Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I produttori internazionali di cioccolato mostrano la sostenibilità sociale ed economica – Food Tank

L’annuale European Chocolate Festival nell’Italia centrale riunirà cioccolatieri di tutto il mondo per mostrare le tradizioni globali del cioccolato e i prodotti del commercio equo e solidale.

Fin dal primo festival nel 1994, Eurochocol ha voluto mettere in luce le tradizioni del cioccolato italiane e internazionali. Questa manifestazione attira ogni anno migliaia di visitatori a Perugia, oggi chiamata la Città del Cioccolato.

Quest’anno, dal 14 al 23 ottobre, Eurochocol invita produttori selezionati di 11 paesi produttori di cacao in tutto il mondo. Il festival presenterà personalità provenienti da Colombia, India, Perù, Nicaragua, Venezuela, Togo, Filippine, Repubblica Dominicana, Ecuador, Uganda e Madagascar. Eurochocol ha nominato il Messico l’ospite d’onore in riconoscimento della tradizione del cioccolato autentico.

“Siamo molto soddisfatti di questa partecipazione”, ha affermato Eugenio Garducci, Presidente di Eurochocol, Dice“Confermando l’autorevolezza acquisita a livello internazionale attraverso il nostro evento e ponendo le basi per il possibile sviluppo di una concreta cooperazione tra i due Paesi nelle filiere del cacao e del cioccolato”.

Il ministro messicano del turismo a Tabasco, Jose Antonio Neves Rodriguez, Dice La mostra offre “un’opportunità per diventare un ottimo modo per gli italiani di conoscere la storia e la cultura del cacao e del cioccolato”.

I produttori condivideranno i loro valori di qualità e sostenibilità attraverso prodotti di cioccolato del commercio equo e solidale, sottolineando la tradizione insieme ai valori contemporanei di sostenibilità sociale ed economica. I visitatori possono trovare i produttori nel Padiglione Chocolate Experience, che offre degustazioni, esperienze educative e prodotti in vendita.

Cioccolato È uno dei produttori presenti in Eurochocol. Fondata nel 2014 come prima azienda di lavorazione del cacao in Togo, la cooperativa lavora per riconnettere gli agricoltori con il resto della catena del valore. “Anche i coltivatori di cacao non hanno mai mangiato cioccolato”, dice a Food Tank Eric Agbogo, fondatore di ChocoTogo. “Volevamo fornire cioccolato nel nostro paese”.

READ  Una società americana acquista il leggendario quartier generale della McLaren F1

Per ChocoTogo, colmare la filiera del cacao significa creare posti di lavoro a sostegno dell’economia locale. “Vogliamo restituire agli agricoltori la loro dignità”, afferma Agboko. ChocoTogo lo fa stipulando contratti diretti con la National Cocoa Growers Association, che aumenta la tracciabilità. Molti di questi rapporti sono con aziende a conduzione familiare della dimensione di un ettaro a due ettari.

ChocoTogo spera attraverso il suo lavoro di favorire in particolare le donne. “Assumiamo le nostre madri e le donne anziane, perché non hanno possibilità di fare domanda per un lavoro. Nessuno le accetterà”, ha detto Agboko a Food Tank. “Vogliamo renderli il paradiso”. Aggiunge che stanno anche facendo il possibile per reinvestire nella comunità, investendo profitti in progetti di sviluppo locale, compresa l’implementazione dell’energia solare e la costruzione di scuole.

ChocoTogo, insieme ad altri produttori internazionali, presenta le prospettive globali di Eurochocol 2022 sulle tradizioni locali nell’industria del cioccolato. “Vogliamo mostrare da dove viene il cioccolato”, ha detto Agboko a Food Tank.

Articoli come quello che hai appena letto sono resi possibili dalla generosità dei membri di Food Tank. Possiamo contare su di te per far parte del nostro movimento in crescita? Diventa un membro oggi cliccando qui.

Immagine per gentile concessione di Wikimedia Commons