede anche i Tampa Bay Buccaneers della NFL, che hanno vinto il Super Bowl Championship all’inizio di quest’anno.

Stanley Kronke: Possiede tutte le squadre di calcio dell’Arsenal dopo che sono diventate private tre anni fa in un accordo che stimava il club della Premier League a $ 2,3 miliardi. Controlla anche le squadre sportive americane, inclusa la squadra dei Los Angeles Rams nella NFL, attraverso la Kroenke Sports & Entertainment con sede a Denver. Il suo patrimonio netto è di circa $ 9,8 miliardi, secondo il Bloomberg Billionaires Index.

John Henry: Il principale proprietario del Fenway Sports Group ha investito i suoi soldi dietro il Liverpool FC – un’altra squadra della Premier League – dal 2010. Il matematico ha fatto fortuna come uno dei principali commercianti di futures su materie prime e il suo gruppo possiede anche i Boston Red Sox e il Racing Roche Fenway per NASCAR.

La famiglia Agnelli: ora guidata da John Elcan, la dinastia italiana dietro a marchi automobilistici come Fiat possiede la Juventus Football Club SpA, una delle tre squadre italiane che supportano il nuovo campionato. Le azioni del club torinese – che annovera Cristiano Ronaldo tra i suoi giocatori – sono aumentate del 18%, il massimo da ottobre 2013.

Andrea Agnelli, presidente della Juventus, ha detto che il nuovo campionato aiuterà lo sport a lungo termine e fornirà “a tifosi e dilettanti un flusso regolare di partite importanti che alimenteranno la loro passione per il gioco”.

READ  Il nuovo romanzo di Jhumpa Lahiri "Whereabouts" è una fuga dalla pandemia
Portogallo-Azerbaigian - Qualificazioni ai Mondiali Qatar 2022

Cristiano Ronaldo

Fotografo: Jonathan Muscrop / Getty Images

Roman Abramovich: L’oligarca russo ha fatto fortuna vendendo ex beni di proprietà statale acquisiti dopo la caduta dell’Unione Sovietica e ha acquistato il club inglese Chelsea nel 2003 per circa $ 200 milioni. Il suo investimento ora vale quasi $ 2 miliardi, secondo l’indice di ricchezza di Bloomberg.

Aidan Ofer: Il miliardario israeliano Ofer controlla una quota di minoranza nell’Atlético de Madrid, uno dei club spagnoli che partecipano ai nuovi piani di campionato insieme a Barcellona e Real Madrid.

Zhang Jindong: il fondatore del produttore cinese di elettrodomestici Suning Appliance Group ha acquistato una partecipazione di controllo nell’Inter per 306 milioni di dollari nel 2016. La squadra di calcio italiana è tra coloro che intendono entrare a far parte del campionato separatista.

Perdenti

Rocco Comiso: Il fondatore e CEO della televisione via cavo statunitense Mediacom ha acquistato due anni fa una quota di maggioranza nell’ACF Fiorentina. Il club italiano non è elencato come membro fondatore del nuovo campionato proposto, che avrebbe sempre 15 squadre con altre cinque in grado di qualificarsi ogni anno. Comiso – che ha un patrimonio netto di $ 8,8 miliardi secondo il Bloomberg Index – domina anche la squadra di calcio del New York Cosmos.

Ayawat Srivaddanapraba: il 35enne CEO di King Power Group ha ereditato la proprietà del club inglese Leicester City dal suo defunto padre dopo un fatale incidente in elicottero nel 2018. Leicester ha vinto la Premier League per la prima volta nel 2015-16 ed è attualmente terzo in classifica per questa stagione, sopra i quattro concorrenti – Liverpool, Arsenal, Chelsea e Tottenham Hotspur – che sono i membri fondatori della competizione europea in programma.

READ  Euro 2020: i primi cinque inni nazionali

Nassif Sawiris: La persona più ricca in Egitto ha acquistato una quota di maggioranza nel club inglese Aston Villa tre anni fa attraverso un gruppo che controlla con il co-fondatore del Fortress Investment Group Wes Edens. La coppia ha acquistato le restanti azioni del club nel 2019. Sawiris – che possiede anche una partecipazione in Adidas AG – ha una fortuna di 6,5 miliardi di dollari, secondo il Wealth Index.